Utente 279XXX
Salve, ho 24 anni.
Da circa un paio d'anni ho episodi di malessere inspiegato. Premetto che questi episodi ultimamente sono un po più frequenti.

Specialmente quando sto in piedi improvvisamente sento un calo improvviso di forze, senso di svenimento e il bisogno impellente di sedermi o sdraiarmi. Non sono mai svenuto nella mia vita e la sensazione è quella che se non mi siedo crollerei per terra. Sento le gambe deboli e il copro pesante. Più di una volta dopo questi episodi mi sono sentito intorpidito un emisfero della testa (una volta sinistro e poi anche destro), intorpidimento anche alla mascella, alla lingua e alle gengive e a volte come se mi si tirassero i nervi delle mani. Questi "attacchi" sembra che arrivino al culmine velocemente nel giro di pochi minuti e poi solo dopo essermi seduto piano piano svaniscano lasciandomi comunque turbato fisicamente. Spesso sento fastidio alla nuca e/o alla fronte come se qualcosa preme da dentro e queste sensazione a volte coincidono con un "riflesso" agli occhi (annebiamento) come uno scatto dei muscoli oculari. boh

ho fatto numerosi esami:
ECG holter e ecocardiogramma NEGATIVI
Esami del sangue NEGATIVI
TAC alla testa NEGATIVO
visita ORL NEGATIVA
-riscontrata tiroidite di hashimoto però i valori degli ormoni sono nella norma
-colesterolo totale alto
-pressione tendenzialmente alta (135/80)ma sono stato ricoverato una settimana per monitorarla e non sono usciti problemi.

Per concludere non ho una postura felice, sono alto e magro e parecchio storto. ho avuto il morbo di perthes da piccolo e ho una gamba più corta dell'altra e questo fa si che la mia colonna e il busto sono un po storti. Per lavoro sto sempre in movimento.

che sia un problema neurologico?
di cervicale?
di pressione?
di postura?

non so più dove sbattere la testa e da chi rivolgermi. in settimana mi daranno la risposta delle EEG e faro una visita dal neurologo, in attesa chiedo cosa posso fare e da chi devo andare per cercare la soluzione.

GRAZIE

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
dopo l'esito dell'EEG faccia la visita neurologica, è fondamentale. Se tutto fosse negativo si potrebbe configurare una situazione da "attacchi di panico".
Mi faccia sapere.
Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 279XXX

Si aspetterò infatti l'esito della visita.

anche oggi ho avuto un episodio sopra descritto e per tutta la giornata ho la sensazione di addormentamento del volto soprattutto a sinistra.

mentre avevo questo episodio ho cercato di capire oggettivamente quali erano i sintomi e posso riferire che le gambe fisicamente sembrano cedere e quando mi appoggio a qualcosa di fermo (muri, staccionate etc) mi sento comunque instabile e sento per esempio scivolare la mano sull'oggetto fisso a cui mi sto tenendo, mi sento muovere nonostante sto attaccato a qualcosa di fisso! invece quando sto in piedi mi sento tirare il volto e le dita.

questo è quello che oggettivamente ho percepito.

Cosa potrebbe essere?
la pressione è ok

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
i suoi più che sintomi mi sembrano sensazioni, quindi qualcosa di soggettivo. A me sembrano manifestazioni ansiose ma va fatto un accurato esame neurologico.
Mi faccia sapere
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 279XXX

ho fatto la visita dal neurologo ed è risultata negativa. mi ha prescritto di fare il tilt test per verificare se ho dei cali di pressione. L'unica cosa è che dopo che avevo questi disturbi la pressione non era mai bassa, anzi a volte tendenzialmente alta.

Può la pressione cambiare in così poco tempo?
Il sonno o comunque il dormire poco può causare questi sintomi? chiedo questo perchè ultimamente dormo meno di prima. Prima dormivo 10 ore al giorno mentre adesso 8 o poco meno.

grazie dottore

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
non penso che un calo pressorio possa provocare la sua sintomatologia che è molto ricca a livello di sensazioni. Il calo pressorio le potrebbe dare il senso di svenimento o la perdita di coscienza ma non corredato, secondo me, con quel corteo sintomatologico che lei descrive.
Comunque faccia il tilt test e mi faccia sapere.
Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 279XXX

intanto che aspetto di fare il tilt test la informo che ho fatto le analisi del sangue e i valori degli ormoni tiroidei sono nella norma tranne gli anticorpi un po alti e poi è risultato un po alto il colesterolo (240).

una considerazione: questi disturbi si sono intensificati in questo ultimo periodo dove sicuramente sto molto più in piedi di prima per lavoro, magari più soggetto a stanchezza e stress e poi dato che ho le gambe spesso stanche ho abbandonato lo sport (pallavolo e calcio) per non stressare troppo le gambe dato che non reggo il ritmo. Questo cambio nella mia vita quotidiana può causare questi sintomi? devo riprendere secondo lei a fare sport? cosa posso fare per "rinforzare" e avere più resistenza allo stare in piedi?

a parte il tilt test dove posso indirizzare i miei accertamenti?

scusi le troppe domande e grazie ancora.

