Utente 177XXX
Sono alla VII settimana di gravidanza (cercata e voluta con amore)e sono bipolare. Vorrei sapere in quale percentuale è possibile si manifesti anche nel mio bimbo il disturbo bipolare.Vorrei saperlo anche in tempi brevi, perché vorrei poter scegliere se avere il bimbo o se interrompere la gravidanza. Per me è doloroso solo pensarlo...ma è una possibilità che devo mettere in conto. Mia madre è bipolare e nella sua famiglia ci sono stati altri casi (suicidi e depressione conclamata). So anche che il Disturbo bipolare non è necessariamente ereditario, ma è una malattia multifattoriale che quindi può "esplodere" in situazioni di stress, di episodi spiacevoli, lutti, separazioni e altro. Come faccio, dunque, a prendere questa ardua decisione? Se far nascere il mio bimbo oppure no?

[#1]  
Dr. Massimo Lai

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCIA (FR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

le conoscenze attuali concernenti la genetica del disturbo bipolare e dei disturbi dell'umore in genere, non permettono di avere risposte certe riguardo l'ereditabilità del disturbo.

Come sa anche lei è una malattia multifattoriale che richiede diversi fattori per potersi esprimere.

In una famiglia di bipolari esiste la possibilità che la malattia venga ereditata:
questa possibilità, o rischio, è circa 10 volte superiore che nella popolazione generale, ma questo non significa che la malattia si manifesterà nel corso della vita.
Prendere decisioni in base a questo è abbastanza aleatorio, anche se il rischio esiste.
La decisione ultima spetta a lei e al padre del bambino.
Auguri
Massimo Lai, MD

[#2]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
se la gravidanza è stata cercata e voluta con amore, perchè si pone adesso il problema dell'ereditabilità (possibile ma non certamente obbligatoria) della sua patologia?
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

non capisco esattamente il ragionamento. Tutti noi abbiamo in famiglia qualche condizione che "gira", che ne so, ipertensione arteriosa, diabete, tumori etc.
Ora, le risulta che le persone decidano di abortire o meno per prevenire malattie che vengono con una probabilità x ? Il disturbo bipolare nello specifico non solo non è ereditabile in maniera diretta (del resto poche malattie lo sono) ma l'ereditarietà comprende una variante di forme che vanno da quelle piene al carattere ciclotimico, cioè ad una delle possibili varianti dell'essere umano.

E' sicura che questa preoccupazione non sia da far risalire ad uno stato ansioso piuttosto che non ad un ragionamento preciso ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it