Utente 331XXX
Salve 46 anni e Ho fatto una RM di controllo a causa di tracciati anomali nell'elettroencefalogramma (in passato curato con tegretol 400 mg). Da oltre 20 anni non ho più avuto problemi fino a 4 mesi fa dopo un periodo di forte stress in cui sono riapparsi piccoli disturbi (vertigini) ad oggi scomparsi. Questo è il referto:

Presenza di alcune millimetriche areole di iperintensità di segnalevisualizzabili nella sequenza a TR lungo in sede sottocorticale frontale bilaterale rapporto ad aspecifiche località glicoliche per ciò si consiglia consulenza specialistica neurologica ed eventuale controllo evolutivo RM. Non ulteriori significative alterazioni di segnale a livello del parenchima encefalicosovra e sottotentoriale.
Aumento del contenuto liquore endosellare con iniziale stratificazione del parenchima ipofisario sul pavimento del cavo sellare.
Struttura della linea mediana in asse. Spazi liquori nei limiti. Aspetti di sinusite mascellare bilaterale più marcati a destra.


Ovviamente prenoterò la visita neurologica. Ma la mia domanda è se, tradotto in un linguaggio comprensibile, mi devo preoccupare o se posso stare tranquillo perché tutto rientra nella patologia descritta sopra.


grazie

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

a parte le alterazioni dei tracciati EEG, in passato ha avuto diagnosi di epilessia? Ha avuto crisi epilettiche?
Riguardo l'attuale esito della RM encefalica, sembrerebbe poco probabile una correlazione con gli eventuali pregressi episodi, sempre che ci siano stati.
Le alterazioni riscontrate sono state definite di tipo gliotico aspecifico per cui rappresenterebbero esiti di pregressi insulti di solito di tipo vascolare, infiammatorio, traumatico.
A livello dell'ipofisi, si dovrebbero visionare direttamente le immagini per dare un parere attendibile, da quanto riporta il referto una delle ipotesi è quella di una possibile cisti (subaracnoidea?).
Concludendo, sempre restando a quanto recita il referto, non sembrerebbe nulla di grave.
Ovviamente la visita neurologica è da effettuare.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 331XXX

Salve dottore, prima di tutto grazie per la risposta. Non ho mai avuto crisi epilettiche ma piccoli stati d'assenza che duravano meno di un secondo e episodi frequentissimi di dejavu uniti a sudorazione fredda. Ma questo molto tempo fa.
Quello che ho notato è un abbassamento della vista (da vicino) ...ma non so se è legato all'età (46 anni).
A ottobre ho fatto un intervento a causa di un teratoma maturo al testicolo (ho fatto tutti i vari esami successivi per verificare se c'erano formazioni a distanza: tac torace addome e risonanza colonna vetebrale e encefalo di cui ha il referto) rivelatosi di origine benigna. Il teratoma è stato rimosso. Il testicolo non è stato rimosso. E tuttora è tutto ok. Quindi lei pensa che si tratti di una ciste? È da escludere una formazione a distanza di (quella del testicolo) ?

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

come Le dicevo si devono visionare direttamente le immagini dell'esame per dare un parere attendibile. Tuttavia il referto recita "aumento del contenuto liquorale endosellare" che farebbe pensare una cisti, Le ripeto però che è solo un'ipotesi basata esclusivamente su quello che recita il referto.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 331XXX

Grazie mille.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Buon pomeriggio
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 331XXX

Buongiorno Dottore, martedì avrò la visita da un neurochirurgo per valutare le immagini dell'esame. Nel frattempo vorrei porle la seguente domanda: è possibile che l'aumento del contenuto liquor sia dovuto ad un'ernia cervicale? grazie in anticipo per la risposta.

[#7] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Mi permetto di intervenire per dirle che l'ernia cervicale non ha alcun nesso con l'aumento del liquor endosellare.
La presenza del liquor all'interno della cavità sellare (sella turcica) in cui è contenuta l'ipofisi è definita empty sella o parziale empty sella ( sella vuota)

La definizione si riferisce all'immagine di RM che, per la presenza del liquor in eccesso, comprimendo l'ipofisi
all’interno del cavo sellare , fa vedere la ghiandola schiacciata sul pavimento sellare.

I motivi per cui il liquor "scende" nella sella possono essere molti, per cui la visita neurochirurgica si impone soprattutto perché il disturbo della vista riferito può essere dovuto a questa situazione.

Cordialmente
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#8] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

va bene per la visita neurochirurgica.
La causa più frequente di aumento del liquor endosellare è una cisti subaracnoidea.
Ovviamente si devono visionare direttamente le immagini per dare un parere attendibile.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#9] dopo  
Utente 331XXX

Salve dottori e grazie ad entrambi per le vs spiegazioni. Unica cosa che mi lascia perplesso è che qualora ci fosse stata una ciste o altro credo che doveva essere citata nel referto o sbaglio?

[#10] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

a volte le immagini non sono molto chiare per cui il neuroradiologo giustamente resta un po' nel vago ma, come Le dicevo precedentemente, la causa più frequente statisticamente resta la cisti subaracnoidea, ovviamente è solo un dato statistico. Per studiare meglio il problema, qualora il neurochirurgo avesse dubbi, è utile una RM mirata alla regione sellare-ipofisaria, preferibilmente con mezzo di contrasto.
Sarà comunque lo specialista a dirLe come e se procedere.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#11] dopo  
Utente 331XXX

Gentili dottori, so bene che quello che sto per chiedervi non è la cosa corretta da fare, ma so anche che parliamo di patologie non di poco conto.... Potreste dare un "occhiata"... almeno se possibile per escludere qualcosa di serio? Qui potete trovare le immagini dell'rm encefalo.
Ovviamente non chiedo una diagnosi...ci mancherebbe.... una sola occhiata.

grazie in anticipo

questo il link per scaricare le immagini
https://www.dropbox.com/s/ktr4gwsyeeprjbf/rmencefalo.zip?dl=0

[#12] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

è vietato dalle linee guida del sito, che invito a leggere, inviare materiale diagnostico per avere un parere a distanza. Deve fare visionare le immagini al neurochirurgo. Grazie.

https://www.medicitalia.it/consulti/linee-guida-consulto-online.php#parte1
In particolare legga Parte I numero 2.i

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro