Utente 172XXX
Buongiorno ... Avrei bisogno di un consulto in quanto oramai dal 2009 ho cominciato a soffrire di ansia , ho avuto attacchi di panico nei primi mesi poi solo molta ansia tanto da non uscire di casa o reatarci solo ... Ho ovviamente perso lavoro amici e compagna ... Non ho mai preso antidepressivi ma solo xanax che continuo a prendere per dormire ( 8-10 gocce ) .
Ho avuto diverse forme di somatizzazione pou risolte ma da un anno a questa parte ho vari problemi addominali , intestinali e gastrici .
Non ho mai sofferto di nulla prima del 2009 .. Più di un anno fa ho cominciato a percepire strani sintomi a livello dello stomaco ... Iniziai a preoccuparmi molto e tutto è peggiorato ... La paura di avere un ulcera mi ha spinto a fare frequenti pasti fuori orario tanto che ora ho preso almeno 12 kg e ho attacchi di fame forti 2-3 volte al giorno .
Ultimamente sento crampi e spasmi sotto le costole a sinistra e mi sto spaventando moltissimo e a malapena riesco a portare fuori il cane senza dolore .
Ho fatto la gastroscopia che ha mostrato una leggera gastrite superficiale e una piccola ernia ( 4 mesi fa ) ... Ora mi hanno prescritto ancora la paroxetina o l efexor ma io ho paura di prenderli ... Leggo che aumentano l ansia , provocano insomnia e sono forse collegati allo sviluppo di ulcere dello stomaco .
Ho speso migliaia di euro da uno psicoterapeuta senza risolvere e ora sono totalmente senza forze ne speranze ... Non so più che fare ... Datemi un consiglio per piacere , non ho più una vita degna di questo nome ... Grazie

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
"Ora mi hanno prescritto ancora la paroxetina o l efexor ma io ho paura di prenderli ... Leggo che aumentano l ansia , provocano insomnia e sono forse collegati allo sviluppo di ulcere dello stomaco ."

La paura è inevitabile in uno stato ansioso, così come la lettura allarmistica dei foglietti illustrativi, fino al fraintendimento di ciò che vi è scritto.
Quelli che elenca sono possibili effetti collaterali, e per l'ulcera mi sembra che abbia interpretato in una maniera un po' amplificata una raccomandazione che forse è quella sul sanguinamento.

Ha avuto una prescrizione coerente con il tipo di sintomi che lamenta. Spero le sia stato spiegato anche che deve attendere per l'effetto che non è immediato, e che inizialmente i sintomi possono avere un decorso quanto mai vario (migliorare, rimanere uguali, peggiorare, fluttuare).
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2]  
Dr. Matteo Preve

40% attività
8% attualità
16% socialità
CONCESIO (BS)
LIVORNO (LI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,
Quale diagnosi le è stata fatta dal suo medico? Le sono stati consigliato venlafaxina e paroxetina da assumere insieme o da specialisti diversi? Ha fatto solo gastroscopia o altri esami?
Cordiali saluti.
Dr. Matteo Preve
Specialista in Psichiatria e Psicoterapia Cognitiva

[#3] dopo  
Utente 172XXX

Grazie delle risposte , Dott Pacini , sanguinamento si , dovrei prendere un gastroprotettore se prendo un antidepressivo? Ho letto un articolo che collegava questi farmaci ad un aumento di rischio di sviluppare ulcere .
Dott Preve, nessuno ha mai dato un nome preciso , attacchi d ansia e somatizzazione credo .
Gli attacchi non li ho più ma mi evito troppe cose , prima per l ansia ora più per i sintomi addominali .
Fatto ecografia , gastroscopia , esami del sangue .
Il problema principale ora sono questi dolori / fastidi / sensazioni strane che mi provocano molta paura , tremo e sudo in preda all ansia , inoltre mangio ogni 2-3 ore perché sento un vuoto come se non toccassi cibo da giorni ... Cosa che la mia mente ha associato a qualche malattia gastrica ... Cioè mangio per paura che un eventuale malattia peggiori e dopo mangiato ho dolore allo stomaco soprattutto se mi chino .
Lo psichiatra negli anni mi ha dato cose omeopatiche ma non ho visto benefici , dicendomi che con la mia fobia per le medicine l antidepressivo mi avrebbe aumentato l ansia .
Grazie

[#4] dopo  
Utente 172XXX

No dott Preve ... Non insieme , anni fa mi prescrissero eutimil poi citalopram poi cipralex ... Ora paroxetina e in ultimo efexor ... Sempre evitati per la fobia degli effetti collaterali

[#5]  
Dr. Matteo Preve

40% attività
8% attualità
16% socialità
CONCESIO (BS)
LIVORNO (LI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,
evitare una terapia consigliata da un medico non le permette di migliorare la sintomatologia che ha determinato la richietsa delle visite e di questo consulto. Se l'ansia é patologica comporta una limitazione nella vita di tutti i gionri e nel caso anche nella possibilitá di assumere una terapia che potrebbe aiutarla nel risolvere quetsa problematica. Cerchi di affidarsi al suo specialista in modo da poter anche assumere una etrapia con maggiore tranquillitá. Il medico cerca di consigliarla per il suo bene, e la comparsa di effetti collaterali solitamente non comporta particolari problemi di salute (pensi che prima di immetre un farmaco sul commercio vengono fatti 10 anni di studi volti a valutare la sicurazza del farmaco).
Cordiali saluti.
Dr. Matteo Preve
Specialista in Psichiatria e Psicoterapia Cognitiva

[#6]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Deve seguire le terapie che le prescrivono, non occuparsi in seconda battuta di questioni che già il medico ha preso in considerazione. Se prende le decisioni mediche le prenderà secondo la paura del farmaco, quindi sono scontate: considererà curarsi un pericolo e quindi non viene fuori dal disturbo che deve curare.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it