Utente 693XXX
buongiorno, mi rivolgo a lei, pediatra in quanto anche se si tratta di un problema all'orecchio, la nostra sensazione e' che non siamo state prese in considerazione tutte le strade pediatriche disponibili.

mio figlio, che adesso ha 9 mesi, soffre da quando aveva 5 mesi di otite media purulenta (cosi' e' stata diagnosticata) ne ha gia' avute 8 in 4 mesi.

non so se puo' essere di vostro interesse, ma il bambino ha avuto difficolta' alla nascita perche' aveva 3 giri di cordone intorno al collo e quando e' uscito non ha fatto subito il vagito se non dopo una veloce operazione (pochi secondi) del medico presente oltre al pediatra e alla ostetrica.

riguardo all'otite gli e' stato fatto 1 solo antibiogramma in cui emerge il batterio Haemophilus Influenzae .... sono stati somministrati vari tipi di antibiotici per bocca (prevalentemente Augmentin, ma anche Oraxim, Zimox, Otreon, ora ci hanno prescritto Zitromax )

il risultato e' che dopo 3gg che e' finito l'antibiotico rinizia il dolore e la secrezione dagli orecchi (quasi sempre da entrambi)

su indicazione del pediatra del bimbo, siamo stati (alla 3° otite) da un primo otorino che e' servito solo a metterci una grande paura parlando di "colesteatoma" dall'orecchio sinistro e che doveva essere effettuata una TAC ..... per fortuna in seguito e' stato smentito da altri colleghi.

ci siamo rivolti all'ospedale cittadino e il primario ci ha parlato di reflusso dandoci una cura (basata sulla pulizia del naso e sullo sciroppo RANIDIL da prendere una volta al giorno per 2/3 mesi) che pero' non e' servita ancora a niente (e' iniziata da 1 settimana) anzi il problema si e' ripresentato. Il primario dell'ospedale ci ha prescritto il glazidim per naso come strumento aggiuntivo in caso di muco giallo/verdastro.

e' stata fatta, sempre presso l'ospedale, una visita immunologica con prelievo del sangue, che non ha dato alcun riscontro indicativo

e' stata fatta anche un'ipotesi di pseudomonas da curare con punture da 500 di glazidim, spectrum (http://www.carloanibaldi.com/terapia/schede/SPECTRUM%20-%20SPECTRUM%20VENA.htm) ; mia moglie ha paura di intraprendere questa cura perche' il pediatra di famiglia ci ha ammoniti che si tratta di una cura con possibili effetti molto negativi sul bambimo.... (anche gli otorini dell'ospedale ci hanno detto che sarebbe meglio evitare le punture) leggendo il foglietto illustrativo del farmaco pero' queste controindicazioni non risultano anzi sembra che ne abbia meno del tanto diffuso augmentin.

potete darci delle indicazioni su come procedere ?

grazie

[#1]  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Signore, sperando che gli antibiotici siano stati somministrati in base alla sensibilità verso l'agente responsabile (non mi addentro sul perchè siano stati cambiati, se le dosi siano state ben somministrate, e perchè si voglia sospettare uno pseudomonas quando è possibile magari cercarlo ed esserne sicuri, prima di insistere con altri antibiotici), dal momento che ciò che vi propongo è del tutto innocuo e privo di effetti collaterali e di interferenze con terapie in corso, vi esorto immediatamente a cominciare con quanto segue

THUJA 30 CH granuli, tre granuli sciolti in poca acqua (non usare cucchiaini di metallo, ma plastica o legno) una volta alla settimana per 4-6 settimane. Ripetere dopo una pausa di 15-20 giorni pr parecchi cicli, fino a che la situazione auricolare non migliorerà. Appena comincia a migliorare, smettete.

Ha bisogno contemporaneamente di oligoelementi che lo aiutino nelle sue difese e di questi nello specifico, in fiale: Manganese, Cobalto, Rame, Zolfo (in commercio può trovare fialette di una Ditta, di cui non posso fare pubblicità, che li contiene tutti e quattro, contenendo così anche la spesa).
Il contenuto di una fialetta ogni 2-3 giorni, per bocca.


Il MERCURIUS DULCIS 5CH granuli, 5 granuli più volte al giorno, di dà quando dopo la riacutizzazione di un'otite, magari in seguito ad influenza, permane la secrezione auricolare, l'otite tende a cronicizzarsi, o persiste il catarro tubarico

Se invec le secrezione che esce dall'orecchio è anche maleodorante, invece del mercurius dulcis date SILICEA 7 o 9 CH granuli, 5 granuli due volte al giorno sempre sciolti in un dito d'acqua. Smettere appena la secrezione smette ma continuate con THUJA comunque.

Per il resto, lascio la parola agli esperti Otorino.
Aspetto buone nuove e vi salto cordialmente

Agnesina Pozzi


[#2]  
6740

Cancellato nel 2011
Gentili Sig.ri,
la dinamica delle otiti recidivanti nel neonato é complessa cosi come le cause sono effettivamente numerose: reflusso, massiccio facciale piccolo e "piatto", convivenza in "comunità" (famiglia, nido, ...) con altri bambini di bassa età, colesteatoma, ...
E un problema che non va sottovalutato ma, a mio parere, non bisogna neanche "perdersi" in giri di antibiotici ad libitum.
Come la collega sono propensa per l'Omeopatia, sopratutto nei piccolini che sono i piu responsivi, ma bisogna vedere il "livello" di gravità attuale dell'Otite!
Per quel che riguarda gli accertamenti, sicuramente alla positività di un antibiogramma farei una disamina sulla sicurezza del risultato e sull'accuratezza del prelievo ...
Se posso darvi un consiglio io farei:
1) un prelievo di sangue x vedere possibili indici infettivologici + stato del sistema immunitario.
2) Rx del cranio
3) un ecografia gastro esofagea
Una volta che avete queste risposte in mano, fate fare una disamina al vostro pediatra o all'otorino di riferimento. Spero che potrete iniziare una cura Omeopatica e vedrete che si risolverà tutto abbastanza rapidamente!
PS: Quest'estate fate TANTO TANTO TANTO MARE!!!!
Auguri

[#3]  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Concordo con la collega per le indagini ematologiche e per l'eco gastro-esofagea, ma aspetterei per l'RX. E' troppo piccolo per fargli correre rischi: verrebbero irradiate epifisi ed ipofisi.
Intanto fate le altre indagini e assumete i rimedi prescritti. Vediamo coma vanno le cose e speriamo bene in modo tale da evitare l'RX.

Cordialmente

Agnesina Pozzi