Utente 229XXX
Gentile Specialista,

Scrivo per avere un parere perche' mi trovo all'estero in questo moemnto e date pregresse brutte esperienze col sistema sanitario qui vorrei capire meglio se fidarmi di quanto dettomi dal medico di base.

Circa un mese fa ho iniziato a sentire la gamba destra "strana", cosa che pero' non mi ha allarmata perche' anni fa avevo avuto lo stesso sintomo a seguito di un incidente stradale. Dopo visita neurologica e risonanza magnetica, lo specialista ai tempi mi aveva spiegato che quella sensazione era dovuta ad una protrusione lombare e i sintomi erano migliorati dopo fisioterapia e trattamento con miorilassanti.

Oltre a questa sensazione strana (soprattutto al cammino) e qualche settimana in cui ho continuato ad andare a correre e camminare molto (30 min corsa e spesso 2h di cammino al giorno) ho iniziato ad avere fascicolazioni alla parte alta della coscia e al gluteo, dolore al gluteo e talvolta alla zona lombare (principalmente la sera) e all'inguine. Ho interrotto la corsa, ma i sintomi non sono migliorati e pertanto mi sono rivolta al medico di base.

Lei ha prima ipotizzato una cauda equina, che pero' la risonanza lombare ha escluso, mostrando pero' la presenza della protrusione e null'altro (no compressione del midollo o tumori o demielinizzazione). Io credevo mi avrebbe quindi riferita per fare della fisioterapia, invece ha ipotizzato che io possa avere la sclerosi multipla dicendo che i miei sintomi (li ho da circa un mese -ma per 3 settimane non ho fatto nulla per prendermene cura- e fascicolazioni) non sono spiegabili con una protrusione (nella regione L5-S1).

Io ovviamente mi sono molto angosciata, ho quindi sentito una fisioterapista la quale, invece, mi ha detto che i miei sintomi sono in linea con la protrusione, possibilmente anche al fatto il mio nervo sciatico sia leggermente compresso dal piriforme e anche non aiutati dal periodo di estremo stress che sto attraversando. Dopo il primo trattamento, ho iniziato a "sentire" meglio la gamba, invece il dolore al gluteo e zona lombare cosi come le fascicolazioni non sono particolarmente migliorate. Non sono certa che fascicolazione sia l'esatto termine, quello che sento e' il muscolo contrarsi a riposo (ma non in tutte le posizioni), talvolta senza uno stimolo preciso, a volte se sto seduta a lungo o dopo un movimento che richiede la contrazione muscolare. Dolore al gluteo peggiora da seduta e si irradia sia alla gamba che alla schiena.

Sono in attesa di fare accertamenti come risonanza del cervello e visita neurologica, ma mi hanno dato appuntamento a Novembre e piu passano i giorni piu mi sento altri sintomi che ovviamente so poter essere somatizzazione dell'ansia visto gia l'alto livello di stress, ma allo stesso tempo non riesco a superare la paura che possa essere sclerosi multipla per davvero.

Volevo avere un parere esterno e chiedere se questi sintomi possono davvero essere legati a sclerosi multipla?

Grazie per il vostro aiuto e buona giornata

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la sintomatologia riferita è possibile che sia causata dalla protrusione L5-S1, gli elementi che Lei riferisce ci stanno.
Sull’ipotesi SM sarei più cauto considerato che quasi tutti i sintomi sono variabili secondo i movimenti e le posture.
Ovviamente non è un’ipotesi da escludere completamente ma al momento la riterrei meno probabile.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 229XXX

Gent.mo Dr Ferraloro,

Grazie per la sua cortese risposta. Spero che i sintomi migliorino a breve.

Nelle prossime settimane rientrero in Italia e provero' a organizzarmi per vedere uno specialista e spero andra' tutto per il meglio.

Cordiali Saluti

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Bene, Gentile Signora, mi pare la migliore soluzione per affrontare il problema.
Stia serena.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro