Utente 185XXX
Gentili dottori,
a fine ottobre del 2011 sono finito in pronto soccorso per una 'crisi d'ansia' (così l'hanno definita). In passato, 3 anni fa, ero stato in terapia (prendevo entact 20 mg e risperdal 1 mg) per un disturbo ossessivo compulsivo legato alla fobia di avere l'hiv. La scorsa estate questa 'fobia' è ricominciata (ad agosto e novembre ho fatto gli esami del sangue, risultati negativi), in seguito ad un rapporto NON a rischio (masturbazione) con una prostituta, che ha generato in me sensi di colpa e depressione. La paura e i pensieri sono degenerati fino ad ottobre. Quando sono andato all'ospedale mi è stato prescritto Cipralex 20 mg e mi è stato detto che avrei dovuto rivolgermi a uno psichiatra. Proprio ieri ne ho visto uno (dell'asl, perché privatamente non posso permettermelo, dati i costi elevati). In questi 4 mesi ho preso Cipralex tutti i giorni e mi sono trovato meglio, ma i pensieri non si sono placati affatto (ho paurissima di infettarmi dappertutto, di ammalarmi di tutte le malattie possibili e immaginabili), mentre l'ansia è diminuita. Ieri lo psichiatra mi ha detto che per il disturbo ossessivo compulsivo si prescrive anche un antipsicotico atipico in associazione all'antidepressivo. Mi ha prescritto il risperdal, da 2 mg, dicendo che il mio DOC è abbastanza grave. Stanotte mi sono sentito intontito e stamattina avevo un sonno spaventoso e difficoltà di concetrazione. Spero che questi effetti collaterali finiscano presto, ma sono preoccupato. La terapia prescrittami (Cipralex 20 mg [al mattino] + Risperdal 2 mg [la sera] + Xanax 0,50 all'occorrenza) è corretta? Ho paura delle conseguenze. Ho paura di perdere la concentrazione e di essere come uno zombie, di non riuscire più a studiare. La cura prescrittami funziona (in passato aveva funzionato, e io -sciocco- ho deciso di interrompere volontariamente la terapia perché credevo di stare meglio)? Sono farmaci che fanno male al cervello o che rovinano la vita? Fa bene il Risperdal 2 mg per il disturbo ossessivo compulsivo? In quanto tempo fa effetto? E gli effetti collaterali dopo quanto tempo svaniscono?

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

La cura prescritta è la stessa che aveva assunto in passato. Quando starà meglio, come si prevede, le verrà nuovamente l'idea di sospenderla. Questo disturbo tende a recidivare, e uno degli scopi principali delle cure è evitare il decorso recidivante.

Le domande sugli effetti sono premature, anche perché per vedere i risultati come già saprà deve attendere un certo tempo (cioè 1-2 mesi).

Una volta risolto il grosso del disturbo o anche da subito dovrebbe essere migliorata la conoscenza del disturbo. Da come lo riferisce infatti Lei identifica ancora il disturbo con il suo contenuto, che genera paura, invece è il contrario: il disturbo ossessivo genera le ossessioni, queste producono paura in quanto tali, i loro contenuti se sono ripetuti finiscono per forza di cose per generare disagio. Non è che Lei pensa ad una cosa da temere, si spaventa e quindi inizia l'ossessione.
In secondo luogo la ricaduta avviene perché il disturbo tende a questo, non per il rapporto. Prima o poi una persona ha dei rapporti si spera, protetti e non protetti, con un partner occasionale o meno. Molti ricadono con ossessioni relative a rapporti di anni addietro, o a cui fino ad un momento prima non avevano dato peso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2]  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile utente,

utilizzo anche io tale combinazione. Forse la posologia del risperdal poteva essere dosata più lentamente (potrebbe essere questo il motivo della sedazione): credo avrebbe senso segnalare il fatto al suo psichiatra.

Inoltre, tenga conto che gli effetti benefici iniziano a manifestarsi dopo qualche giorno.
Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com

[#3]  
Dr. Alex Aleksey Gukov

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Gentile utente,
posso confermare che nei disturbi ossessivo-compulsivi gravi si utilizzano gli antipsicotici accanto agli antidepressivi. Se però la sedazione la avverte eccessiva, lo riferirei allo specialista psichiatra che ora La segue, per aggiustare la dose. Considererei anche, vista la diagnosi del DOC, che invece la dose dell'antidepressivo potrebbe essere bassa. Parlerei anche di questo col Suo psichiatra.
Dr. Alex Aleksey Gukov

www.psichiatriagenova.tk
www.proiettivo.tk

[#4] dopo  
Utente 185XXX

Vi ringrazio, gentili dottori. Ancora una domanda: per quale motivo si prescrive il Risperdal come coadiuvante per il disturbo ossessivo compulsivo, se non è approvato specificatamente per questo disturbo (in altre parole: se è 'off-label')? Il Risperdal è un antipsicotico approvato per la schizofrenia: potrei capire perché si usa generalmente anche per il DOC? Esistono degli studi in proposito? O usano noi pazienti come 'cavie' da laboratorio?

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Si prescrive il risperdal perché nelle forme resistenti o in concomitanza con altri tipi di sintomi migliora i risultati. Esistono studi sulla maggior parte degli antipsicotici sui disturbi ossessivi resistenti, con risultati simili che ne indicano una possibile utilità.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it