Utente cancellato
Salve vi pongo il mio problema
Sono un ragazzo di 21 anni e da circa due mesi soffro di una perenne ansia ed ipocondria . Ho fatto tutte le visite perché mi sentivo dei dolori toracici ECG normale e sotto sforzo, RX torace analisi del sangue ma tutto nella norma.
Da circa due settimane ho capito che tutto questo è solo prodotto della mia ansia ed ipocondria. Questo mi ha portato a smettere di fare palestra perché ho paura che mi succede qualcosa ed io effettivamente mi sento veramente male ma alla fine non ho niente.
Ho iniziato a capire che i miei problemi fisici erano frutto della mia ansia e della mia ipocondria perché ho iniziato ad avere altri problemi come depressione, estraneamento dalla realtà e ho capito che tutti i miei problemi servivano da qualche patologia psicologica. Tutt ora da due mesi vivo nell’ansia ho giorni di depressione e non riesco a pensare ad altro al di fuori di questo problema. Non ho detto che sono un soggetto che fino all’estate scorsa facevo uso di cocaina sporadicamente e l’ho fatto per un anno circa due volte al mese. L’ultimo episodio è stato circa una settimana prima che iniziassero i miei problemi di ansia. Non so forse è questa roba che mi sta causando tutto questo? Ho parlato a casa e i miei vogliono farmi vedere da uno psicologo ( ovviamente non ho menzionato la cocaina assolutamente) pensate che uno psicologo basti o debba farmi vedere da uno psichiatra e farmi somministrare farmaci? Quindi meglio uno psicologo o uno psichiatra ?
Veramente mondo che fare anche adesso mentre scrivo questo messaggio mi sento angosciato, ansioso, ho mal di testa e soprattutto quello che mi fa stare più male è la paura di non poter tornare come prima.
Non vorrei che tutto questo sia frutto della mia ipocondria come lo sono stati i dolori toracici che ho avuto in precedenza .

[#1] dopo  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
"alla fine non ho niente"
Beh, ha un importante disturbo d'ansia scatenato dalla cocaina (in persone predisposte bastano poche assunzioni).
La diagnosi deve farla un medico, cioé lo Psichiatra, che poi le proporrà la cura più adeguata, farmacologica e/o psicoterapica.
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria
www.mariosavino.com

[#2] dopo  
469755

dal 2018
Dottore innanzitutto grazie per la risposta
Con “alla fine non ho niente” intendo che non ho niente a livello fisico anche se mentre faccio attività sento dolori e cose strane al mio corpo. I miei mi hanno proposto una cura da uno psicanalista, a lei sembra troppo poco per i sintomi che ho? Ho bisogno di prendere farmaci? Ho paura che questi mi possano causare dipendenza

[#3] dopo  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
A meno che i suoi genitori non siano degli esperti psichiatri dovrebbe essere il medico che la visiterà a porre diagnosi e ipotizzare la cura (i farmaci attuali non creano dipendenza e poi... ha usato sostanze pericolose per il cervello mentre ha paura di farmaci curativi? Suvvia).

La psicanalisi non è "troppo poco", alcuni disturbi lievi si curano con farmaci mentre gravi disturbi di personalità si curano con la psicoterapia... è sbagliato dire "ho sintomi lievi allora psicologo" e "ho sintomi gravi e allora vado dallo psichiatra". E' una questione di tipo di sintomi, tipo di disturbo e la diagnosi la fa lo psichiatra che è un medico (e può anche essere uno psicoterapeuta).
La psicanalisi inoltre può essere "troppo", non di rado dura per anni e i risultati richiedono lunga attesa.
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria
www.mariosavino.com

[#4] dopo  
469755

dal 2018
Dottore grazie mille, le sono davvero grato per le risposte. Il fatto è che leggendo ho letto che gli ansiolitici portano dipendenza una volta smessi di prendere e questa cosa mi fa abbastanza paura. Ho letto anche che per tale proposito sono più consigliati antidepressivi che danno meno dipendenza. Anche se è troppo poco quello che sa su di me cosa mi consiglierebbe di prendere? ( non che mi voglia basare sul esclusivamente sulle sue indicazioni ovviamente ho bisogno di una visita ravvicinata )

[#5] dopo  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
infatti userà antidepressivi che NON danno dipendenza e sono efficaci anche per i sintomi d'ansia.
Non posso indicarle un farmaco, quello lo farà il suo psichiatra, posso dirle che di solito si tratta di SSRI e stabilizzatori dell'umore.
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria
www.mariosavino.com

[#6] dopo  
469755

dal 2018
Dottore veramente grazie mille per le risposte è stato gentilissimo
Un ultima cosa, possibile che quest’ansia mi porti leggeri dolori al petto e alla bocca dello stomaco ? Più ci penso più mi fa male

