Utente
Buongiorno, vi scrivo per un consiglio / parere su un problema riguardante il ginocchio sx. Circa 1 anno durante un allemento di judo, la mia gamba sx è andata in rotazione verso l'interno. Ero sdraiato a terra e quindi il piede era libero a mezz'aria ma imbracciato dall'avversario che ha ruotato l'intera gamba verso l'interno. In quel momento ho sentito uno scatto secco al ginocchio (come se sfregasse osso cntro osso). Nessun gonfiore, nessuna tumefazione, nessuna limitazione nei movimenti, solo un leggero indolenzimento nella parte interna all'altzezza dell'emirina meniscale, ma piu sull'osso della tibia che lo spazio proprio del menisco. Ho sospeso gl allenamenti per 2 settimane e tutto si stava risolvendo quando flettendo completamente il ginocchio (portandolo verso il petto da in piedi) ho sentito come spostarsi qualcosa (alla massima flessione) e quasi impossibile nel distenderlo del tutto fino a quando la tibia non ha fatto uno scatto alquanto rumoroso e tutto è ritornato normale senz anessun dolore, gonfiore, tumefazione. Il problema si è ripresentato ogni qualvolta fletto in ginocchio completamente (seduto sui talloni): si sente qualcosa che si sposta e poi nella distensione avverto prorprio lo spostamento della tibia che ritorna al proprio posto. Dalla visita ortopedica si era ipotizzato una lesione meniscale mediale, mentre i LCA - LCP riusltavano normali. Dalla risonanza fatta è uscita una meniscosi, ma non lesione. Il LCA sembra ispessito come da lesione parziale. Nella norma i rstanti legamenti, si evidenziava invece una iperpressione femoro rotulea con "qualcosa" che non ricordo al canale trocleare. L'ortopedico allora si è orientato (dopo la RMN) ad un problema di tipo cartilagineo che causava quello scatto al ginocchio e quindi ha prescritto solo rinforzo del quadricipite. Ad oggi dopo circa 1 anno da quell'episodio il fenomeno continua, in modo minore (posso sedermi sui talloni senza pero forzare, accovacciarmi, posso correre senza problemi, saltare, fare squat, leg press, ho ripreso a lottare), solo che ogni tanto avverto questa sensazione di spostametno di qualcosa nella parte antero - laterale interno ginocchio, e poi questo scatto della tibia parte interna sotto la rotula. E' una cosa fastidiosa ch emi impedisce di allenarmi al 100% in quanto ho sempre la paura che si possa romere qualcosa.
Allora mi chiedo: puoò essere il LCA parzialmente lesionato a causare questo?
Puo essere che c'è una lesione meniscale che non è apparsa alla RMN che causa cio?
Puo essere l'iperpressione femoro - rotulea che nella massima flessione del ginocchio fa andare la rotula fuori posto?
Forse dovrei cambiare ortopedico (il primo oramai si è fatto la sua idea del problema) e rifare una nuova RMN?
Grazie.

[#1]  
Dr. Paolo Sailis

36% attività
16% attualità
16% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Buonasera,

la descrizione del suo meccanismo traumatico, puo' far pensare fondamentalmente a due problemi. Uno di tipo meniscale, l'atro femoro-rotuleo.
Escluderei una lesione legamentosa, vista l'assenza di instabilita' del ginocchio anche a distanza di tanto tempo dal trauma.
Lo scatto intrarticolare che lei descrive potrebbe essere dato da varie cause, un frammento meniscale, un corpo mobile cartilagineo o semplicemente una patologia condrale a carico della rotula, magari secondaria al trauma che le da' la sensazione di uno scatto per un problema di attrito tra superfici articolari.
Prima di fare un nuovo esame RMN le consiglierei una nuova visita ortopedica.
Le auguro una buona serata.
Dr. Paolo Sailis
paolo.sailis@gmail.com

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta,
sicuramente devo ritornare da un ortopedico specialista nei traumi del ginocchio e quindi devo un po veder ein zona anche se presentandosi il problema saltuariamente e solo in movimenti particolari (completa flessione o altri che nonriesco a descrivere in quanto durante fasi di allenamento e non sempre) vedo un pò difficile una esatta diagnosi tenedndo conto anche della RMN già fatta.
Però la cosa strana è che il ginocchio non è stato mai gonfio e ne dolorante. A scatto avvenuto tutto torna normale. Ho ripreso da tempo gli allenamenti e a parte un po di muscolatura poco tonica sul quadricipite, niente da riportare, ne dolore, ne gonfiore, ne cedimenti strani durante esercizi (squat. press, leg ext senza esagerare) e corsa.
La RMN (fatta due settimane dopo il primo infortunio) parla precisamente:
- meniscosi prevalentemente mediale;
- LCP - collaterali - mediali - rotuleo e quadricipitale nella norma;
- LCA non perfettamente delineabile come da parziale lesione
- moderati segni di iperpressine femoro-rotulea con scarsa profondita della troclea femorale?
Può essere forse questa la causa dello scatto? Ma la scarsa profondita è una conseguenza dell'infortunio, oppure c'era gia?

[#3]  
Dr. Paolo Sailis

36% attività
16% attualità
16% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
La scarsa profondita' della troclea femorale e' la descrizione della morfologia del suo femore nella zona in cui si articola con la rotula.
Puo' essere un fattore predisponente all'instabilita' di rotula che, come le scrivevo nella risposta precedente, potrebbe essere uno dei motivi del suo disturbo.
Dr. Paolo Sailis
paolo.sailis@gmail.com

[#4] dopo  
Utente
Salve, vi riscrivo, in attesa della visita ortopedica prenotata, perchè alcuni giorni fa si è ripresentato il problema del ginocchio, nel senso che durante la quasi totale flessione, ma all'improvviso, ho avvertito il solito "qualcosa" che si muove nella parte mediale del ginocchio, però sotto l'emirina, con un dolore sopportabile. Fermatomi ho cercato, come sempre, di estendere completamente la gamba, operazione che faceva scattare e/o scivolare qualcosa. Fino a quando non scatta però, il dolore è abbastanza forte tale da non poter stendere del tutto (tipo come avviene col gomito che non lo si riesce a stendere del tutto fino a quando non scatta) la gamba e anche da non poter caricare il peso su stessa ed anche la sola pressione del dito fa male. Portando la gamba a fine estensione si sente prorpio un leggero scatto e si vede ad occhio nudo che qualcosa va al posto suo (avviene in direzione della tibia). Dopo di ciò nessun dolore piu, nessuna limitazione, nessun gonfiore, come se niente fosse accaduto. L'altra sera però ho faticato un pò per farla scattare, ho fatto vari tentativi, e dopo il leggero scatto mi è rimasto un leggero indolenzimento sul condilo tibiale (proprio l'osso), in basso l'emirina di circa 1 cm verso la rotula (in corriposndenza di vuoto che si sente sulla tibia). Si vede un piccolo rigonfiamento molle in corrispondenza e al tatto sento dolore. Ho pensato a qualcosa tipo la borsa anserina, una tendinite della zampa d'oca. Con una ecografia si può veder lo stato dei collaterali e borsa? Può essere quella la causa di questo problema che avverto solo nella massima flessione, visto che dalla risonanza di parlava di meniscosi?
Grazie