Pensieri intrusivi

Gentili dottori,

Apro un post perchè non ho ricevuto risposta ad altri due già aperti negli scorsi giorni. Sono in cura per disturbo bipolare con più di un farmaco, tutti stabilizzanti. Nonostante questo, non è mancata la ricaduta depressiva in questi giorni, ricaduta che puntualmente ogni anno si presenta in questo periodo autunnale. Ho sentito oggi il mio psichiatra e mi ha detto che la cosa è possibile nonostante i tanti farmaci stabilizzatori perchè provengo da tanti anni di destabilizzazione timica dovuta soprattutto all'uso massiccio di antidepressivo e quindi ci vuole tempo: le oscillazioni nel tempo diverranno sempre più brevi e meno intense. In effetti questa ricaduta è meno debilitante delle altre. Ho ancora dei dubbi però: l'anno scorso la ricaduta in questo periodo non si è verificata, nonostante avessi il solo depakin a 1500mg e un antidepressivo, lo zoloft a 100mg e anche l'abilify a 10mg. Quest'anno con ben 5 stabilizzatori non siamo riusciti ad evitare tale recidiva, l'ipotesi che abbiamo fatto è che probabilmente sia stata preceduta da una fase un pò sopra le righe a cui poi è succeduta questa fase. Lo psichiatra sentito oggi non ha voluto apportare modifiche alla cura, dicendo di risentirci. Io in effetti però, non ho fatto presente un altro mio dubbio, il fatto che all'ultima visita di persona che ho fatto da lui, visita in cui lui mi vede molto bene, è stato tolto l'abilify che io prendevo fino a quel momento alla dose di 10 mg, nel contempo ha aumentato seroquel da 150 mg a 300 mg. Prima di crollare in questa fase depressiva da un paio di settimane a questa parte, ho avuto una serie di fissazioni, in effetti ho notato da una settimana dopo la sospensione dell'abilify. Dapprima ho vissuto un'indecisione martellante su che sport intraprendere..dopodichè ho avuto la fissazione di avere la fibromialgia..controllavo se ero affaticato dopo aver salito le scale..le salivo apposta tutte le volte..avanti e dietro..ho provato a smettere di fumare (cosa ottima) ma ho cominciato ad ossessionarmi sul dubbio se questa cosa potesse giovarmi all'attività fisica..e se si, quanto..elucubrazioni su gli anni di attività sportiva adolescenziali con analisi mentali dettagliate di ogni anno..se mi conveniva smettere di fumare o no..infine, la sera che sono scoppiato, ero con amici a bere una birra e ho cominciato a martellarmi con "domani devo correre..devo correre..devo correre.." così, all'infinito..poi mi tenevo il numero delle sigarette fumate non me lo ricordavo più, ho iniziato ad innervosirmi..un'altra serie di pensieri e poi sono tornato a casa, esausto. Da quei giorni lì è iniziato il periodo depressivo, tutt'ora mi ossessiono, questa volta sulla mia malattia..quale è la cura migliore quale no..ecc..Il contenuto si è spostato, dal momento che lo sport sono stato costretto ad abbandonarlo. Alla luce di questo racconto, vi chiedo, potrebbe essere utile chiedere al mio curante la reintroduzione di abilify a 10mg? Come sempre grazie.
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 34,7k 840 50
La scelta di trattamento dipende dal suo curante, può discuterne con lui e deciderà quali variazioni fare alla sua terapia se lo riterrà opportuno.

https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test