Utente
Gentili dottori.
Ho 27 anni e da 3 o 4 anni soffro di dolori/tensioni muscolari che molto lentamente stanno peggiorando. Ho sempre pensato che il mio problema fosse un mix di problemi posturali e tensione psicologica, anche perche le poche volte che ne ho parlato con un dottore la risposta era nuoto sport e streching. Il mio problema progredito lentamente poco influenzato dallo sforzo o dal riposo fisico. Parallelamente, per urinare ho col tempo dovuto spibgere sempre di piu con la pancia, o premere sulla vescica. I classici fans influivano poco sul dolore/tensione (sento come se qualcuno premesse un dito con forza su varie zone es bacino addome spalla piede..).per un piccolo problema di pressione alta mi han dato per alcuni giorni la clodina. Il dolore quasi scomparso, per ricomparire alla sospensione. Ho pensato potrebbe essere dolore neuropatico? Ho fatto per errore di prescrizione un oct l anno scorso referto spessore retinici nella norma , spessore GCC centrale e RFNL diffusamente ridotti in entrambi gli occhi. Ho letto su internet della sclerosi multipla sintomi simili, ma non ho altri sintomi oltre al dolore vescica e leggero calo della vista ma cominque con gli occhiali vedo abbastanza bene.
Ora, dopo questo noioso papiro la domanda : devo affrettarmi a fare visita neurogica ed eventuali esami al piu presto (quindi anche in privato) o posso stare tranquillo e fare le cose nel pubblico (che qua significa qualche mese tra tutto)? Perche in piu mi han messo da poco il medico di base giovane che non mi ha voluta mandare dal neurologo mi ha dato muscoril per due settimane e poi semai faremo esami del sangue ecc.
Perdonatemi per aver scritto un papiro.
Vi ringrazio per il tempo dedicatomi.
Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la sintomatologia riferita merita una visita neurologica, potrebbe essere nulla d’importante ma una valutazione diretta del caso è opportuno effettuarla, senza urgenza se non sono intervenuti fattori nuovi.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro