Utente 542XXX
Buongiorno dottori, vi scrivo per chiedervi alcuni chiarimenti sulla mia attuale situazione. Un annetto fa andai a farmi una visita a causa di un fortissimo mal di testa (sporadico) che andava avanti da giorni... risultai negativo a tutto tranne che alla sinusite mascellare, ma non sembrava esserci diretta correlazione tra le due cose. La dottoressa che mi visitò premette sui miei zigomi e sulla fronte per vedere se sentivo dolore e lo sentii soltanto ad altezza zigomi. Visto che la principale preoccupazione di quel momento era curare il mal di testa piuttosto che la sinusite ho rimandato il problema per molto, a dire il vero fino ad ora... è un annetto infatti che se mi tocco gli zigomi sento dolore. Un giorno ero a lezione di anatomia e il mio professore parlò proprio di questo, dicendo che la zona era difficile da raggiungere con i comuni farmaci e che quindi la scelta piu popolare era quella di aprire e di pulire il tutto. La cosa ovviamente mi ha spaventato perchè la prospettiva di doversi sottoporre a quello che a tutti gli effetti credo venga considerato un intervento chirurgico non è il massimo. Dunque voglio chiedervi, è davvero così? Non c'è altro modo di guarire dalla sinusite mascellare se non mediante via chirurgica oppure è sempre da considerarsi come un "ultima spiaggia"? Prima di sentire a lezione questa cosa ero convinto che bastasse un po' di aerosol con un antibiotico per risolvere la situazione, perciò la cosa mi ha spiazzato. Nel caso in cui la possibilità di un intervento fosse reale e non soltanto teorica, potreste spiegarmi in termini concreti come funzionerebbe questo intervento? Grazie del vostro tempo e della vostra disponibilità.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Sicuramente, prima si deve tentare una terapia farmacologica e, in caso di insuccesso, allora si potrà pensare alla chirurgia. La terapia aerosolica, pero', è inadatta, perché non riesce ad arrivare all'interno dei seni paranasali. Si preferisce utilizzare una cura con farmaci per via orale e con spray decongestionanti le mucose nasali. La chirurgia consiste nell'apertura e svuotamento del seno paranasale interessato dal processo flogistico cronico per via endonasale, in endoscopia (fess), con tecnica debrider.
Un cordiale saluto ed augurio per i tuoi studi
Dr. Raffaello Brunori