Utente
Buongiorno
Sono una donna di 32 anni, in salute, in terapia con solo estroprogestinico.

Chiedo il vostro consulto perché ieri ho avuto un disturbo visivo durante un viaggio in macchina (non riuscivo a mettere bene a fuoco le immagini e vedevo delle macchie nere).
Una volta scesa la sintomatologia è peggiorata: mi sono sdraiata e al centro vedevo l’immagine nitida, ai lati invece aveva un andamento ondulatorio.
Il tutto sembrava da entrambi gli occhi.
È durato pochi minuti, dopo di che ho avuto un senso di intontimento e di nausea che è turata tutta la giornata.
La pressione arteriosa era 130/80.
Premetto che ero un po’ influenzata.

Oggi sto bene, nessun alterazione visita, solo la sensazione di avere la testa un po’ pesante.
Secondo voi necessito con urgenza una visita neurologica?

Grazie mille in anticipo

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

in base alla sintomatologia descritta una visita neurologica è ovviamente indicata, poi sarà il collega a decidere come procedere, cioè se è necessaria o meno una RM encefalica.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Grazie dottore per la risposta
Ho eseguito visita neurologica ed EEG risultato negativo. Mi è stata prescritta per scrupolo RM encefalo con tempi di attesa un po’ lunghi. Il collega pensa sia aurea visiva.. io sono un po’ preoccupata perché dopo l’episodio sono rimasta un po’ intontita, con una lieve nausea che ormai dura da qualche giorno. La sintomatologia può essere ricondotta alla diagnosi fatta?
Grazie mille ancora

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

la diagnosi del collega è compatibile con la sintomatologia descritta.
Adesso faccia serenamente la RM richiesta dal neurologo.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Buongiorno dottore
Mi scusi se la disturbo ancora, di solito non sono una persona che si preoccupa ma ora non riesco a stare tranquilla . Da quell’episodio di aurea visiva (avvenuto il 26/12) la situazione non è migliorata. Oltre al senso di nausea che mi limita molto e di intontimento sono comparsi episodi di emicrania (il dolore è presente a sn) e una sensazione di parestesia al cranio. Ho assunto Tachipirina 1000 senza un totale beneficio. Ho rivisto il collega neurologo il quale dice di aspettare l’rm che sarà tra 10 giorni. Io sono un po’ preoccupata, secondo lei si tratta davvero solo di emicrania con aura? Grazie mille ancora

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

da quanto emerge da questo consulto, l’ipotesi dell’emicrania con aura è concreta.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Buongiorno dottore, la disturbo ancora per aggiornarla sui miei sintomi. Qualche giorno fa mi sono recata in pronto soccorso per presenza di nausea insopportabile e difficoltà a mantenere la posizione eretta. Tutti i parametri erano nella norma, il medico mi ha visitata dopo qualche ora quando la crisi era praticamente passata. Mi è stato somministrato antiemetico, antidolorifico e qualche goccia di lexotan. Non mi è stata fatta la TAC poiché secondo il medico internista e dopo una sua visita non c’era nessuna indicazione neurologica nel farla.
Ieri sono stata abbastanza bene, oggi invece mi ritrovo con una forte nausea, sensazione di testa pesante, sensazione di parestesia e lieve dolore alla nuca.
Dottore io sono preoccupata, pensa che possano essere sintomi di un tumore celebrale o una grave patologia o la diagnosi di emicrania con aura sembra sempre la più plausibile?
Grazie ancora

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

non penso malattie importanti, quando effettuerà la RM potrebbe tranquillizzarsi.

