Utente 258XXX
Salve, mio padre ha fatto una RM encefalo, in quanto ha avuto forti mal di testa nel mese di agosto ed il neurologo l'ha curato per una cefalea emicranica, ma nonostante ciò mio padre si sentiva stonato per questo abbiamo fatto altri controlli ed è stata riscontrata un pressione minima alta (situazione congenita in famiglia) e quindi ora sta assumendo blopress 8mg. Ritirati l'esame con tecnica FSE, DWI e FLAIR secondo piani di scansione assiali, saggitali e coronali pesanti in T1 e T2.
L'esame documenta la presenza di alcune piccole aree di gliosi, su pregressa base micro-vascolare ischemica, localizzate in sede iuxta-corticale biemisferica. Non evidenti significative aree con restrizioni della diffusività. Quarto ventricolo normale ed in sede; il sistema ventricolare sovratentoriale appare di normali dimensioni, in asse sulla linea mediana. Modesta dilatazione degli spazi sub-aracnoidei della base e del mantella.
E' qualcosa di preoccupante, si può tenere sotto controllo?
Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

il riscontro di aree di gliosi su base vascolare è un reperto frequente a riscontrarsi.
Considerate le piccole dimensioni ed il numero limitato di queste aree, tale reperto non ha significato clinico.
E' importante però prevenire ulteriori ischemie o microischemie mediante il controllo dei valori pressori, della glicemia, del colesterolo e dei trigliceridi. Abolire il fumo di sigaretta se fumatore.
Consigliabile è anche l'attività fisica costante, se possibile.
Faccia visionare l'esame al neurologo di fiducia.
Quanti anni ha Suo padre?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Caro paziente,
il quadro di risonanza magnetica di suo padre dice già chiaramente nel referto circa una cerebrovasculopatiai inschemica cronica. Il reperto suddetto è frequente nei pazienti affetti da emicrania nonchè da ipertensione arteriosa.
Non conosco l'età di suo padre, ma approssimativamente posso provare ad immaginarla. Quello che va fatto, come il neurologo di suo padre le avrà detto, è un elenco dei fattori di rischio vascolare: ipertensione arteriosa ed emicrania sono già noti. Cosa altro? Indicati appaiono essere accertamenti quali: EcoDoppler VSA (VSA=vasi sopra aortici), EcoCardio Trans Toracico, esami ematici (in particolare:emocromo, colesterolo, trigliceridi, PT, PTT, omocisteina, glicemia, emoglobina glicosilata).
Parli con il suo medico di famiglia e con il suo neurologo.
Cordialmente.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#3] dopo  
Utente 258XXX

grazie mille x la risposta dottori. mio padre ha 51 anni. posso stare tranquillo? e' qualcosa di grave? o una diagnosi frequente e quindi facilmente gestibile? grazie ancora.

[#4] dopo  
Utente 258XXX

grazie mille x la risposta dottori. mio padre ha 51 anni. posso stare tranquillo? e' qualcosa di grave? o una diagnosi frequente e quindi facilmente gestibile? grazie ancora.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

non è nulla di grave nel senso comune del termine ma se Suo padre è ben seguito e segue determinate regole può stare tranquillo, deve tenere sotto controllo i fattori che prima ho menzionato.
Ovviamente se ancora persiste la cefalea, questa va curata in base alla forma clinica diagnosticata.
Si affidi ad un neurologo.

Buona domenica
Dr. Antonio Ferraloro