Utente 331XXX
Salve e buon lavoro a tutti.
Ho 29 anni e da circa 6 anni soffro di ansia e panico.
Il primo attacco di panico l'ho conosciuto nel 2008 (ero stressatissimo a lavoro e avevo problemi con la mia ragazza). Andai ad una festa e bevvi molto vino. E cosi' mi si scateno' il primo attacco che mi fece talmente paura che ero "paralizzato nel mio angolo". Feci una cura psichiatrica, perche' avevo notevoli sintomi fisici. Col trascorrere del tempo la cura diede i suoi frutti. Utilizzai come farmaco Anafranil.
Ora la domanda che vi pongo e' questa. Premesso che non sono alcolista, ne' tantomeno bevo superalcolici. Non riesco a darmi pace del perche' il giorno dopo in cui bevo (anche una birra), mi si scatena una forte ansia con vari sintomi quali vertigini,confusione mentale e addirittura sento in testa delle voci (tipo stralci dei discorsi fatti nella giornata o cose udite). In sostanza non posso toccare piu' neanche una birra? Questa reazione puo' essere dovuta ad un ' allergia o intolleranza all' alcool? Perche' accade cio' ? E' una reazione molto strana per quanto mi riguarda, puo' essere che il mio inconscio ricorda il primo episodio e si comporti cosi' "ciclicamente"? GRAZIE

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

"Feci una cura psichiatrica, perche' avevo notevoli sintomi fisici. " No, fece una cura psichiatrica perché aveva notevoli sintomi psichici, che anche quelli sono fisici ma di provenienza cerebrale. Il panico ha nei sintomi psichici i suoi sintomi caratteristici.

In alcune persone l'uso di alcol facilita il panico, perché sia così in alcuni e in altri no non è noto, anzi, alcune persone usano l'alcol per controllare l'ansia legata al panico, peraltro con scarso successo dopo un primo periodo.

L'inconscio non è un concetto riguardante l'attività mentale. L'alcol produce sintomi corporei, il cervello è parte del corpo. Tutto qui.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 331XXX

Dottor Pacini
grazie per la sua risposta.
Piu' nello specifico, questa cosa non riesco proprio ad accettarla. Il non poter bere una birra in tranquillita' con amici dopo magari unagiornata di lavoro lo trovo sconfortante. Ieri sera ho bevuto una pinta di birra, dopo mangiato, ma stamattina si è scatenato un attacco di ansia. In effetti la cosa strana e' che molti utilizzano l' alcool proprio come ansiolitico...
Quindi il mio "destino" e' quello di presentarmi come astemio ? Questa reazione potrebbe essere data da qualche scompenso chimico e / o da danni celebrali magari avuti nel tempo?
P.s.: non ho mai fatto uso di droghe

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Il disturbo di panico si esprime anche al di fuori dell'assunzione di alcol presumo, è attualmente in cura o la cura si è conclusa tempo fa ?
Durante la cura avrà provato a bere alcolici almeno in qualche occasione, succedeva anche quando prendeva anafranil che il panico ritornasse fuori a seguito di un'assunzione di alcol ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 331XXX

Gentilissimo dottor Pacini grazie per l' interesse e per la risposta. Devo fare una premessa.
Come dicevo prima iniziai la cura nel 2008 per poi terminarla(sotto controllo psichiatrico) nel settembre del 2012. Come dicevo il farmaco che mi fece stare bene fu anafranil da 25. In realta' nel periodo in cui prendevo anafranil mi è capitato di bere ma il panico non veniva fuori. I problemi con l' alcool (se vogliamo definirli cosi') li sto avendo da questo giugno. Mi spiego. All' inizio di questo anno conducevo la mia vita normalmente anche se ero molto stressato a lavoro. A giugno , nel mentre di un matrimonio, nel ristorante per l ' esattezza, riconoscevo la sensazione di panico (estraneazione capogiri...), cercai di darci poco peso e bevvi 4 amari. La mia personalita' divento' cosi' subito molto brillante e allegra. La sorpresa il giorno dopo, attacco di panico tremendo capogiri, battiti a 160 sudorazione, pelle che si tirava, sensazione di morte / impazzire che mi condusse in ospedale. Da qui sono ritornato dal mio psichiatra che ora mi tiene in cura con 50mg di anafranil , 1/2 depakin chrono e 1 mutabon antidepressivo.
Nel corso di questo periodo ho avuto altri attacchi di panico a seguito di assunzione di alcool(in dosi molto moderate tra l ' altro per evitare interazioni coi farmaci). fino ieri addirittura dove ho bevuto una pinta di birra e stamattina classica ansia e sensazione di perder il controllo. Puo' essere una mia suggestione magari, anche il bere un bicchiere di birra a tavola? Inoltre se bevo vino il giorno dopo ho dolori ossei alle braccia. Esistono intolleranze o allergie, non so con i miei sintomi ?

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

L'emergenza, così riferita, sembra sostanzialmente riferibile al panico, la terapia con cui è uscito è una terapia non chiara, ci sono alcuni farmaci sedativi e il depakin che a quella dose non è ben chiaro a cosa dovrebbe servire, o se ci fosse un dubbio diagnostico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 331XXX

Gentile dottor Pacini,
La terapia che sto facendo comprende due confetti da 25 di anafranil 1 mutabon antidepressivo, e mezzo depakin da 500...recentemente scalato da 1 a 1/2...
Nonostante cio' non riesci a stare al meglio. Tra miei sintomi ci sono delle voci in testa prima di addormentarmi senso di vertigine(a volte mi sembra di camminare su un tappeto di gomma, acufene in presenza di silenzio e appunto attacchi di ansia dopo aver bevuto alcool.
Non so piu' cosa fare mi creda. Accetto consigli

[#7] dopo  
Utente 331XXX

Gentile dottor Pacini,
La terapia che sto facendo comprende due confetti da 25 di anafranil 1 mutabon antidepressivo, e mezzo depakin da 500...recentemente scalato da 1 a 1/2...
Nonostante cio' non riesci a stare al meglio. Tra miei sintomi ci sono delle voci in testa prima di addormentarmi senso di vertigine(a volte mi sembra di camminare su un tappeto di gomma, acufene in presenza di silenzio e appunto attacchi di ansia dopo aver bevuto alcool.
Non so piu' cosa fare mi creda. Accetto consigli

[#8] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Quella terapia appunto fa pensare che la diagnosi non sia la stessa, oppure i medicinali sono stati associati "per sintomi", a collage. Non è che un fenomeno di panico sempre evolva come panico, a volte dopo si profila un disturbo diverso, non necessariamente più grave. Ad esempio, potrebbero aver riconosciuto una fase umorale con i sintomi di panico associati, da qui depakin e mutabon, oppure no, questo non posso saperlo, dovrebbe avere una diagnosi di dimissione.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#9] dopo  
Utente 331XXX

Gentile dottor Pacini
Di sicur le so dire che la diagnosi e' panico e che il depakin chrono mi e stato dato nella fase iniziale contro fenomeni di derealizzazione.inoltre il mio psichiatra riconosce in me degli sbalzi di umire

[#10] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Allora la diagnosi potrebbe essersi spostata in realtà sull'area dei disturbi dell'umore, in cui il panico è un fenomeno presente e intermittente, ma compare a tratti in maniera violenta quando l'umore è in una fase particolare. La sequenza euforia-panico che ha descritto suggeriva che si stuzzicasse un meccanismo del genere.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#11] dopo  
Utente 331XXX

Gentile dottor Pacini
Quindi il panico successivo ad assunzione di alcool puo' essere determinato appunto dall euforia creata da vino o birra e successivamente al finire dell effetto , il brusco ritorno ad un umore basso?

[#12] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Nella mia esperienza questi attacchi scatenati da sostanze euforizzanti accadono quando la sostanza è in grado di sollecitare uno stato di eccitamento, altrimenti di per sé la sostanza tende se mai a essere sedativa. Finisce l'effetto ansiolitico e perdura quello eccitante, e parte un attacco di panico. Molti pazienti con disturbi dell'umore "minori" risentono in questo modo dell'alcol.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#13] dopo  
Utente 331XXX

Gentile dottor Pacini
Dunque se ho ben capito
Ieri sono uscito pur non sentendomi vene avevo la sensazione di vertigine e umore bassissimo.dopoaver bevurto una birra a 9gradi sono passato allo stato euforico. All indomani mattina attacco di panico. E' l oscillazione dell umore a crearmi io malessere?