Utente
Buongiorno dottori,
da ormai una settimana presento un mal di testa fisso ad una sola parte della testa, nello specifico la sinistra.

Questo mal di testa mi prendere anche l'occhio e una parte del naso.

Sento un po' di catarro ma nemmeno più di tanto.

Premetto che non sono nuova a questo tipo di dolore e infatti il mio medico mi aveva prescritto una visita neuorologica che, date le condizioni attuali n cui ci troviamo, ho deciso di fare in tempi migliori.

La cosa che mi preoccupa un po' è che questa volta il dolore mi dura appunto da una settimana.
Da sabato lo sto trattando con Brufen 600 3 volte al giorno e sotto effetto di questa medicina mi passa, salvo poi tornare.

Ieri, rendendomi conto che erano un po' di giorni che assumevo questo medicinale piuttosto forte, ho provato a prendere l'okitask e devo dire che è andata bene lo stesso.
Ieri sera anche se avevo mal di testa ho resistitito e non ho preso nulla, risultato è che stanotte mi sono svegliata dal mal di testa.


Al momento sto lavorando da casa e passo dalle 8 alle 10 giorni al pc, con delle pause, ma comunque in un ambiente piccolo e chiuso.
Da un mese non esco di casa.

Ho pensato che magari potesse essere anche il pc, ma io anche in ufficio faccio un lavoro da videoterminale e in ogni caso il dolore è continuato anche sabato e domenica, quando non ho lavorato.


Sono un po' preoccupata perchè non mi è mai durato così tanto, e, anche se il mal testa non compromette le mie attività quotidiane, non so come sarebbe senza assunzione di medicinali.


Devo preoccuparmi?
E' normale che un mal di testa possa durare così tanto?
cosa potrebbe essere?

Io vorrei evitare di andare dal dottore in questo momento ma non voglio nemmeno trascurarmi.


Vado avanti con Brufen o Okitask?


vi ringrazio tanto

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

la cefalea che ha descritto non ha caratteristiche tali da potere a distanza avanzare un’ipotesi attendibile.
Come impressione che si ricava, molto approssimativamente, potrebbe essere una cefalea tensiva che in una percentuale di casi può essere unilaterale.
L'iter diagnostico corretto da seguire in caso di mal di testa di nuova insorgenza e persistente è inizialmente la visita neurologica ma capisco pure che al momento ci siano delle difficoltà ad effettuarla.
È un ottimo elemento però l'efficace risposta a comuni antidolorifici. Le ricordo che non si possono consigliare farmaci a distanza per cui non posso rispondere alla Sua ultima domanda, chieda al medico curante unitamente ad un parere su questa cefalea.
Cerchi di praticare frequentemente attività fisica e intervalli spesso le sedute al pc con esercizi motori per evitare posture prolungate.

Cordiali saluti

P.S. Rispettiamo tutti le norme vigenti contro il coronavirus
Dr. Antonio Ferraloro