Utente 745XXX
Buongiorno gentili medici,
sono una ragazza di 22 anni, senza particolari problemi di salute. Ho familiarità per depressione e ansia (mia madre ha sofferto per anni di questi problemi) e nell'adolescenza mi è capitato di sperimentarli personalmente, sono stata in cura con Zoloft a 17 anni e con Entact a 18 anni. Da allora non ho avuto più problemi e non prendo più farmaci.
Volevo chiedere un parere su una sensazione che avverto da una decina di giorni: sento una sorta di oscillazione perenne ogni volta che mi siedo, come se si trattasse di rollio. In posizione eretta non sento fastidi, ma quando sono seduta mi sento proprio instabile, come se fossi mossa da una parte all'altra e vibrassi, soprattutto a livello di testa e torace. La vibrazione e l'oscillazione sono solo avvertite, perché il mio corpo non si sposta di un millimetro. Mi sembra una sensazione del tutto soggettiva. Non avverto nausea o altro. Questi sintomi, se può essere utile, ho cominciato ad avvertirli dopo essermi svegliata bruscamente una notte (mi pare fosse il 20 maggio) a causa di una forte scossa di terremoto (non mi trovavo nella zona dell'epicentro, ma l'ho sentito di riflesso). Era la prima volta nella mia vita che sentivo un terremoto (peraltro, non lieve) e la cosa mi turbò abbastanza. Magari non c'entra nulla, ma ho preferito precisarlo per completezza di informazioni.
In questi mesi sto provando tantissimo stress, principalmente a causa di un grave problema di salute di mio padre, ma anche per altre ragioni.
E' plausibile che la mia sensazione derivi dalla tensione oppure sarebbe meglio provare a vedere di escludere cause organiche?
Non vorrei ascrivere i miei disagi ad una causa sbagliata.


Ringrazio per l'attenzione.
Cordialità

[#1] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
probabilmente i disagi che avverte sono di natura psicologica: la tensione nervosa la porta a somatizzare il disturbo. Per maggiore sicurezza le consiglierei di effettuare prima una visita neurologica; il neurologo in base ai risultati deciderà se effettuare ulteriori accertamenti. Se l'esame neurologico fosse negativo, come è probabile, le consiglio di consultare uno psichiatra per valutare la situazione. Aspettare che il disturbo passi da solo in certi casi non è una buona idea, rischia di cronicizzarsi e comunque di vivere male.
Cordiali saluti
Franca Scapellato