Utente 338XXX
Buongiorno,
a causa di un DOC, mi è stato prescritto entact che sto assumendo da tre mesi, ma con dosaggio pieno a 20 gocce solamente da 1 mese.
Devo dire che ho riscontrato notevoli benefici, l'ansia è molto diminuita e anche le ossessioni sembrano essersi "calmate"..
Solo c'è una cosa che ad oggi mi preoccupa...sono ormai 5 gg che non riesco a dormire bene, mi addormento abbastanza velocemente, ma poi mi sveglio molto presto e fatico a riaddormentarmi e in questo modo mi innervosisco.
Sono così costretta ad assumere minias ( per il momento 5 gocce sembrano essere sufficienti) per riposare ancora un po'.
La cosa che mi stupisce è che fino a qualche giorno fa dormivo bene e non mi spiego questo cambiamento...
Può dipendere dal farmaco che assumo? Non vi nascondo che inizio a preoccuparmi un po', mi sembra di ritornare indietro invece che andare verso la guarigione.
Come mai questa fase altalenante?
Grazie

[#1]  
Dr. Alex Aleksey Gukov

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Gentile utente,
l'entact (principio attivo: es-citalopram) può dare luogo ai dsturbi del sonno, ma soprattutto ai primi tempi dopo l'inizio della terapia o dopo l'aumento della dose, e (anche se non lo si può escludere) è effettivamente strano se la Sua attuale insonnia fosse dovuta al farmaco: dopo ormai circa un mese dall'ultimo incremento della dose.

Lei assume altri farmaci ? Soffre di altre malattie ? (anche banali, di recente insorgenza) ? Possibile che ci siano stati i cambiamenti a livello della vita di relazione, del lavoro ?

Se l'unica ipotesi rimane l'effetto collaterale del farmaco, per provarla bisognerebbe consultare il Suo psichiatra per ridurrne un po' la dose (in ogni modo, spero che Lei ha già avvertito il Suo psichiatra di questa insonnia e che assume il Minias su prescrizione di lui).
Dr. Alex Aleksey Gukov


[#2] dopo  
Utente 338XXX

Grazie,
non in particolare, potrei pensare che questi disturbi possano essere collegati al ciclo mestruale, arrivato in questi giorni....
E' da dire anche che quando ho iniziato la terapia con entact, una delle mie ossessioni era proprio il non riuscire più a dormire...
Potrebbe essere una ripresa dei sintomi ansiosi a provocare questo disturbo?
Potrebbe essere che il farmaco non sia più sufficiente?
A parte questo, a livello generale mi sento bene, non capisco il motivo di questa insonnia...
Quale è la sua opinione?

[#3] dopo  
Utente 338XXX

certo, ho avvisato il medico dell'uso del minias...

[#4]  
Dr. Alex Aleksey Gukov

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Il ciclo mestruale sicuramente può centrare, e non tramite i sintomi ansiosi, ma tramite le fluttuazioni dei livelli ormonali. Di solito Lei avverte cambiamenti nel ritmo sonno-veglia o nello stato generale durante la fase premestruale ? L'altra possibile ipotesi è l'impatto del cambio di stagione: in questo periodo, infatti, le notti si sono accorciati.

Se non ci sono gli altri sintomi, ma solo l'insonnia, allora non bisogna subito pensare che il disturbo sta tornando o che il farmaco non funziona. Queste preoccupazioni ossessive di per sé possono essere nel Suo caso un sintomo più importante rispetto all'insonnia. In altre parole, se ci si preoccupa, il compenso del Suo disturbo ossessivo è ancora fragile, benché probabilmente è migliore rispetto a prima: suppongo che prima le preoccupazioni insorgevano anche in reazione alle incolumità di minore importanza oggettiva.

Penso che in questo periodo è in ogni modo importante attenuare l'insonnia perché non dia motivo alle preoccupazioni (con la terapia a base di farmaco ipnoinducente - minias - che sta facendo), per evitare l'esacerbazione delle preoccupazioni ossessive. La durata di tale terapia va concordata con lo psichiatra.

