Utente 188XXX
Buon pomeriggio.

Il mio psichiatra di fiducia (che mi conosce praticamente da quando sono nato) mi ha prescritto Elontril 150 mg. I motivi sono spiegati sotto (insieme alle domande) Preciso che di fatto ho qualche "picco di depressione" con pensieri di suicidio (ma che passano presto) e "sbalzi di umore" (non riconducibili al bipolarismo perchè ho fatto un test specifico da uno psicologo e non risulta).

Specifico anche che spesso ho una tendenza a pensare cose del tipo: gli altri sono più fortunati di me , gli altri ce l'hanno con me , a preoccuparmi per cose che in realtà non sono problemi e,soprattutto, ho degli "attacchi d'ansia" senza senso (un momento prima tutto ok..poi mi sento super-agitato).
Inoltre mi capita che mi manchi l'appetito (o che mi venga e mi passi)

Sto assumendo da ormai 3 mesi anche Valdoxan (agomelatina) 25mg perché mi aiuta a dormire (lo prendo prima di dormire)

Ecco cosa vorrei sapere:
1) L' Elontril mi è stato prescritto per "darmi voglia di fare,perchè spesso mi sento stanco.."(in generale mi riconosco abbastanza nei sintomi della "distimia" e mi sento spesso stanco e come se non avessi piacere a fare niente) e per l'ansia (anche se ho letto che per questo non è particoarlemente indicato): per queste 2 cose può essere utile? E se si,quanto?

2) Il mio psichiatra ha detto che,prendendo l'Elontril alla mattina (per il discorso che provoca il rischio di insonnia) non dovrei avere particolari effetti collaterali (premesso che spesso soffro di nausea di natura ansiogena). E' vero? E se si,quanto? (parlo degli effetti collaterali delle prime settimane). Rischio che la mia ansia (e effetti psicosomatici ricollegabili a essa) aumenti?

3) Quali sono esattamente le differenze (cioè "per cosa si usa") fra Elontril (che ho visto che agisce sulla dopamina) e antidepressivi triciclici e SSRI?
+
4) Quali possono essere le ragioni reali dell'ansia? (premesso che una terapia psicologica mi ha aiutato..ma continuo ad avere dei picchi "senza senso")

5) In passato ho assunto carbolithium (litio) ma il mio psichiatra spiegato che probabilmente è stato cosi perché ero minorenne e non podevano darmi ciò che volevano(di fatto il mio problema era "disturbo ossessivo-compulsivo".E' possibile?

Grazie per una qualsiasi risposta

Un cordiale saluto

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile utente

Attualmente quale sarebbe la diagnosi?
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 188XXX

Attualmente non esiste una diagnosi (nel senso che sono stato seguito per uno psicologo per un po per aiutarmi ad affrontare l'ansia e sono stato dal mio psichiatra di fiducia,con cui in passato ho provato anche altri farmaci antidepressivi sempre per i sottocitati motivi)
Da 13 a 18 anni (adesso ne ho 22) sono stato in cura per il disturbo anti-compulsivo.
Adesso sto bene..ho solo questi sintomi:
- ansia generalizzata,intesa come agitazione (anche senza motivo)
- mancanza di fame (o mi va e viene)
- mancanza di voglia di fare[astimia?]
- difficoltà di concentrarmi (a volte) o,dopo essermi concentrato per alcune ore non riuscire a tornare concentrato
- pensieri in cui sono molto positivi e momenti in cui mi sento in un "limbo"(cioè non eccessivamente brutti ma comunque come "qualcosa che si annoia e vorrebbe fare qualcosa e non può")
- disturbi psicosomatici legati all'ansia

Credo che,in linea di massima,questo sia tutto (e ovviamente tutto è stato spiegato al mio psichiatra che mi ha prescritto Elontril).

Grazieper una qualunque risposta alla domande.
Il mio psichiatra mi ha detto di stare tranquillo,ma i dubbi sopra citati mi trattegono un po da iniziare la terapia (visto che non mi sono trovato bene in passato con altri farmaci)

[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Quelli che descrive sono solo dei sintomi che vanno conteatualizzati ed introdotti in una diagnosi per un trattamento.

Mi pare, e dico mi pare, che a quanto descritto si aggiunga una certa tendenza alla ruminazione cioe' a fissarsi un po' sulle cose, che in qualche modo puo' essere il sintomo che fa partire gli altri.

Il trattamento con elontril ha indicazione per i disturbi lamentati, pero' senza voler imsistere troppo, la valutazione diagnostica previa consente di introdurre il trattamento piu' indicato al suo caso.

Durante la sua adolescenza ha fatto solo uso di farmaci? Non vi e' stato altro trattamento?
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#4] dopo  
Utente 188XXX

Nel mio consiulto previo "spiegazioni su.." ci sono informazioni su quando sono stato ricoverato a 15 anni. Poi il trattamento é seguito in alcune comunitá con farmaci e psicoterapia per il motivo sopra riportato.


comunque potrebbe essere un po piú chiaro sulle singole domande per favore?
La ringrazio

[#5] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Le sue domande sono dubitative su quanto riferito gia' dal suo psichiatra.

Deve solo decidere se fidarsi e seguirne le indicazioni o meno.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#6] dopo  
Utente 188XXX

Si,concordo con lei. Purtroppo ho provato vari farmaci (ovviamente prescrittami dallo psichiatra) e quasi tutti hanno avuto effetti collaterali tali che superare le "2 settimane perchè facciano effetto" era un "tortura".

Comunque ho provato a prendere elontril stamattina,alla peggio lo interrompo se vedo che mi fa male.

Comunque sarei abbastanza interessato a sapere la sua opinione sulle ultime due domande (4) e 5): su litio e differenza fra antidepressivi),cosi per avere più di un'opinione.
In particolare la domande 4).. io non so più cosa pensare: non ho bipolarismo (per il test che le dicevo) ne sono depresso (nel senso che non sono sempre triste) ma ho dei picchi di mancanza di autostima,in cui mi sento afflitto,solo,..e poi il discorso della fame ecc..

La ringrazio se mi aiuta a capire un po meglio (ovviamente cerco un consiglio,mi rendo conto che un consulto online non fa miracoli).

Un cordiale saluto

[#7] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Non credo che sia utile per lei fissarsi sulle diagnosi pregresse ed attuali, secondo me e' solo controproducente.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it