Utente
Gentili dottori,

Mio fratello circa 3 mesi fa ha avuto un esordio psicotico. Sta eseguendo una cura con Abilify da esattamente 55 giorni (abbiamo iniziato con 5 ml e gradualmente fino ad arrivare a 40 ml al giorno). Il miglioramento si è visto tantissimo ma è normale che ad oggi, con questo dosaggio così alto, ancora abbia degli atteggiamenti "non normali"? Il più delle volte è calmo ma certe volte è come se lo facesse apposta... fa casino urla...
Per quanto riguarda le convinzioni false ce le ha sempre.. solo che ora le esterna mentre prima le teneva dentro! è un fatto positivo che le esterna?
Quanto tempo ci vuole, più o meno, affinchè mio fratello "torni tra noi"?
Un'ultima cosa... il medico che lo segue ha parlato di disturbo bipolare... è una malattia che si può curare oppure si può solamente "tenere sotto controllo"?

Confido in una Vostra risposta..
Grazie!

[#1]  
Dr. Francesco Botti

20% attività
0% attualità
0% socialità
LA SPEZIA (SP)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Gent. familiare,

premetto che per rispondere esaustivamente alla domanda da Lei posta è necessario aver avuto cognizione sia dell'andamento clinico precedente che del quadro clinico attuale; tuttavia non è raro che la risposta clinica ad un determinato farmaco sia parziale, bisogna ricordare che Abilify può, in determinate circostanze, essere attivante ed esacerbare la sintomatologia psicotica.
Il Disturbo Bipolare prevede una cura che va portata avanti a tempo indefinito, non si tratta di tenere sotto controllo solo i sintomi, ma di trattare anche il sottostante disturbo neurobiologico; se vuole, può rifarsi, come modello di malattia, al diabete.

Mi auguro di averle dato una risposta ai Suoi dubbi.

Cordiali saluti
Dr. Francesco Botti
Spec. in Psichiatria

[#2]  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile utente,

aggiungo inoltre che il dosaggio della terapia di per sè non è alto: deve essere parametrato rispetto al dato clinico.

Ovviamente il dato clinico deve essere monitorato nel tempo e pertanto è possibile assistere ad ulteriori aggiustamenti posologici.
Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com

[#3] dopo  
Utente
Grazie mille per le risposte... approfitto della Vostra disponibilità per fare altre 2 domande:

1) Quanto tempo ci vuole, più o meno, affinchè la persona "torni tra noi"?
2) L'uso del solo medicinale Abilify è sufficiente a farlo rientrare? perchè leggo che alcuni, per il disturbo bipolare, prendono anche stabilizzanti dell'umore e non solo antipsicotici.

Di Nuovo grazie!

Saluti

[#4]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Il disturbo bipolare, si presume di tipo maggiore, è una malattia che prevede recidive in assenza di terapia. La remissione dopo l'episodio psicotico richiede molti mesi. Di solito dopo la fine dell'episodio, se era eccitato o agitato, subentra una condizione di relativa depressione o inattività e apatia, che può durare mesi e su cui non è detto si possa fare niente, per poi solitamente tornare ad un equilibrio accettabile.

Le cure prevedono in effetti più di una soluzione possibile, il solo antipsicotico può essere la soluzione più rapida durante una fase psicotica, dopo di che andrebbe riconsiderata la terapia in base alla diagnosi.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"