Utente 565XXX
Salve circa un mese fa ho fatto un prelievo.
Immediatamente ho avvertito un pizzico nella mano e nei giorni seguenti delle scosse al braccio.
Il mio medico ha pensato potesse trattarsi di un nervo che è stato pizzicato.Così mi ha prescritto il Nicetile.L'ho assunto per 1 settimana,dopodiché l'ho interrotto perché ho incominciato ad avere leggeri mal di testa e successivamente dolori/bruciori al collo e alla nuca.Contemporaneamente sono comparsi gli acufeni.
Ho preso per circa 5 gioni degli antinfiammatori,il fastidio al collo è scomparso,ma gli acufeni sono rimasti.
Così mi sono rivolta ad un otorino,pensando potesse trattarsi di un tappo,ma tutto regolare,a parte una forte riunite allergica che cerca di alleviare facendomi una puntura di cortisone.

Dopo un giorno inizio ad avvertire fastidi alla mandibola e alla tempia siniatra,soprattutto quando mangio.

Tutti questi sintomi potrebbero derivare da quel prelievo maldestro?

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

i sintomi all'arto superiore potrebbero avere qualche correlazione col prelievo effettuato, soprattutto se l'arto è quello del prelievo. Il resto della sintomatologia lo escludo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 565XXX

Grazie per la sua risposta.
Il fastidio al braccio si è risolto dopo l'assunzione del Nicetile.
Il resto della sintomatologia è legato ad un problema posturale diagnosticato dopo visita fisiatrica.
La mia preoccupazione consiste in eventuali ripercussioni che quel nervo potrebbe procurarmi.
Quindi non avvertendo più scosse al braccio,posso ritenermi guarita?

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

sì, può stare tranquilla, non ci sono problemi.

Buon fine settimana
Dr. Antonio Ferraloro