[#7] dopo  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
possibilissimo, inoltre ha fatto un ECG da sforzo... direi che può stare tranquillo davvero.
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria
www.mariosavino.com

[#8] dopo  
469755

dal 2018
Dottore salve, le volevo dire che la settimana prossima ho preso appuntamento con uno psichiatra
Nel frattempo sto notando che ho quasi sempre mal di testa, come se l’avessi schiacciata in una pressa, difficoltà a concentrarmi e spesso anche giramenti di testa. La mia ipocondria mi ha portato ( come ho fatto anche già in passato per gli altri organi) di andare a vedere i sintomi di un probabile tumore al cervello e come lei ben sa i sintomi che ho guarda un po’ corrispondono. Pensa sia il caso di fare una risonanza magnetica? Oppure anche questo è frutto della mia ansia e mi conviene andare direttamente dallo psichiatra ? Mi deve credere non ce la faccio più sto vivendo malissimo

[#9] dopo  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Aspetterei la visita psichiatrica
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria
www.mariosavino.com

[#10] dopo  
469755

dal 2018
Dottore ho anticipato la visita a ieri.
Il mio psichiatra mi ha riscontrato appunto un disturbo d’ansia, diagnosi quasi uguale alla sua. Per la terapia ha detto che l’avremmo dovuta scegliere insieme, e che lui era più propenso per una psicoterapia essendo un ragazzo di 22 anni. Io sono stato d’accordo anche se gli ho detto che avrei voluto avere dei benefici subito e quindi abbiamo deciso di prendere qualche farmaco per un mese, rifare la visita, vedere come va e procedere di conseguenza. Lei che ne pensa?
Mi ha prescritto EN gocce ( 13 gocce la sera) e Zoloft( 1 compressa la mattina) gli ho detto della mia contrarietà per gli ansiolitici ma lui li ha detto che erano necessari per il periodo iniziale. Cosa ne pensa anche al riguardo di questo ? Pensa sia una buona cura?
Ieri ho iniziato ad assumere queste gocce, un po’ meglio con l’ansia anche se a fine giornata un po’ mi è tornata insieme all’umore basso probabilmente perché stava finendo l’effetto.
Grazie mille

[#11] dopo  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Il suo Psichiatra ha ragione, usare gli ansiolitici nel periodo iniziale è corretto e lo Zoloft è efficace.
Mi sembra una cura senz'altro indicata.
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria
www.mariosavino.com

[#12] dopo  
469755

dal 2018
Dottore con oggi sono 6 giorni dall’inzio della cura. Con l’ansia va decisamente meglio, i dolori che avevo sono quasi diminuiti del tutto e riesco quasi a fare palestra come prima.
L’unica cosa è che spesso ho l’umore un po’ giù come se fosse una lieve depressione. È normale?

[#13] dopo  
469755

dal 2018
Dottore oggi sono 13 giorni dall’inizio terapia 13 gocce EN la sera e Zoloft 50mg la mattina.
Stamattina ho chiamato il mio psichiatra e gli ho detto che in questi giorni era tutto okay con l’ansia tranne qualche momento di umore basso. Ma da un paio di giorni sto iniziando a sentire di nuovo dolori al petto come prima della terapia. Così lui mi ha detto di aumentare le gocce a 15 e Zoloft da 50 a 100 la mattina. Le sembra giusto ? Non è un po’ esagerato? Per piacere risponda avrei bisogno di un altro parere

[#14] dopo  
Dr. Mario Savino

40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Non è esagerato, è corretto
Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria
www.mariosavino.com

[#15] dopo  
469755

dal 2018
Dottore ieri ho interrotto il farmaco perché mi ritardava l’eiaculazione di tantissimo ed il medico mi ha detto di smettere. Oggi è il primo giorno che non l’ho preso ed è successa una cosa terribile, durante un rapporto con la mia ragazza non sono riuscito ad avere in erezione, ero privo di stimoli. Che cosa mi sta succedendo? Questo farmaco mi ha portato sti problemi? Li terrò a vita ? Io l ho preso solo per 15giorni Sono in panico ho letto di disfunzioni sessuali post ssri sono terrorizzato

[#16] dopo  
469755

dal 2018
Voi psichiatri di medicitalia state veramente rovinati. Dite di prendere farmaci a palate senza comunicare probabili effetti indesiderati è ancora peggio quando insorgono i problemi non solo non rispondete ma coprite in modo omertoso le problematiche dicendo che è tutto un fatto psicologico. Le disfunzioni sessuali sono PROBLEMATICHE SERIE PORTATE DAGLI SSRI ma a voi non importa dirlo l’importante e abbuffare il paziente di farmaci. Questo è un appello a tutti quelli che leggeranno questo post. Prima di prendere qualsiasi medicina informatevi su tutti gli effetti che possa causare

[#17] dopo  
 Staff Medicitalia.it

Utente cancellato dallo staff per violazione delle linee guida