Utente
Buonasera, sono una ragazza di 22 anni.
Più di un mese fa ho avuto un fortissimo raffreddore, con più che altro naso chiuso ed orecchie tappate. E' perdurato invariabilmente per due settimane e mi sono curata con semplici spray nasali o aerosol. Il mio medico, però, mi aveva prescritto anche un antibiotico, Avalox, ed un mucolitico, Fluifort.
Già dai primi giorni di raffreddore ho avvertito le orecchie tappate e dei leggerissimi fischi discontinui. Quando poi il raffreddore si è attenuato i fischi sono peggiorati, quando deglutisco o muovo la mandibola sento un click, come se le orecchie si stappassero, e ogni tanto mi sembra di sentire tutto ovattato. Questa sera, improvvisamente, i fischi si sono acuiti, soprattutto sull'orecchio sinistro, tanto da sentirli nitidamente anche con la tv accesa.
Il mio medico di base nei giorni scorsi mi aveva visitata ma non ha notato nessuna presenza di cerume, e non sapeva nemmeno lui che cura darmi, se non tanti aerosol e continuare a prendere il Fluifort.
Comunque sento ancora ogni tanto il naso un pò bloccato.
Arrivata a questo punto non so più cosa fare. Io, poi, sono una persona molto ansiosa, e al minimo problema mi sembra di impazzire.
Può essere ancora raffreddore? Catarro? Come è possibile sbloccare i tappi e zittire i fischi?
Vi chiedo cortesemente un consiglio, su cosa potrebbe essere, su qualcosa che possa aiutarmi.
Ringraziando anticipatamente, porgo cordiali saluti.

Valentina

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Cara valentina, dalle tue descrizioni, la patologia in questione prende il nome di tubotimpanite catarrale. Ovvero, un grosso raffreddore, ha provocato una insufficiente ventilazione della tuba d'Eustachio con conseguente raccolta di catarro nell'orecchio medio, ovvero nella cassa timpanica, dietro la membrana timpanica, appunto. Il consiglio che posso darti è quello di sottoporti ad una visita specialistica otorinolaringoiatrica con esame audio-impedenzometrico. In base al risultato della visita ed a quello degli esami strumentali indicati, ti verrà prescritta una idonea terapia farmacologica. Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Dr. Brunori.
Innanzitutto La ringrazio per l'incredibile rapidità. Ma soprattutto per la risposta così completa ed esauriente. E' stato molto gentile.
Domattina provvederò ad andare dal mio medico di base per avere un'impegnativa per l'esame.
Speriamo che davvero sia la volta buona per sistemare il problema!
Ringraziando nuovamente, Le porgo cordiali saluti.

Valentina

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Mi farà piacere ricevere notizie in merito
Dr. Raffaello Brunori