Utente 346XXX
Salve soffro di grave insonnia, il mio medico mi ha prescritto zolpidem 10 mg preso inefficacemente poi mi ha prescritto Esilgan 2 mg estazolam anch'esso inefficace, ultimamente mi ha prescritto Talofen 20-30 gocce da prendere la sera.
Però non capisco se il farmaco è sedativo come fa ad indurre sonno ?
non riesco a capire questa analogia tra sedazione e sonno ?
so che lo usano anche sugli anziani, può qualcuno farmi un discorso anche tecnico ???
devo prendere 30 gocce sono pari a 60 mg è un dosaggio basso ho paura che questo comprometta la mia cognizione perche il farmaco e anche anticolinergico.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Dalla sua scheda risulta che lei è affetto da un disturbo psicotico in trattamento.

Il farmaco ha la stessa azione degli antipsicotici e la scelta del suo medico di introdurre tale molecola può essere dettata anche dalla evidenza di ulteriori sintomi oltre l'insonnia.

Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 346XXX

certo in fondo ce la diagnosi di schizofrenia che viene trattata da mesi con risperidone, ma non capisco come un sedativo può indurre sonno ?

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Il trattamento dell'insonnia deve tener conto del disturbo a cui si associa, di solito non c'è insonnia isolata.
Entrambi i prodotti come sonniferi sono efficaci, per migliorare la qualità del sonno ci sono vari prodotti, e appunto dipende dal disturbo di cui si soffre: depressione, psicosi, ansia etc
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 346XXX

Senta dottore sono un pò complessato ho paura che questo Talofen anche a bassi dosaggi nuoccia al mio patrimonio cognitivo. Non capisco perche ? forse perche è convenzionale ?

[#5] dopo  
Dr. Alex Aleksey Gukov

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile utente,
concordo con quello che Le hanno scritto i miei colleghi.

Rispetto ai rapporti fra la sedazione ed il sonno:

ovviamente lo stato di sedazione non equivale allo stato di sonno, ed i farmaci sedativi non instaurano direttamente lo stato di sonno. Quello che succede è che un sedativo facilita l'arrivo del sonno, riducendo la tensione, l'allerta o l'attività mentale troppo intensa che altrimenti impediscono alla persona a lasciarsi prendere dal sonno. Oppure, in altri casi e a dosi maggiori, instaurano uno stato di sedazione profonda che possiamo chiamare un "sonno farmacologico" e che non ha gli stessi meccanismi del sonno fisiologico, ma un organismo che ha bisogno di dormire e se ha conservato la propria fisiologia, allora da questa fase "farmacologica" prosegue nel sonno fisiologico.

Se invece il sonno si basasse solo sul farmaco, non sarebbe fisiologico, come in alcuni casi, dopo anni o/e con l'età purtroppo può succedere.

Questo meccanismo (ovviamente spiegato in un modo sempificato), vale sia per la promazina, sia per zolpidem e per l'esilgan, sia per gli antipsicotici, sia per le benzodiazepine o quei farmaci che si chiamano "sonniferi" o "ipno-inducenti", e per tutti i rimedi: naturali o di sintesi. Il razionale sta proprio nella radice "inducenti" della parola "ipno-inducenti": non si attende che sostituiscano il sonno, ma dovrebbero solo indurrlo, solo dare l'input.

Gli effetti collaterali cognitivi in seguito all'uso delle benzodiazepine o benzodiazepino-simili (zolpidem, esilgan) possono esserci anche, non solo con gli antipsicotici "classici"; e lo stesso Risperidone, benché considerato di nuova generazione, a dosaggi elevati (come quelli che assume Lei: 6 mg) si comporta come uno "classico".

Per cui, con la Promazina non è "peggio".

Vorrei anche aggiungere che il Suo caso va indagato di più.
L'insonnia nel Suo caso può essere un sintomo della malattia (non so se della schizofrenia o piuttosto di una fase di umore o di un'altra malattia), ma, se l'insonnia è di recente insorgenza, può essere anche l'effetto collaterale di alcuni farmaci, in concomitanza con i quali poteva insorgere. In particolare, alcuni farmaci incrementano i livelli di Prolttina, l'ormone che potrebbe giocare la sua parte nella regolazione dei cicli sonno-veglia; e potrebbe essere un'idea proporre al Suo specialista di riflettere sul Suo caso ed eventualmnte dosare i livelli di tale ormone (la prolattina).
Dr. Alex Aleksey Gukov

www.psichiatriagenova.tk
www.proiettivo.tk

[#6] dopo  
Utente 346XXX

Grazie mille.

[#7] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"Non capisco perche ? "

Forse perché il suo disturbo la porta a coltivare preoccupazioni, che peggiorano anche con la consultazione preoccupata delle informazioni disponibili sui foglietti o in rete.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it