Utente
Salve a fine maggio ho avuto un incidente con la moto. Grossa botta sulla tibia sul paramotore della moto, dopo un mese trovato, tramite un ecografia, un ematoma in regione antero-mediale medio terzo distale gamba sinistra. Mi hanno fatto fare impacchi caldo umidi e il Lioton 1000, poi hanno inciso e svuotato l'ematoma, lasciato un drenaggio in para 6 giorni. Preso Augmetin e Clexane.
Tac alla testa ed ecodoppler ad entrambe le gambe, ed era tutto ok.
Dopo varie medicazioni volte alla gamba sinistra dove c'era ematoma.
Dopo un mese sono inziate delle vibrazioni ad intermittenza nell'alluce e pianta del piede della gamba sinistra, mi ordinarono da prendere il Leninerv 600, perchè aveva l'acido lipoico e le vitamine B.
Iniziarono anche, ma questo già dallo svuotamento dell'ematoma, dei spasmi/guizzi muscolari alla gamba.
Nell'arco di due mesi le vibrazioni all'alluce alla pianta sparirono.
Stavo bene da una settimana e decisi di tagliare l'erba in giardino, facendo lo ammetto non poco sforzo, ma l'ho sempre fatto, non me ne sono preoccupata.
Putroppo però la stessa sera che ho tagliato l'erba sono comparse delle vibrazioni/formicolii al tallone della gamba sinistra, più precisamente nella regione plantare, achillea, perimalleolare . Allo stesso tempo la mattina quando mi alzano mi facevano male i talloni quando mi mettevo in piedi, poi nell'arco della giornata questo male scompariva, rimanevano solo le vibroformicolii.
Mi fecero continuare il Leninerv e inziare il Polase, forse potevano essere fascicolazioni.
Facendomi fare anche l'esame del calcio e del fosforo, erano ok.
Le vibroformicolli continuavano. Quando ero ferma o dormire tendevano a scomparire un po, quando poi camminavo ritornavano.
L'ortopedico poi mi ha fatto l'elettromiografia alla gamba sinistra, dato che ritornò la vibrazione all'alluce, e ha trovato una modica sofferenza a carico del nervo tibiale di sinistra e dello sciatico popliteo esterno di sinistra e del relativo territorio muscolare, secondo lui appunto per causa stupor da compressione dell'ematoma.
Mi ordinò di fare un ciclo di correnti diadinamiche ai due nervi. Le feci dieci sedute.
Ma le vibroformicolli sono rimasti in zona tallone e dele regione citate sopra. Mentre le vibrazioni all'alluce sono andate via.
Ho fatto poi una RNM dato che accusavo anche mal di schiena nella zona lombare. Hanno trovato una franca protusione discale in sede postero mediana e paramediana dx in L2-L3, un'rnia discale discendente paramediana dx in L4-L5 e una protusione erniaria ad ampio raggio con accentuazione in sede postero-mediana che si accosta al profilo anteriore del sacco durale.
Hanno pensato che questi vibroformicolii dipendino da questi problemi alla schiena. Mi hanno consigliato shiatsu. La schiena sta un po meglio, ma abbiamo trovato come un bozzo sul polpaccio sx, abbiamo inziato dei massaggi per ridurlo, si sta riducendo, ma le vibroformicolii ci sono ancora anche se minori. L'ortopedico consigliava anche delle tens.....

[#1]  
Dr. Antonio Valassina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
ALBANO LAZIALE (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Impossibile risponderle a distanza. Ma un chiarimento mi occorrerebbe.
Quando ha fatto l'EMG e' stata eseguita anche la Velocita' di Conduzione del n. tibiale posteriore al canale retro/sottomalleolare interno (tunnel tarsale)?
Attendo sue notizie.
Cordialita'
Dr. A. Valassina
Nota:informazione web richiesta dall'Utente senza visita clinica; non ha valore di diagnosi, trattamento o prognosi che si affidano al medico curante

