Utente 438XXX
Salve,

chiedo un consulto per via di mio padre,80 anni, 5 anni fa colpito da ischemia cerebrale con paresi lato sx.
Pur considerando l'età e la patologia subita ha sempre goduto di discreta salute, tuttavia da un mesetto circa ha iniziato a soffrire di insonnia che via via sta peggiorando.
Comunque tornando al caso in questione, negli anni ha avuto questi sporadici episodi di insonna, ma che duravano un paio di giorni massimo, e cmq sempre risolti con 7/8 gocce di banalisso talofen..
Adesso non sente nulla, ne talofen,ne lexotan o valium. A livello cognitivo è abbastanza normale fin ora,e pare non perdere colpi Ho un appuntamento per venerdì con un neurologo, nel frattempo il medico di base ha ipotizzato
problemi al talamo o qualcosa del genere. Ho letto che si può anche non dormire più fino alla morte.
Fra l'altro mio padre da dopo l'ischemia ha avuto alcuni episodi di epilessia che sono stati sopiti con gardenale 100 che prende ogni sera...
Saranno 2 anni che non ha nessun attacco ormai.
Ho fatto le analisi di routine e sono ok. glicemia,sideremia transaminasi potassio, sodio, emocromo lattato deidrogenasi tutto ok.
Creatinina normale ma azotemia un pochino alta 55...
Pressione arteriosa normale, saturazione (ho l'apparecchio) normale...
Negli ultimi giorni ha iniziato ad accusare un leggero tremito impercettibile per gli altri che non lo conoscono come me.
Un leggero tremito specie nel parlare, non tanto nel muoversi, insomma come quando si parla mezzi svestiti in una zona freddissima, non so se rendo l'idea?

Sono preoccupato enormemente...

Vi ringrazio per il vostro tempo.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Egregio Utente,
intanto se vuole può farsi un'idea più ampia dei problemi dell'insonnia leggendo il mio articolo sugli Speciali Salute "Tutto sul sonno". Da quanto dice, suo padre potrebbe avere anche un parkinsonismo, che incide molto sul sonno. Consulti il Neurologo fra breve, come ha detto, che si farà carico del problema.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 438XXX

Egregio Dott. Colangelo,
La ringrazio intanto per la celere risposta.
Leggerò immediatamente il suo articolo, tuttavia mi premeva farle una domanda, e fare io una precisazione.
Volevo chiedere se è possibile che il parkinson possa manifestarsi così all'improvviso?
L'insonnia "grave" è comparsa all'improvviso 1 mesetto fa.
La precisazione è che ieri ho portato di tasca mia per sbrigarmi, mio padre a fare una Tac(senza mc) ed in parole povere a detta del medico la presente le lastre sembrerebbero sovrapponibili a quelle fatte all'epoca dell'evento ischemico. Mi ha consigliato però una rmn perchè ci si vede di più...
L'unico dubbio che ho conoscendo mio padre è che in passato seppur in piccolo questi sintomi li ha avuti nei momenti di malessere fisico, tipo quando ha la febbre.
In quei casi diventa insonne e leggermente agitato da dopo l'ictus. Però questa volta non ha nessuna febbre ne forme influenzali, e il tutto dura da un mese...
Un altro dubbio è che anche dallo stesso periodo accusa un dolore rettale secondo me dovuto ai continui clisteri vista la sua enorme stitichezza. Il medico di base visitandolo così ad occhio non ha riscontrato nulla di significativo nel retto e neanche nella prostata, certo però solo una visita superficiale.
Io non saprei cosa pensare... Certo conoscendolo è mia personalissima opinione che il suo problema risieda dal collo in giù e non viceversa. Solo volevo sapere se un dolore seppur lieve, in un paziente comunque con delle cicatrici cerebrali può portare a simili disturbi?
Grazie ancora per la risposta!

[#3] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Faccia praticare la RM e se vuole riferisca pure il referto
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#4] dopo  
Utente 438XXX

Certo, lo farò quanto prima.
Grazie ancora, buonanotte.