Utente 500XXX
Salve, ieri in seguito ad una brusca discussione,ho avvertito che stavo per avere un attacco di panico..avendoli già avuti in passato e sapendo come gestirli, ho preso la macchina e mi sono allontanata evitando che la discussione si accendesse ulteriormente, aggravandomi il presunto attacco di panico..ma passata la tachicardia ed il "singhiozzamento" da pianto, ho iniziato ad avvertire un formicolio che è partito dalla fronte e piano piano è sceso (ora non ho la certezza se era tutto il volto o solo la parte destra) fatto sta che man mano che il tempo avanzava..sentivo che il volto si stava storcendo e il formicolio scendeva lungo il corpo..fino a quando non avevo più sensibilità alle mani e le dita si sono irrigidite e contorte..i pollici sono finiti sotto il palmo non riuscivo più a parlare,avendo la bocca completamente storta compresa la lingua completamente intorpidita (sbiascicavo ma sono riuscita a chiedere aiuto) ero vigile ma non riuscivo nemmeno ad aprire le mani per prendere il telefono..formicolio a tutte e due le braccia viso e mani..non ricordo se alle gambe..a fatica sono riuscita con le dita a rispondere ad una telefonata chiedendo aiuto. Venuta la persona,sono scesa dalla macchina ma non avevo molto equilibrio..e avevo il viso storto e le mani ancora chiuse..la persona mi ha calmato un pò.. il tremore è durato per un'oretta..piano piano ho ripreso a parlare dopo una 40ina diminuti. Subito dopoLa testa mi scoppiava..è possibile un attacco di panico dovuto alla discussione o dovrei fare accertamenti per tia? Ho molta paura.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

una sintomatologia di questo tipo è indicativa di origine psichica e non fa pensare un TIA, anche considerate le circostanze d'insorgenza ma, Le ripeto, anche i sintomi che descrive non orientano verso un attacco ischemico transitorio.
Ne parli comunque col Suo medico curante.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 500XXX

Grazie mille della tempestiva risposta, la mia paura è stato il fatto di farfugliare e non riuscire a parlare bene (per capirci, parlavo come se mi mordessi la lingua girata dal un lato) e la paresi degli arti come quando si ha un attacco epilettico.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la sintomatologia ci orienta tipicamente verso un problema psicosomatico, Le ripeto, non ci sono le condizioni per ipotizzare un TIA.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 500XXX

Nei giorni seguenti a questo episodio mi sento sempre la testa confusa, come un senso di pressione nel cervello come quando si gonfia un palloncino. E la pressione la sento anche all orecchio sinistro. In più mi sveglio con le braccia che mi formicolano e sento poca forza nelle braccia. Gli occhi pesanti tanto che ogni tanto devo sdraiarmi per tenerli chiusi e senso di nausea. Dottore mi scusi ma ho paura. Il fatto che non mi faccia pensare ad un attacco di panico è il non aver avuto senso di soffocamento e tachicardia ma solo una paresi di tutto il corpo compresa la difficoltà nel parlare.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la sintomatologia attuale deporrebbe per un problema tensivo, sia muscolare che nervoso ma ne parli col medico curante.

Buon fine settimana
Dr. Antonio Ferraloro