Buona domenica
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente
Buongiorno Dott Ferrarolo
Le scrivo poiché, dopo circa due mesi di totale benessere, sabato si è ripresentato un episodio di aura. È durato circa 30 min (è iniziato in macchina, non vedevo le immagine complete ed è proseguito con una una linea scintillante centrale che poi si è propagata verso l’esterno per poi scomparire). Successivamente si è presentato un lieve mal di testa accompagnato da nausea e astenia. I giorni seguenti i sintomi non sono del tutto scomparsi, ho sempre la sensazione di avere la testa molto pesante, lieve nausea, fotofobia e lieve cefalea. Riesco a lavorare e a svolgere le mie attività quotidiane ma non in totale benessere.
Inoltre due mesi fa ho eseguito RM encefalo e Angio RM in cui risultano solo due cisti dei plessi coroidei in sede trigonale bilateralmente di modeste dimensioni.
Tra qualche giorno parlerò con un collega neurologo per un eventuale terapia preventiva.
Quello che le chiedo è se è normale che dopo l’episodio di aura questa sintomatologia persista per diversi giorni (per me un po’ invalidante) e se queste cisti riscontrate nella RM possono c’entrare in tutto ciò.
Aggiungo che su consiglio del mio ginecologo ho sospeso la pillola estroprogestinica per assumere una a base di solo progesterone.
La ringrazio molto in anticipo

[#9]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

certamente opportuna la decisione di sospendere l'estroprogestinico ed assumere il solo progestinico.
La sintomatologia residua che descrive non è rara a manifestarsi dopo un attacco di emicrania con aura.
Le piccole cisti dei plessi corioidei non sono responsabili del Suo problema.
Un episodio ogni due mesi generalmente non è un’indicazione per una terapia di prevenzione, tuttavia la visita neurologica è indicata per fare il punto della situazione.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente
Grazie mille Dottore per la risposta
Questa mattina ho avuto un ennesimo attacco di aura (si è presentato nella stessa identica modalità di quello precedente). In totale ne ho avuti 3, di cui 2 a distanza di una settimana. Dopo l’attacco di questa mattina ho assunto subito Tachicaf. Il mal di testa non si è presentato, ma l’intontimento è la forte nausea si e a distanza di qualche ora ho dovuto fermarmi dalla mia attività lavorativa.
La RM l’ho già eseguita con esito negativo i primi di gennaio. Devo ripeterla? Questa sintomatologia mi mette molta ansia, ho pensato anche di sospendere il progestinico. Secondo lei devo stare tranquilla? Devo imparare a convivere con questo problema ? Grazie mille ancora

[#11]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

con RM encefalica negativa recente può stare tranquilla.
Due attacchi in una settimana, tre in quanto?

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente
Primo attacco il 26 dicembre 2019, poi sabato scorso e uno questa mattina. Non mi spaventano molto i sintomi dell’aura, ma gli effetti che ho dopo che durano anche doversi giorni (forte nausea, intontimento, astenia). La cefalea a volte si presenta ma non sempre e comunque è lieve.

[#13]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

faccia un diario degli attacchi, se continua questa tendenza ravvicinata è indicata una terapia di prevenzione.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente
La ringrazio infinite

[#15]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Buon fine settimana
Dr. Antonio Ferraloro

[#16] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore
La disturbo ancora per chiederle un consiglio. Giovedì e venerdì scorso ho avuto altri due attacchi di aura visiva a distanza di 24 h. In totale ho avuto 5 attacchi da fine dicembre. Premetto che sono reduce da turni notturni molto pesanti (sono un operatore sanitario) e in questo periodo lo stress si fa sentire. L’aura si presenta sempre nello stesso modo: un cerchio o una riga centrale con contorni scintillanti che si propaga verso l’esterno. Il tutto dura circa 30 min. Successivamente il mal di testa è lieve ma costante, accompagnato da forte nausea sensazione di testa e occhi pesanti. I sintomi post aura li ho tutt’oggi (sono passati 5 giorni), soprattutto la sensazione di testa pesante. È normale che questi sintomi durino per così tanto? Ho anche pensato che la causa potesse essere ricondotta ad altro, tipo rigidità cervicale (ho sempre praticato sport e ora ho dovuto smettere di colpo). Purtroppo visto il periodo il mio neurologo non mi puó ricevere. Quello che le chiedo se ci può essere una strategia per il migliorare questa sintomatologia che mi debilita molto, se magari l’uso di integratori mi può aiutare e se questi sintomi si possono ricondurre a questa maledetta aura (anche se sono passati 5 giorni).
La ringrazio molto

