Utente 495XXX
Come da titolo, soffro da ben 7 anni di quella che credo sia emicrania. È un dolore quasi continuo nella zona frontale della testa, ma può anche dislocarsi in altre zone. Per lo più si tratta di un leggero dolore, come un ronzio, continuo, con brevi momenti di pausa, che si è affievolito con il passare del tempo, ma non è mai svanito, forse lo sento sempre meno per abitudine. Ho, però, di frequente, delle fitte molto dolorose, che si manifestano senza ragione apparente, e che a volte mi disturbano il sonno. Si presentano o brevi ed acute, o più lievi ma durature. Un anno fa ho effettuato analisi del sangue e radiografia al cranio, senza avere risultati. È per me difficile accedere alle analisi ed effettuarne di nuove, compreso tornare dal mio medico di base, per la mia situazione familiare. Per adesso ho bisogno di sapere quali sono le probabili cause e cosa dovrei fare per trovare la vera causa ed intervenire. Ho seguito per vari mesi una terapia a base di pizotifene e (indometacina, proclorperazina, caffeina) per gli attacchi acuti. Se può incidere, soffro di dermatite seborroica e psoriasi, in forma lieve. Ringrazio per l'attenzione

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

i farmaci che ha assunto, pizotifene come prevenzione e gli altri rivolti all'attacco acuto, sono stati efficaci?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 495XXX

Non per quanto io sia riuscito a notare; il dolore era sempre lo stesso e le fitte non si fermavano. Non so se continuare la terapia sarebbe stato efficace.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

dalle caratteristiche descritte, compresa l'inefficacia dei farmaci in questione, la cefalea potrebbe essere di tipo tensivo ma ovviamente la diagnosi deve essere posta dopo accurata visita medica, meglio se neurologica.
Ne parli inizialmente col Suo medico curante.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro