Origine della mia lombalgia - neurologica o muscolare?

Buongiorno,

Premetto che ho sofferto di lombalgia in passato, sempre senza dubbio collegata alla mia ernia discale sia per tipo di sintomatologia sia per conoscenza degli errori (movimenti) che le sono stati la causa.

Questa volta le cose sono andate diversamente.
Da circa 2 mesi soffrivo di forte dolore del tipo sciatica quando cercavo di abbassarmi in avanti, mettere le scarpe, alzare qualcosa dalla terra.
Da un giorno all'altro non ci sono più riuscita a stare ne seduta ne in piedi.
Un dolore continuo molto forte che passa solo quando mi distendono.
Diagnosi contrattura muscolare.
Intanto non sono del tutto convinta della diagnosi, o per lo meno che si limita alla contrattura visto il raggio del dolore.
La contrattura muscolare (che sicuramente c'è) ma può essere causata dell'ernia discale zona lombare (esistente dal 2016) oppure coinvolgere il sistema nervoso?
Può durare oltre ad una settimana?
Quali esami mi consiglia di fare per una diagnosi e cura corretta?
(4 giorni di muscoril endomuscolare x2 al di, acetamol 1000 x2 al di, ketorolac endomuscolare e valium 5 e 10 goccie al di non hanno fatto ALCUN effetto...
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 75.9k 2.3k 21
Gentile Signora,

l’esame di prima scelta nel Suo caso è la RM lombosacrale, dopo è indicata una visita specialistica che in base all’esito della RM potrà essere neurologica, neurochirurgica o fisiatrica.
La causa potrebbe essere l’ernia discale associata a contrattura muscolare.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
Utente
Utente
Risonanza magnetica fatta subito con esito non indicativo. L'ernia esistente non sembra aver subito modifiche dall'ultima RM 1 anno fa. Io stavo pensando più la sciatica causata dalla contrattura muscolare... o magari lo psoas... quale esame può più precisamente indicare la zona coinvolta (nervo infiammato, muscolo accorciato/ teso)?
[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 75.9k 2.3k 21
Un altro esame utile può essere l’elettromiografia, poi può contattare un fisiatra.

Dr. Antonio Ferraloro