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
le consiglio di riprendere gradualmente l'attività sportiva perchè potrebbe servire da diversivo ed è un modo per liberare la mente da altri pensieri. Per quanto riguarda il modo per "rinforzare ed avere più resistenza" non sapendo da cosa sia causato il suo problema non trovo una risposta concreta. Forse riprendere l'attività sportiva potrebbe servirle. Prima faccia il tilt test e poi si deciderà, assieme al suo neurologo, se occorreranno ulteriori accertamenti.
Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 279XXX

Riporto qui le novità per evitare di aprire un altro consulto:

ho fatto molti esami per escludere possibili cause:

Holter pressorio OK (anche in presenza di questi sintomi)
Holter cardiaco OK (anche in presenza di questi sintomi)
Analisi di base OK tranne Colesterolo alto e potassio basso
Ecocardiogramma OK (tranne piccolo prolasso mitrale)
RX torace OK
Ecografia aorta addominale e reni OK
Visita Neurologo OK
Visita Otorino OK
Tac Cranio OK

Sono in attesa dell'esame delle urine e delle feci ma nel complesso i risultati sono buoni.

In conclusione quando sento questi strani disturbi sto più tranquillo e non mi agito e questo mi ha permesso di sentire meglio i disturbi senza che poi la mia ansia li tranformi in altri.

Detto ciò il disturbo più chiaro ed evidente che mi è rimasto è quello di avere a volte durante la giornata un senso di instabilità e confusione alla testa che spesso si associa a disturbi a livello digestivo come lentezza nella digestione e senso di pienezza. Spesso e volentieri questi disturbi cominciano poco prima che vada in bagno e nell'atto dell'evacuazione si accentuano notevolmente tanto che mi sento girare tutto e mi sento debole. Quasi sempre le feci sono formate da palline abbastanza dure e secche. Al bagno vado regolarmente quasi ogni giorno.

Può questo disturbo essere provocato da problemi intestinali? Ho sentito parlare di nervo vago!? A chi mi posso rivolgere e quale accortezza posso provare per vedere se i sintomi si attenuano?

Poi non mi rimane che andare da un ortopedico dato che sono alto e storto...cervicale??

Grazie ancora..

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
tutti gli accertamenti sono negativi (mi pare però di non trovare l'EEG). Quale orientamento diagnostico le ha prospettato il neurologo?
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente 279XXX

allora l'EEG era negativo.

Non ha prospettato orientamenti diagnostici. Più che altro ha parlato di uno stato ansioso e mi ha consigliato un blando ansiolitico. (che ancora non ho preso)

Diciamo che sapere che non ho nulla di "grave" (cuore/pressione) funziona da solo come ansiolitico. Peccato che questi piccoli disturbi siano ancora presenti. La cosa strana è che non riesco a capire da dove scaturiscono perchè durante l'arco della giornata a volte li ho mentre a volte no. Forse devo solo far passare del tempo. Magari il mio sistema nervoso si deve un po' re-rilassare.

Di una cosa però mi sono accorto in questo periodo di relax analizzando con calma questi fastidi. sembrerebbe che quando li avverto sento il battito del cuore molto forte tanto da, quando sono seduto soprattutto, "scuotermi" il busto e le braccia. Forse questo disorientamento che sento è dovuto a questo e poi magari io ci metto del mio. Avverto piccoli spostamenti magari dovuti a una scorretta postura etc. Comunque ribadisco che la pressione è OK.

Grazie mille ancora!

[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
concordo col suo neurologo e se le consiglio di iniziare la terapia.
Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente 279XXX

Gentile Dottore,

a distanza di molti anni vorrei ringraziarla per la pazienza e la sua professionalità che mi ha dedicato.

Con molta tranquillità Le posso dire con certezza che il mio era semplicemente un forte stato ansioso scaturito dagli ostacoli che la vita quotidiana ci pone di fronte e che spesso, sopratutto in età giovanile, non riusciamo a percepire e affrontare nel giusto modo.

Posso solo consigliare a tutti gli utenti che si rispecchiano in qualche modo in questa mia situazione di non fare solo esami clinici escludendo a priori che la causa possa essere la mente.

Non ci ho voluto mai credere alla diagnosi di stress, ansia etc... mi sbagliavo.

Piano piano mi sono rivolto ad uno psicoterapeuta e adesso STO BENE. Non andate dagli strizzacervelli che vi fanno 2000 sedute e scavano nel vostro passato. La soluzione è molto più semplice e bastano poche sedute.

Un consiglio caldissimo: quando avete qualsiasi sensazione di malessere strano, fermatevi e domandatevi "c'è qualcosa che mi turba adesso? famiglia, università, soldi, amicizie. etc"....datevi la risposta e cercate di vedere il problema da punti differenti. Il ridimensionamento del problema diminuisce i sintomi fisici. Col tempo saranno cancellati.

Ci vuole costanza e allenamento nel fare questo ma il risultato è sorprendente.

Auguri e grazie Dottore.

[#13] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

La ringrazio davvero per la preziosa testimonianza diretta, mi fa piacere che abbia risolto il problema e adesso può giustamente consigliare i lettori che leggeranno questo post, mi auguro numerosi.
Fin dalla mia prima risposta facevo capire che la chiave era quella psicosomatica ma ovviamente non ci si può sbilanciare a distanza, cosa che ho fatto però dalla replica #3.

RingraziandoLa ancora per il prezioso contributo La saluto cordialmente

Buona serata
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente 279XXX

Ha ragione, purtroppo, come ho potuto constatare sulla mia pelle, quando ci si trova in queste situazioni si ascolta solo quello che ci vogliamo sentir dire.

Lei giustamente mi ha prospettato anche che la causa fosse psicosomatica ma io non gli ho dato peso. E invece è bene prendere molto sul serio questo aspetto.

Grazie a Lei. Buona giornata.