Utente 452XXX
Salve dottori medici sono qui per chiedere un terzo parere per quanto possa essere importante tramite online più che un parere vorrei essere indirizzata da una persona che ha studiato nel campo della psichiatria e Psicologia un anno fa mi è stata diagnosticata una nevrosi ipocondriaca E allora sto facendo una psicoterapia analitica dove non ho avuto tanti benefici Ma neanche non ho mai neanche 0 il mio ex e medico di base essendo psichiatra mi consiglio di prendere il Citalopram io non contenta a distanza di tanti mesi però ripresi dopo due mesi persi i contatti con questo psichiatra Quindi cambia i limiti in mano un'altra psichiatra che mi disse che secondo lei non dovevo prendere quel tipo di farmaci ma dovevo andare sull' omeopatia così dopo tre mesi ho staccato il Citalopram adesso non ho più una forma di ipocondria ma una nevrosi da relazione ho dubbi che mi assillano che mi creano ansia sul mio marito sull'amore che provo per lui è così dicendo anzi adesso durante la notte ho dei continui risvegli di ansia forte che mi portano a prendere delle gocce tranquillanti La mia domanda è questa cosa dovrei fare dovrei chiedere un terzo parere psichiatrico e quindi tornare di nuovo alle pasticche sempre sotto base di uno psichiatra Io ho soltanto paura di diventare schiava di questi antidepressivi anche se ho letto su un articolo dove antidepressivi è solo un etichetta più che altro sono ansiolitici che vanno così a ricaricare la testa io c'è anche da dire che all'inizio del Citalopram e vendevo prendevo 20 mg poi di testa mia la sai ne presi 30 quindi non ho avuto grandi benefici soltanto il momento in cui per scalari ho dovuto prendere una compressa di 20 mg per due settimane lì io sono rinata Chi mi può spiegare questa cosa possibile che una dose elevata di serotonina mi abbia creato ansiaw

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Il suo disturbo mi pare che abbia mantenuto forma analoga, concentrandosi su altri oggetti, ma questo è poco rilevante, perché la forma del pensiero quella è. Se ci va di mezzo una malattia o il corpo si chiama ipocondria, altrimenti si chiamerà, per ipotesi, ossessione in generale.

Il citaloprami mi torna con la diagnosi.
L'analisi è una pratica dai connotati biologici indefinibili. Direi che oltretutto in un caso di tipo ossessivo non sia indicata come intervento in generale, lasciando stare il concetto di terapia.
Sull'omeopatia tralascio i commenti.

Non si capisce come si possa definire schiavitù una cura che, se funziona, toglie un disturbo. Nessuno la obbliga a prenderli, nessuno le impedisce di smettere di prenderli, la schiavitù non sussiste. Sono prescrizioni che si seguono s e come si vuole, con il consiglio di un professionista che si può seguire, e a volte è preziosissimo, ma non si è obbligati a seguire.

Se fa l'autogestione prende invece fischi per fiaschi. Chi segue una cura dopo un po' sta meglio, se alza o cala le dosi non c'entra nulla. Ha risposto alla dose di 20 mg assunta per tot tempo. E' noto che inizialmente possono peggiorare i sintomi, e di solito è un preludio alla risposta dopo un mese.
Il citalopram è un antidepressivo, ansiolitico non significa farmaco contro i disturbi d'ansia, lasciamo stare questi nomi che confondono le idee. E' un medicinale indicato per il suo disturbo. Non si definisce ansiolitico perché non fa immediatamente calare l'ansia.
L'aumento della serotonina è ansiogeno, esattamente come può aver sperimentato Lei, e dopo un tot di settimane, in genere 1-2 mesi, produce una remissione dei disturbi d'ansia.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 452XXX

Eh stato molto chiaro dottore...ho letto un articolo dove si diceva che abuso prolungato di serotonina può portare l'insorgenza s tumore al seno o ovaie mi chiedevo se era vero

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
L'abuso di serotonina cosa sarebbe ?

Che c'entra con la terapia con SSRI ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 452XXX

Ho letto tramite internet che un prolungamento di ssri che potenziano la serotonina causa tumori

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
E che c'entra il termine "abuso di serotonina".
L'uso prolungato favorisce "i tumori", così in generale. Metta il link, anche se è deprimente dover tutte le volte commentare delle presunte notizie che poi non sono così neanche negli articoli citati.

Inserisca il link alla pagina che dice questo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it