Nel frattempo, la cura del DOC è lunga, e la normalizzazione del quadro clinico può far aspettare anche più mesi dal momento del raggiungimento della dose ottimale. Nel caso dell'Entact, la dose di 20 gtt (20 mg) è la massima approvata come sicura a livello delle normative, ma nel DOC non escludo che possono richiedersi eventualmente dosi un po' maggiori (in regime off-label), se lo specialista lo ritenesse opportuno e se il paziente esprime il consenso. Credo che l'aumento della dose deve essere graduale, anzi, come scrivevo, nel sospetto dei sintomi collaterali, la dose può essere temporaneamente abbassata per poi riprendere il suo incremento più gradualmente.
Dr. Alex Aleksey Gukov


[#5] dopo  
Utente 338XXX

Grazie per la sua risposta...
in effetti la preoccupazione è molto più attenuata rispetto all'inizio della mia terapia ed è molto probabile come dice lei che il compenso dato dal farmaco sia ancora fragile.
Ci sono momenti in cui mi sorge un po' d'ansia altre in cui invece mi dico " se non dormo questa notte, dormirò la prossima, non ci sono problemi".
In alcuni momenti sento davvero che questo farmaco mi sta dando una mano e mi ha reso più forte, ma forse ancora non completamente...
La settimana scorsa ho avuto il controllo dal mio medico dopo il raggiungimento del dosaggio massimo ed ero stata felice di comunicargli un netto miglioramento su tutti i fronti, umore, ansia, ossessioni, sonno.
La stessa sera, però ecco l'insonnia....non ne capisco davvero la ragione!

Per quanto riguarda il ciclo mestruale, non mi ha mai dato grossi problemi di sonno, ma la fase premestruale mi rendeva spesso nervosa e triste....

Grazie
Saluti

[#6] dopo  
Utente 338XXX

Salve dottore,
ho chiamato proprio stamattina il mio medico chiedendogli se la mia difficoltà a dormire possa dipendere dal farmaco.
Mi ha risposto che effettivamente potrebbe essere una fase di assestamento e di prendere tranquillamente minias anche a dosi maggiori.
Ci risentiremo tra una settimana..
Secondo la sua opinione, è possibile che Entact non stia più funzionando?
Come mai ha dato benefici per circa un mese e poi sono ricomparsi sintomi d'ansia?
Se sono sufficienti 5 gocce di minias per dormire, può essere che i sintomi non siamo poi così gravi?

Nella sua esperienza, è possibile che ad entact dovrà essere associato un altro farmaco? Di quale tipo potrebbe trattarsi?
Grazie

[#7]  
Dr. Alex Aleksey Gukov

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Gentile utente,
rispondo alle Sue domande

<< Secondo la sua opinione, è possibile che Entact non stia più funzionando?
Come mai ha dato benefici per circa un mese e poi sono ricomparsi sintomi d'ansia? >>

- Secondo me, non che la terapia non stia PIU' funzionando, bensì non sta ANCORA funzionando come si deve. La guarigione dal DOC in pochi giorni dopo l'aumento della dose è poco probabile, ed il miglioramento che Lei ha visto era prematuro valutarlo. E' normale se nei primi tempi il miglioramento è ancora solo parziale o instabile. Comunque non si può valutare l'efficacia del farmaco solo in base a pochi sintomi. Se la diagnosi è DOC (disturbo ossessivo-compulsivo), allora non meno importanti sono i sintomi ossessivo-compulsivi: questi ultimi si sono attenuati ?

<< Nella sua esperienza, è possibile che ad entact dovrà essere associato un altro farmaco? Di quale tipo potrebbe trattarsi? >>

- Nella mia esperienza per il DOC (Disturbo Ossessivo-Compulsivo) vengono prescritti generalmente altri farmaci antidepressivi, ma penso che potrebbe funzionare anche l'Entact, perché ha un meccanismo d'azione sostanzialmente molto simile. Comunque, per curare il DOC, in linea di massima, con tutti i farmaci antidepressivi ci vuole un dosaggio più alto del solito ed è possibile che il Suo attuale dosaggio di Entact non sia ancora sufficientemente alto per il DOC.

Potrebbero essere associati anche alcuni altri farmaci antidepressivi, che sono meno specifici per il DOC, ma che, hanno un effetto sedativo utile per aiutare al sonno (se parla con il Suo psichiatra, lui conosce questi farmaci),

oppure può essere associato un farmaco neurolettico classico a bassa dose - utile per effetto terapeutico aggiuntovo che ha su DOC e per azione sedativa che aiuta il sonno. Secondo me, se non ci sono le controindicazioni e se ben tollerato, ciò sarebbe meglio rispetto a prendere il Minias per un lungo periodo, perché dal Minias potrà svilupparsi la dipendenza, mentre dal neurolettico è meno probabile sviluppare la dipendenza.

Comunque tali soluzioni sono solitamente di seconda scelta: prima bisogna cercare la dose ottimale di Entact (che forse anche la dose attuale è terapeutica, ma ci vuole più tempo). Se però l'insonnia permarrà, richiedendo sempre l'uso di Minias, allora, secondo me, sarà il caso di pensare a queste altre soluzioni, rediscutendolo con il Suo specialista.
Dr. Alex Aleksey Gukov