[#2] dopo  
Utente
Salve di seguito alla EMG hanno riscontrato una modica sofferenza a carico del nervo tibiale posteriore (spi) di six e delo sciatico esterno (spe) di six, e del relativo territorio muscolare. Di conseguienza mi hanno fatto un ciclo di dieci sedute di correnti diadinamiche al nervo tibiale posteriore e al sciatico esterno. Per il nervo tibiale posteriore, penso, hanno applicato gli "elettrodi" uno in alto in zona tibiale verso l'esternoverso il ginocchio e l'altro sempre in alto circa sotto il ginocchio sempre verso lato esterno della gamba six. E poi, penso per lo sciatico, li hanno messi nella zona del polpaccio zona posteriore verso fine gamba. Dice che sarebbe meglio applicarli in zona retro sottomalleolare ?
Io ho ancora anche leggermente la caviglia gonfia nella stessa zona sempre post incidente...

[#3] dopo  
Utente
Inoltre nella gamba six ho anche nel polpaccio verso la parte posteriore in linea proprio dove in fondo dove c'è tallone ho la vibrazione, tipo un bozzo che stiamo sciogliendo con dei massaggi...

[#4]  
Dr. Antonio Valassina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
ALBANO LAZIALE (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Da quello che lei descrive sembrerebbe che la VCD al canale tarsale non sia stata studiata.
Comunque e' bene che il recupero attuale e questi disturbi residui vengano sorvegliati nel tempo da un collega ortopedico.
Nota:informazione web richiesta dall'Utente senza visita clinica; non ha valore di diagnosi, trattamento o prognosi che si affidano al medico curante

[#5] dopo  
Utente
Salve abbiamo fatto la risonanza magnetica al piede e hanno trovato una qualche minima disomogeneità di segnale del tendine tibiale posteriore in corrispondenza della sua inserzione sul tubercolo scafoideo. In precedenza dall'elettromiografia si era trovata anche una modica sofferenza nel nervo tibiale posteriore.
L'ortopedico mi ha fatto delle infiltrazioni nella zona tunnel tarsale e calcagno dove dice ci sono i due rani del vervo tibiale ma anche se meno la fibrazione/formicolio c'è ancora, specialmente a volte se cammino un po o sto ferma in piedi, a riposo è minore e a speso scompare. Il mio ortopedico dice che ci sarebbe l'operazione ma non assicura risultati positivi....lei cosa mi consiglia?
Attendo notizie grazie

[#6]  
Dr. Antonio Valassina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
ALBANO LAZIALE (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Mi scusi, ma mi sembra che lo studio elettrofisiologico del nervo non sia stato completato. Fino a quando non si ha una documentazione completa (quindi anche i dati della Velocita'di conduzione del n. tibiale sopra e sotto il tunnel tarsale) e' bene astenersi da qualsiasi valutazione e soprattutto indicazione a qualsiasi trattamento.

Comunque....posso solo anticiparle che se si trattasse di una sindrome da intrappolamento del nervo tibiale posteriore a livello del tunnel tarsale il trattamento chirurgico di decompressione e neurolisi, di solito, offre ottimi risultati.
Nota:informazione web richiesta dall'Utente senza visita clinica; non ha valore di diagnosi, trattamento o prognosi che si affidano al medico curante

[#7] dopo  
Utente
Capisco...nell'elettromiografia aveva fatto questo:
emg muscoli estensori alluce e dita di sinistra
emg muscoli gemelli di sinistra
spe sinistro spi destro

Dunque dovrei rifare l'elettromiografia e farla del nervo tibiale sopra e sotto il tunnel tarsale ?
Pensavo che la conduzione della velocità percorresse tutto il nervo tibiale dal ginocchio alla alluce................

[#8]  
Dr. Antonio Valassina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
ALBANO LAZIALE (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Nella mia replica #4 gia' le avevo segnalato questo limite della precedente EMG...
Nota:informazione web richiesta dall'Utente senza visita clinica; non ha valore di diagnosi, trattamento o prognosi che si affidano al medico curante