Utente
Gentili specialisti,
vi scrivo nell'attesa di effettuare degli accertamenti che mi sono stati prescritti a seguito di un reperto RMN cerebrale ( di dicembre2015) ove si evidenzia un "modesto maggior aumento degli spazi liquorali subaracnoidei al vertice". Le restanti strutture e sistemi sono nella norma . L'obiettività neurologica è negativa ( ho eseguito subito una visita neurologica ) . La neurologa che mi ha visto pero' dice che non ha mai notato altri casi simili dove sia stata riscontrata questa maggior ampiezza degli spazi in sede frontale soprattutto in un soggetto giovane come mè ( ho 41 anni) . Potrebbe essere un segno di demenza precoce ? La RMN l'avevo eseguita per episodi di cefalea non usuali per me,ma avevo anche accennato a difficoltà di concentrazione e una sensazione di " riduzione " delle capacità intelletive e percettive della realtà pur in assenza di episodi di disorientamento o altre situazioni che avvengono nei soggetti con demenza . Vi chiedo solo un parere ( visto che la mia neurologa non concosce casi simili!) : l'attesa degli esami che dovro' fare ( fra i quali esame del liquor) mi rende la vita difficile. Grazie e saluti

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

anche se non frequentemente questi reperti si possono riscontrare, anche in soggetti perfettamente normali e possono anche non avere una evoluzione in senso patologico propriamente detto.
È corretto però approfondire il caso integrando gli esami prescritti anche con test neuropsicologici qualora non fossero stati consigliati.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dottore ,
ringrazio per la sua risposta avevo omesso di dire che nel 2006 avevo eseguito lo stesso esame RMN per altri motivi ma non vi era alcun segno di maggior ampiezza degli spazi come ho indicato prima . L'esito della RMN era del tutto negativo e la sintomatologia che avvertivo era correlata piu' ad uno stato psicologico .Oggi invece la neurologa che mi ha visitato dice che non si aspettava di rinvenire unevidenza di natura organica.In programma avrei anche i test neuropsicologici
Nonostante l'obiettività della visita neurologica negativa mi pare di capire che cio' non è sufficiente per tranquillizarmi in merito all'atrofia .....?

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

no, la visita neurologica può essere negativa anche in presenza di atrofia.
Faccia serenamente gli esami prescritti.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro