Utente
Salve,ho un problema al ginocchio sx che vorrei condividere con voi per un eventuale consulto alternativo al mio ortopedico di fiducia.
Prima di illustrarvi il mio problema vi informo che sono un giocatore di calcio dilettantistico e ho 31 anni nel corso degli anni e e della mia 'carriera' vari sono i problemi al mio ginocchio sx:
_In età adolescenziale sono stato fermo per un anno da ogni attività sportiva per gli esiti di malattia Osgood-Schlatter.
-Vari traumi contusivi tra cui uno fu causa nel 2006 della operazione alla cartilagine del condilo femorale interno.operazione riuscita con successo nel febbraio del 2007 per un ritorno alle attività agonistiche nel Agosto 2007.
Veniamo all'attuale problema:lo scorso 29/09/2010 scontrandomi con un avversario in un contrasto di gioco(il più classico ginocchio contro ginocchio) subisco un trauma al famigerato ginocchio sx,dopo il normale gonfiore con relativa visita al pronto soccorso e lastre che mi sollevamano da eventuali rotture ossee sotto consiglio dell'ortopedico del pronto soccorso tengo un tutore per una ventina di giorni con uso di stampelle e programmo una risonanza magnetica di controllo(durante questi venti giorni effettuo sia sedute di laser terapia che ultrasuoni e cerco di tenere senza dar carico al ginocchio il tono della muscolatura alto)che trascrivo per intero:
08/09/10
Non alterazioni della fibrocartilagini meniscali.
Edema post-contusivo della spongiosa sottocorticale nel tratto anteriore dell'epifisi tibiale esterna.
Fine irregolarità corticale della superficie di carico del condilo femorale interno in esiti di intervento correttivo di condropatia con alone di edema spongioso sottocorticale.
Il legamento crociato posteriore è mal definito nel tratto centrale con incremento di segnale per lacerazione parziale
Lievemente inspessito e sfumato il legamento crociato anteriore per alterazione distrattiva.
Aspetto sfumato con edema nella metà prossimale del legamento collaterale interno per distrazione di secondo grado.Non alterazioni del collaterale esterno.
Modesto versamento nel recesso sopra rotuleo,reazione sinoviale nei recessi adiacenti dei legamenti crociati,setti sinoviali reattivi deformano il corpo adiposo di Hoffa.
Aspetto disomogeno dell'inserzione del tendine rotuleo per frammentazione dell'apofisi tibiale anteriore in esiti di malattia di Osgood-Schlatter.
Il 27/09/2010 a farmi visitare dal mio ortopedico di fiducia a seguito il suo consiglio:
Magnetoterapia per un mese(effettuata)
Ripresa tra 5-6 settimane.
Ieri in data 31/10 dopo circa 5 settimane e dopo aver fatto 5 sett di fisioterapia per tenere la muscolatura tonica e per non perderla faccio i mie primi 2 giri di campo con esiti subito positivi:niente dolore durante l'attività,alla sera mi si ripresenta un leggero dolore nella zona posteriore del ginocchio con leggero gonfiore sempre zona post.
Ho sbagliato qualcosa?ho ripreso troppo in fretta?é normale il leggero dolore?
Grazie della pazienza.
Cordiali Saluti.

[#1]  
Dr. Roberto Leo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
l'edema alla spongiosa emerso dalla sua RMN non e' altro che l'espressione della violenza dell'impatto da lei subito che e' arrivato a creare una "infiammazione dell'osso" che spesso puo' richiedere anche molti mesi per guarire.
La distrazione relativa al suo LCA va valutata attraverso un consulto clinico cui le consiglio di sottoporsi.
Per quanto riguarda le sensazioni che lei ci ha riportato relative alla sua ripresa sportiva ritengo che esse possano considerarsi normali anche alla luce del fatto che lei ha subito un intervento alla cartilagine articolare.
Personalmente nei casi come il suo preferisco che gli atleti prima di riprendere l'attivita' della corsa eseguano un programma di rieducazione in acqua che duri almeno 2 o 3 settimane.
Provi a riconsiderare tale aspetto oppure ne parli con uno specialista cui le consiglio comunque di rivolgersi qualora i sintomi da lei descritti dovessero permanere.
Cordiali saluti
Dr. Roberto LEO

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Dr Roberto,innanzi tutto la ringrazio per la disponibilità e per la sollecitudine della sua risposta.
In riguardo al LCA le posso dire che l'ortopedico da cui sono stato operato valutando la risonanza magnetica ha escluso problemi in relazione hai legamenti crociati in quanto leggermente infiammati dovuti al trauma e effettuando le prove con manipolazione il ginocchio sembrava saldo.
Secondo lui il problema del gonfiore e del dolore era dato dall'edema della spongiosa al piatto tibiale.
Quando parla di un consulto clinico si riferisce ad una operazione per valutare lo stato del mio LCA?
Volevo anche specificarle che in occasione del trauma che ho subito ho avuto anche una iperestensione del ginocchio.
Ma lei quando dice molti mesi solitamente a quanto si riferisce?
Comunque valuterò anche una eventuale rieducazione in acqua già praticata durante la riabilitazione per la precedete operazione.
La ringrazio nuovamente per la sua disponibilità.
Cordiali Saluti

[#3]  
Dr. Roberto Leo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
Quando parla di un consulto clinico si riferisce ad una operazione per valutare lo stato del mio LCA?
MI RIFERISCO AD UN ESAME CLINICO BEN FATTO PER STUDIARE LO STATO GENERALE DEL SUO GINOCCHIO.

Ma lei quando dice molti mesi solitamente a quanto si riferisce?
IMPOSSIBILE PARLARE DI TEMPI DI RECUPERO SENZA POTER VISITARE IL PAZIENTE!

cordiali saluti
Dr. Roberto LEO