Utente 211XXX
Buongiono,
volevo un consulto riguardo ad un problema presente da qualche mese in forma blanda, ma che in questo periodo sta aumentando molto.
Sono sempre stata molto sensibile agli sbalzi d'umore, ma in questo periodo è diventato un fattore quasi insopportabile: mi sveglio felice, ma così felice che mi vien da piangere..e dopo un paio d'ore, dieci minuti, dieci ore, sono disperata, per nulla. Ho un comportamento ossessivo, chiamo il mio ragazzo in continuazione e ho paura di perderlo, che non mi voglia più. Piango e mi innervosisco, perchè non vedo alcuna causa alla mia disperazione. Poi posso ritornare felicissima..e quasi mi scoppia il cuore dall'intensità.Fortunatamente ho anche ore di "lucidità" (la maggior parte, per fortuna), in cui sono come sono sempre stata. Da qualche mese ho anche attacchi di panico...il primo è stato il più forte in assoluto. I restanti sono riuscita (a volte con scarsi risultati, altri con ottimi) ad arginarli, prendendoli sul nascere e autoconvincendomi che non sto per morire e che non devo scappare da chissà cosa. Vorrei sapere se in tutto ciò puo' concorrere l'assunzione della pillola Diane da 6 anni, senza interruzione per ovaio micropolicistico e ciclo abbondantissimo. E, soprattutto, vorrei sapere se posso fare qualcosa, dato che sto deteriorando i rapporti a me più cari, con questo umore più che ballerino.

La ringrazio anticipatamente.

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Potrebbe trattarsi appunto di uno di quei quadri caratterizzati da instabilità dei parametri legati all'umore, a parte l'umore stesso, che si contornano spesso di elementi di vario genere con gli attacchi di panico.
Non riesce ad arginarli, per fortuna non tutti e non sempre questi fenomeni hanno durata limitata e intensità non sempre piena.

Visto l'effetto negativo che già c'è sui rapporti con gli altri e il fatto che dura da mesi con andamento crescente, direi di farsi visitare per chiarire che tipo di fenomeno è.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 211XXX

Gentil Dr. Pacini,

La ringrazio molto per la celere risposta. Purtroppo sto avendo un periodo di stress emotivo, ma mi continuo a ripetere che presto finirà tutto e non dovrò più preoccuparmi. Il punto è che, chiedevo della pillola, perchè spesso mi rendo conto che i maggiori cambiamenti d'umore li ho in determinati giorni. Ovviamente sono tutte mie supposizioni o, forse, scusanti.
Ho molta paura a farmi visitare..perchè quasi non considero questo una "malattia", ma un qualcosa di cui tutti, più o meno, soffriamo.

Prenderò comunque in considerazione, il suo prezioso consiglio.

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Stress (emotivo) è un concetto fittizio. Le persone tendono a chiamare stress il risultato di un supposto stress esterno che alla fine si risolve spesso in una serie di eventi normali o comunque previsti. Lo stress di cui molte persone parlano è già uno stato umorale in cui non si sopporta più il rapporto con l'ambiente e si vorrebbe evitare le sollecitazioni negative sentendo di essere scoperti nei confronti di ogni minimo cambiamento o segnale negativo.
Chi soffre di umore è chiaramente stressato dal proprio stesso cervello, che "tira" in una direzione o nell'altra togliendo la libertà di farsi rimbalzare addosso le cose e di navigare in base a quel che succede senza irrigidimenti dolorosi.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 211XXX

Ha pienamente ragione.
Ma spesso non riesco a tenere a bada questo cervello, fa quello che vuole, va contro anche alla mia razionalità che tanto decanto. In quei momenti di sbalzi umorali non mi sento nemmeno me stessa, è come se un'altra persona stesse "tirando i fili" al posto mio. Ed è decisamente più forte di me. Quando poi mi calmo (sia per l'euforia, sia riguardo alla tragica depressione) tutto diventa come prima. Forse la farà sorridere, ma mi sento una sorta di dr jekyill e mr hyde,a volte...

[#5]  
Dr. Piergiorgio Biondani

24% attività
20% attualità
8% socialità
BUSSOLENGO (VR)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2020
Gentile utente,
per quanto riguarda il suo quesito,circa la possibile influenza di una terapia estroprogestinica sugli sbalzi di umore destabilizzanti che sta vivendo penso sia impossibile darle una risposta completa a distanza.
Ciascuno di noi reagisce in modo specifico ad ogni farmaco,sia dal punto di vista fisico che psichico,L'assunzione di una pillola anticocezionale può avere sicuramente entrambe queste valenze,che, a mio parere,andrebbero valutate e approfondite con una visita specialistica.
Cordiali saluti
Piergiorgio Biondani.
Dr. piergiorgio biondani

[#6] dopo  
Utente 211XXX

La ringrazio molto, Dr Biondani. Provvederò al più presto.

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

certamente, ma perché inizia la risposta con un "ma", è più o meno quel che ho detto, soltanto che quando si dice "stress" si fa intendere che il problema sia esterno, e nella gran parte dei casi così non è, è una variazione della suscettibilità interna.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it