Utente 494XXX
Buongiorno, avrei una domanda. Sono una ragazza di 22 anni, sempre stata in salute e non ho mai sofferto di emicranea. E’ da ormai tre settimane che soffro di questo mal di testa molto particolare che non sparisce con antidolorifici. All’inizio si credeva fosse sinusite ( il mio medico di base mi prescrisse antibiotico ) ma non ha mai aiutato. Il mal di testa si presenta a fitte non continue soprattutto nella zona sotto al sopracciglio ( se faccio pressione fa molto male ) ma comunque percepisco anche fitte verso le tempie e anche nella zona più vicina alla nuca. A volte percepisco quasi una pressione che dai lati della faccia si va a concentrare verso il centro. Questi dolori sarebbero anche abbastanza sopportabili se non percepissi insieme ad essi anche un dolore molto forte ai ‘muscoli degli occhi’ ovvero più o meno alla zona dietro di essi accompagnato da una grande sensibilità ad essi. Molto spesso la vista mi si incanta. Ho fatto esami del sangue e della tiroide entrambi perfetti, visita oculistica perfetta ed esame neurologico dove mi è stato prescrito laroxyl 3 gocce per i primi 3 giorni la sera e poi 5. Ieri ho iniziato a prenderlo con tanti dubbi annessi. Il fatto è che tutto questo è anche accompagnato da dolori all’osso dietro del collo ed alla schiena, dolori che molto spesso mi causano problemi a stare seduta. Le ossa in generale sono diventate dolenti, sento sempre l’esigenza di ‘scrocchiare’ le dita delle mani e la parte dietro al collo ( più o meno zona cervicale ) e la schiena ( sia in alto che in basso ) sono veramente dolenti. Potrebbe veramente essere cefalea o sarebbe meglio fare una tac/risonanza? Vorrei aggiungere che sono una persona molto ansiosa e sono ora in cura da una psicologa ( dalla quale vado ogni settimana ) e vedrò presto uno psichiatra.

Grazie per l’attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la cefalea descritta potrebbe essere di tipo tensivo, nulla di grave, infatti il collega che ha prescritto il laroxyl ha fatto le stesse mie considerazioni considerato che è un farmaco utilizzato spesso nelle cefalee tensive.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 494XXX

Grazie mille per la risposta molto rapida. La cosa che mi confonde è il fatto che il mal di testa comunque non è continuo, sono solo fitte di moderata intensità che durano qualche secondo, eppure se giro lo sguardo troppo veloce mi inizia un dolore fortissimo come se fosse al muscolo dell’occhio. La ringrazio ancora. Non crede quindi ci sia bisogno di Tac o Risonanza? E crede che dovrei continuare la terapia con laroxyl senza problemi? Ho letto molte esperienze con il laroxyl di persone che mi hanno un po’ spaventata e oggi hi avuto un’attacco di panico forse per la paura degli effetti
collaterali.

Grazie ancora e buona giornata.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

prima di pensare a TC o RM è corretto effettuare una visita neurologica, poi, in base ai riscontri della visita, sarà il collega a decidere se richiedere esami diagnostici.
Riguardo eventuali effetti collaterali del laroxyl, questi sono strettamente individuali, variano cioè da un soggetto all'altro, teoricamente potrebbero anche non manifestarsi, comunque non esiste un farmaco senza potenziali effetti collaterali.
Il dosaggio prescritto è comunque basso.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 494XXX

Grazie ancora per la tempestiva risposta, la visita neurologica l’ho effettuata pochi giorni fa, dopo di essa il neurologo mi ha prescritto laroxyl, visita oculistica e tac/rm però specificando che la tac o la rm non sono necessarie ma solo per calmare un po’ la mia ansia. La visita oculistica l’ho fatta come già specificato e comunque vorrei farne almeno una delle due tra tac/ rm ( non conosco la differenza, danno gli stessi esisiti o una è più completa dell’altra?) per essere più serena anche se già comunque non sono più in panico come lo ero all’inizio. Ora continuerò questa cura e la ringrazio.

Vorrei togliermi una curiosità, comunque, i dolori all’osso del collo, schiena e a volte alle ossa proprio in generale è comunque legato alla cefalea? Grazie mille ancora.
Le auguro un buon proseguimento di giornata e mi scuso per le mille domande.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

mi scusi ma non avevo capito che aveva fatto la visita neurologica, si capiva che era stato l'oculista a prescrivere il laroxyl, Lei scriveva "visita oculistica perfetta ed esame neurologico dove mi è stato prescrito laroxyl 3 gocce per i primi 3 giorni la sera e poi 5", infatti l'esame neurologico potrebbe farlo anche un oculista esperto, comunque equivoco chiarito.
Per studiare il cervello la RM è un esame preferibile alla TC in quanto "si vede meglio e di più" e non ha radiazioni.
Bene continui la cura.
Riguardo i dolori alla schiena e al collo è possibile che siano causati da problematiche cervicali e lombari, anche semplici contratture muscolari.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 494XXX

Grazie mille dottore e mi dispiace per l’equivoco, avrei dovuto spiegarmi meglio. Il suo consulto mi ha aiutata veramente tanto, è stato di una gentilezza e professionalità senza limiti.
Il neurologo mi ha detto che posso prendere mezzo xanax da 0.25 la mattina e mezzo il pomeriggio e poi prendere laroxyl la sera, conferma che vada bene e che non sto facendo un miscuglio? Potró vedere lo psichiatra solamente settimana prossima e per ora mi sto affidando a questa piccola cura offertami dal neurologo.

Grazie mille ancora dottore, con tutto il mio cuore. Spero di uscirne presto, sono giovane e l’ansia mi stava divordando, sono felice di aver preso in mano la situazione anche se non mancano gli sconforti o gli attacchi intensi. Ci vuole positivitá, grazie per il suo aiuto!!!

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Ragazza,

l’associazione di farmaci che il collega ha prescritto è razionale, stia serena.

Buona serata
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 494XXX

Gentilissimo Dr. Ferraloro, vorrei chiederle un’ultima cosa. È ormai da quasi tre settimane ( è piú o meno coinciso con l’inizio del dolore/ stato molto ansioso ) che piú volte al giorno percepisco delle tipo di vertigini che durano pochissimi secondi ( anche da sdraiata ) e che mi fanno sembrare che tutto il mondo si sia fermato per un millesimo di secondo. Non so bene come spiegare ma è come se mi mancasse un battito, anche se sono quasi certa che non c’entri il cuore – è proprio una sensazione molto strana di vertigini/svenimento/paralisi che peró non porta a nulla se non ad una sensazione di ansia. Le cause potrebbero essere da riscontrare nell’ansia che è insita in me?
Grazie e mi scusi se sono stata poco chiara.

Buona giornata

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la sensazione che ha descritto è compatibile con un disturbo d’ansia, non vedo patologie importanti che si manifestano in tal senso.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro