Utente 193XXX
Salve
Ho veramente bisogno di poter capire cosa mi sta succedendo.
Sono una signora di 43 anni ..da circa 10 gg ho una fascicolazione praticamente giornaliera che si presenta svariate volte durante il giorno al muscolo del pollice della mano destra che mi fa muovere leggermente il dito stesso. Tutto è iniziato appunto 10gg fa ...per qualche giorno la fascicolazione è rimasta isolata a questo muscolo dopo qualche giorno ho iniziato a sentirne qualcuna ma molto molto più rare alla spalla destra ..qualche volta al labbro ..alla spalla sinistra ..e alla palpebra sinistra...
Già nel 2009 mi era successo di avere una fascicolazione all'addome nella parte alta a destra che è durata per diversi giorni e che mi ha portato a fare una visita neurologica e una EMG e eng ... La visita fu negativa e riscontrò solo una leggera vivacità dei riflessi ...l EMG e eng riscontrò solo e in maniera nemmeno certissima una leggera ipereccitabilità neuromuscolare.
Ieri ho nuovamente effettuato visita neurologica alla luce di questo nuova fascicolazione che dopo anni si è presentata ed è risultata negativa sempre con i riflessi un pochino vivaci... Idem l EMG e eng efettuata ieri sera che in questa occasione non ha rivelato ( a dire di questo medico che non è lo stesso dell' altra volta) nemmeno l ipereccitabilità.
Le analisi cpk e tiroide e calcio sono a posto... Io sono leggermente anemica in quanto portatrice di talassemia..
Cosa posso fare? La fascicolazione alla mano continua così come sporadicamente le altre...
Il neurologo esclude malattie neuromuscolari evolutive e parla di probabile disfunzione neuromuscolare forse costituzionale ... Infatti mi ha mandato per sicurezza a ripetere l EMG... Ma a questo punto visto che non è uscito niente nemmeno li cosa mi consigliate...? Io non sento deficit di forza alla mano se non forse un fastidio al pollice tipo come fosse più teso( ma magari è una mia suggestione?)
Mi sembra di sentire dei brividi agl'arti inferiori...apparte questo niente altro.
Le uniche altre notizie a ulteriore completezza sono che da sempre quando sono in tensione tendo a contrarre i muscoli e mi si scatena (in alcuni casi di forte tensione) un tremore diffuso...che passa appena la situazione rientra.
Il medico che ha effettuato l EMG mi ha consigliato di effettuare un elettroencefalogramma...potete dirmi se concordate..e perché ?
Devo ancora fare alcuni dosaggi... come la Vitamina D acido lattico pth protidogramma
Sodio potassio magnesio vitamina b12 omocisteinemia aldolasi PCR VES ecc..
Nel frattempo per favore ditemi se posso stare relativamente tranquilla o se può ancora essere che si tratti di qualcosa di veramente grave come la Sla...
Grazie
Saluti

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
la prescrizione di un esame elettroencefalografico è, a mio avviso, utile per escludere del tutto una responsabilità cerebrale nel fenomeno che la sta tanto preoccupando. Esegua l'esame e se vuole ne riferisca l'esito.
Non pensi a diagnosi catastrofiche che il suo stato neurologico non giustifica....
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 193XXX

La ringrazio per la sua gentile risposta .. quello che non comprendo è che il neurologo alla visita era abbastanza certo che l' episodio del 2009 fosse legato o comunque della stessa natura di questo ... Allora mi chiedo...un'origine cerebrale del problema dal 2009 ad adesso sarebbe rimasta invariata ? .. e che tipo di patologie può evidenziare un elettroencefalogramma che una EMG non ha evidenziato ? Se può rispondermi ovviamente...
Comunque l' esame lo farò senz'altro..
Saluti

[#3] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Serve per escludere un'ipotesi (molto remora, mi creda) di epilessia parziale. La negatività dell'esame, tra l'altro, la convincerà ancora di più di non avere alcuna patologia degenerativa a carico del tessuto cerebrale
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it