[#17]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

una sintomatologia residua dell’ultimo attacco emicranico è possibile ma non possiamo nemmeno escludere un problema tensivo sia muscolare che nervoso indipendente dall'aura.
Un aiuto farmacologico, anche con integratori, può essere utile ma per questo deve rivolgersi al medico curante o al neurologo, anche telefonicamente, in quanto noi non possiamo consigliare farmaci a distanza in un soggetto che non si conosce.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#18] dopo  
Utente
Buonasera Dott Ferraloro
La disturbo a distanza di mesi per chiederle un parere. Premetto che non ho più avuto episodi di aura. Dopo che ho sospeso la pillola Cerazette anche gli episodi di emicrania si sono molto diradati. Ora il mio problema è questo: da parecchio tempo mi porto avanti un fastidio molto invalidante che è molto simile alla sintomatologia residua dell’aura visiva avuta mesi fa. Tutto ciò si manifesta con nausea, intontimento, senso di compressione a livello del naso e della nuca. No vertigini. Questa sera si è aggiunto anche formicolio al braccio sinistro. Per un certo periodo ho dovuto assumere delle compresse di Voltaren per una lombalgia acuta e anche questa sintomatologia sembrava fosse regredita. Ora invece mi ritrovo di nuovo con questi sintomi molto limitanti. Faccio fatica a lavorare e a essere totalmente lucida, mi sento rallentata. Ho fatto esami ematici il mese scorso, compresa funzionalità tiroidea, ed era tutto nella norma. Potrebbe essere, anche questo, un eventuale, ennesimo problema neurologico?
Grazie infinite

[#19]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

non raramente questa sintomatologia si può assimilare ad una cefalea tensiva, anche senza dolore, infatti con l'antinfiammatorio ha avuto dei benefici.
Non si possono escludere problematiche a livello cervicale, non necessariamente strutturali ma anche muscolari.
Un controllo dal Suo medico curante lo riterrei indicato.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#20] dopo  
Utente
Grazie mille Dottore per la risposta
Domani proverò a sentire il medico di base.
E’ da gennaio che ho problemi simili. Secondo lei è il caso di ripetere una RM encefalo (Risultata negativa a gennaio)? Mi spaventa un po’ la comparsa di questo intorpidimento all’avanbraccio sinistro che a volte si estende anche alla mano. Da sdraiata i sintomi tendono un po’ a migliorare, ma compare in più una sorta di formicolio all’orecchio, sempre sinistro, che in piedi scompare. Lei pensa che la diagnosi di SM possa essere contemplata? Grazie mille ancora

[#21]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

se i sintomi sono discontinui e variabili con la posizione è improbabile una SM.
Non penso sia necessaria un RM dopo 6 mesi.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#22] dopo  
Utente
Buonasera Dottore
Oggi sono stata da un collega neurologo perché questi sintomi tendevano a non regredire (nausea, dolore costrittivo sopra al naso, formicolio al braccio sn). Il collega pensa sia emicrania con aura atipica, perciò mi ha prescritto di nuovo una rm (per escludere un eventuale tia) e una terapia preventiva con gradient 5 mg. Io sono un po’ preoccupata perché questo intorpidimento al braccio c’è ancora, mi è comparso poco fa. X lei può trattarsi di un Tia? La terapia preventiva può dare effetti collaterali?
Grazie mille

[#23]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

non posso sapere se sia un TIA, segua le indicazioni del neurologo.
Il Gradient è un farmaco solitamente ben tollerato, i primi giorni in alcuni soggetti potrebbe causare un pizzico di sonnolenza ma assumendolo la sera questo eventuale effetto collaterale viene limitato.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro