Utente 494XXX
Buona sera gentili medici.
Vorrei avere un consiglio riguardo ad una situazione che mi sta rendendo la vita impossibile. Soffro di sindrome premestruale severa, con sbalzi di umore ed attacchi di emicrania, circa 10 attacchi nei giorni che precedono il ciclo.
Gli sbalzi di umore sono ciclici.
Nei 10-15 giorni che precedono il ciclo sono nervosa e triste, accelerata e più creativa. Voglia di carboidtati e sonno disturbato. Emicrania con attacchi continui che si risolvono solo con muscoril + vomtaren.Mano a mano che il ciclo si avvicina il mio umore peggiora . Il giorno prima del ciclo, il nervosismo è ad altissimi livelli e l'attacco di emicrania che precede il ciclo è forte. Oltre a dolori acuti tipici del ciclo e dolori muscolari.Il ciclo arriva e tutto questo sparisce per lasciare spazio a tristezza e depressione per i primi giorni. Dopodiché torno in uno stato di eutimia e normalità, per circa 10-15 giorni, poi come inizia ovulazione tutto si ripete. Ogni mese. Ogni volta. In modo preciso e ciclico
Come una fase ipomaniacale e depressiva con una pausa di normalità che si alternano tutte è tre in un mese da qualche tempo.
Ora voi capite che non è possibile vivere così.
Mi sono rivolta inizialmente ad uno psichiatra neurologo.
Con lo specialista si sono provate diverse terapie che potessero intervenire sia sull'umore che per gli attacchi di emicrania. Considerando che gli antiepilettici si usano sia per i disturbi umore che come profilassi dell'emicrania ero abbastanza fiduciosa.
Purtroppo i vari tentativi sono falliti.
I farmaci da me assunti ( depakin, topamax, lyrica, laroxyl solo per citarne alcuni) non hanno avuto effetti terapeutici né sull'umore né sugli attacchi di emicrania.
Ero leggermente più calma,ma i cicli si ripetevano in un mese sempre e comunque.
Lo specialista ha poi prescritto il lamictal che assuno tutt'ora alla dose di 100 mg ( 50×2).Tranne qualche lieve effetto collaterale ho tollerato bene il farmaco, ma senza alcun risultato su emicrania e ciclicità umorale.
Mi reco dal ginecologo, il quale mi fa tenere un diario e fatto fare analisi specifiche e dopo mesi abbiamo capito che era tutto correlato al ciclo.
Che poi io abbia i miei problemi ci sta, come tutti nella vita, ma questa situazione dipende dal ciclo come mi ha spiegato bene il ginecologo.
La soluzione sarebbe la terapia ormonale ( pillola &co) che non posso assumere in quanto ho avuto una TVP.
Gli antiepilettici, nelle emicranie da ciclo mestruale hanno poco effetto.
Ora io mi chiedo: Non c'è soluzione?
Non posso andare avanti ad antidolorifici per ovvi motivi, visto che gli attacchi sono 7-10 al mese. Né posso stare così con l'umore.
Il neurologo non sa più che fare, oltre ai triptani che hanno poco effetto seppur riducano l'intensità.
Io continuo a stare male.
Se qualcuno tra voi ha un consiglio ve ne sarei grata.
Saluti

[#1] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Considerata l'inefficacia dei farmaci antiepilettici sull'emicrania e sul disturbo dell'umore (ammesso che le dosi ed i tempi siano stati congrui) e la cospicua interferenza che hanno questi disturbi sulla qualità della sua vita, va preso in considerazione il litio. Per questa eventuale opzione deve consultare uno psichiatra che abbia esperienza di questa terapia.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#2] dopo  
Utente 494XXX

Gentile Dr. Carbonetti, grazie per il suo consulto.
Il litio trova indicazione nell'emicrania correlata al ciclo mestruale?
Di certo non mi esalta una terapia con questo farmaco, ma forse il mio è solo un pregiudizio. Vorrei risolvere la situazione e se il litio fosse indicato potrei parlarne con uno specialista.
I farmaci sopracitati sono stati da me assunti con tempi e dosi sufficienti a verificarne l'efficacia.
Chiedo ulteriormente, visto che il problema è ormonale, come spiegavo nella mia richiesta, il litio avrebbe senso?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
La sua emicrania è in ogni caso un disturbo ciclico, e il litio potrebbe funzionare. Con probabilità ancora maggiori sarebbe utile nel suo disturbo dell'umore. Il litio ha efficacia comprovata nella cefalea a grappolo, minori evidenze sulle altre cefalee, ma considerata la gravità del quadro (per la gravità mi riferisco alla cospicua interferenza con la sua vita) andrebbe provato, sotto la guida di uno psichiatra esperto (purtroppo non tutti gli psichiatri hanno esperienza di litioterapia).
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#4] dopo  
Utente 494XXX

Gentile dottore grazie nuovamente per la sua risposta e spiegazione.
Avevo perso la speranza, visto che oltretutto anche qui sul sito, un Vostro collega spiega va che per emicrania mestruale antiepilettici etc non funzionano, mentre starebbe indicata una terapia ormonale che io purtroppo non posso fare.
Si, il prov interferisce fortemente con la mia vita, in ogni sfera e questo non è ammissibile soprattutto nel 2018.
Avrò cura di trovare uno specialista idoneo. Non so come perché nei CV non viene menzionata di solito lacompetenza sul litio, ma mi informerò.
La ringrazio.
Spero funzioni, anche se ormai è tanto tempo e di fare ancora tentativi non ne ho molta forza. L'alternativa però è peggio, quindi mi farò forza.