Utente 473XXX
Salve sono una ragazza di 30 anni e soffro di epilessia generalizzata idiopatica con crisi tonico-cloniche. Fino ad ora sono stata in cura con depakin chrono (800 mg al giorno) e keppra (4000 mg al giorno). Nell'ultima visita dal mio neurologo mi è stato prescritto di sostituire gradualmente il depakin chrono con la lamotrigina. Io ho spiegato al mio neurologo che a 15 anni di età mi fu già prescritta la lamotrigina ma con il risultato che si ripresentò una crisi. La differenza secondo il mio medico sarebbe che ora andrebbe associata al keppra. premetto che anche quest'ultimo da solo non funzionò. Io sono un pò preoccupata e volevo chiedere se effettivamente il binomio keppra + lamotrigina potrebbe essere vincente nella mia forma di epilessia anche se entrambe messe da sole non hanno funzionato. Ho paura di ricadere nella stessa situazione dei quando avevo 15 anni. Vi ringrazio.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la lamotrigina è indicata nelle forme di epilessia come quella che Lei riferisce, poi l'efficacia varia da soggetto a soggetto ed è altamente individuale.
Scrive, inoltre, che come farmaco in monoterapia non ha data gli effetti sperati, tuttavia è possibile che associato al keppra possa risultare efficace.
In ogni caso, come per qualsiasi antiepilettico, non è possibile stabilire a priori se funzionerà o meno.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 473XXX

Grazie dottore per la celere risposta, se ho ben capito l'associazione dei due farmaci può dare effetti maggiormente positivi rispetto che prenderli singolarmente. Se è così mi sento più sicura nel fare tale cambiamento. Grazie ancora

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

sì, ha capito benissimo, l'associazione di due farmaci può dare risultati migliori rispetto all'assunzione degli stessi farmaci utilizzati singolarmente.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro