Utente 271XXX
Salve da due mesi ho un fastidio palato lingua e labbra per l'esattezza un formicolio senza dolore
normopeso non fumatore no alcool no caffe' 52 anni
Visita neurologica nella norma, verosimile nevralgia trigemino ora in cura con lyrica 75 solo 1 la sera
effettuata RM senza mdc con angio
L'unica cosa in grassetto scritta è questa: Focale alterazione del segnale a livello del peduncolo cerebrellare medio di sinistra con modesta restrizione del segnale allo studio funzionale DWI. Reperto di non univoca interpretazione e meritevole di studio anche dopo somministrazione di mdc e.v.
Poi sotto scritto non in grassetto una cosa che ha sollevato la mia attenzione. Posizione lievemente bassa delle tonsille cerebrellari. Empty sella parziale
Sono in ansia se potete aiutarmi prima di parlare col neurologo. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la "posizione lievemente bassa" delle tonsille cerebellari non necessariamente ha un significato patologico, infatti il referto non parla di impegno nel forame magno (comunicazione fra cranio e colonna vertebrale), per cui non viene a crearsi una compressione delle suddette tonsille. Ovviamente le immagini devono essere visionate da un neurologo per avere un parere diretto.
"Empty sella parziale" è un reperto non raro a riscontrarsi ed indica una compressione dell'ipofisi (una ghiandola situata nella sella turcica) da parte di un diverticolo dell'aracnoide ( una delle tre membrane meningee) che si spinge nella sella.
Nella maggioranza dei casi è asintomatica e di solito la forma "parziale" non causa alterazioni degli ormoni ipofisari che comunque è meglio valutare, in tal senso è consigliata anche una visita endocrinologica.
Nel complesso posso dirLe di stare tranquillo.
Riguardo invece la focale alterazione a livello del peduncolo cerebellare, non essendo l'immagine di univoca interpretazione, concordo col consiglio del neuroradiologo per un approfondimento con RM con mezzo di contrasto.
Veda però cosa Le dirà il neurologo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 271XXX

Buonasera
La ringrazio di cuore per la chiarezza e per aver risposto subito.
Effettuero' in questi giorni la RM con contrasto e frequenze angio intra ed extra craniche.
Il dubbio è lesione ischemica o infiammatoria
Postero' subito il risultato

Grazie e buon anno!!!

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Grazie e buon anno anche a Lei
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 271XXX

Buonasera Dottore ho avuto il reperto della RM con metodo di contrasto

In corrispondenza del rilievo segnalato al peduncolo cerebellare medio di sinistra non si rilevano patologici potenziamenti del segnale dopo infusione di mdc paramagnetico. I reperti RM non consentono una sicura caratterizzazione diagnostica, non potendo escludere tuttavia lesione gliale di basso grado. Necessario stretto monitoraggio clinico-strumentale.

Sono nell'ansia totale
Potrei avere un suo parere e qualche consiglio.

Grazie infinite

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

è certamente una buona notizia la non impregnazione patologica del mezzo di contrasto, ne parli con lo specialista che La segue per un controllo clinico, cioè per una visita neurologica e per fare visionare le immagini dell'esame.
Ovviamente deve sottoporsi a controlli RM periodici secondo quanto Le indicherà lo specialista, inizialmente è consigliabile che siano più ravvicinati, poi se l'alterazione si dovesse mantenere stabile i controlli possono essere effettuati a maggiore distanza di tempo.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 271XXX

Buongiorno e grazie

Ho parlato telefonicamente col neurologo, secondo lui è un episodio ischemico e mi ha rimandato al cardiologo per la ricerca della pervieta' del forame ovale.

E' possibile che a distanza di due mesi ho ancora il formicolio? Certo ora col panico che mi è preso pare anche sia aumentato, davvero non ci sto capendo piu' niente.

Grazie Dottore e perdoni la mia ansia

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

è possibile che l'alterazione riscontrata sia di origine vascolare.
Per quanto riguarda il formicolio, non è nemmeno detto che dipenda da questa alterazione. La causa? Non è possibile stabilirla da questa postazione.
Non si faccia prendere dall'ansia però, stia sereno.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro