Utente 485XXX
Salve,
Sono una ragazza di 23 anni e quando ne avevo 16 ho scoperto cos è un attacco di panico. I miei attacchi si manifestano in nausea e vomito incontrollabile.
Premetto di aver fatto mesi di terapia da uno psicologo e di non aver mai preso medicinali.
Con il tempo e l’esperienza i miei attacchi sono spariti dalla mia vita quotidiana, ad eccezione di determinate situazioni: cena fuori e quando sono in compagnia di un ragazzo per cui provo qualcosa: non riesco a mangiare nulla nonostante la fame, e se mangio rischio di vomitare ovunque mi trovo.
A causa di questo problema ho spesso rovinato degli incontri che potevano essere piacevoli e naturalmente i diversi episodi mi hanno un po’ traumatizzata..
Qualche mese fa ho iniziato a frequentare un ragazzo che mi piace da morire che abita fuori, e dovendo stare due giorni con lui ho chiesto al mio medico di prescrivermi un ansiolitico per evitare di rovinare di nuovo tutto: mi ha dato il tranquirit.
Documentandomi su vari forum ho notato che parecchie persone con il mio stesso problema fanno uso di xanax e mi chiedevo se il tranquirit riuscisse a placarmi lo stomaco senza provocare troppa sonnolenza, altrimenti non riuscirei ad uscire e magari affrontare una cena senza voler chiudere gli occhi... più volte ho preso il plasil per evitare di vomitare, ma mi ha portato davvero troppa sonnolenza, e per evitare di addormentarmi sul tavolo ho dovuto rientrare a casa.
Quel fine settimana ho preso 12 gocce di tranquirit la mattina, ma non ho notato grosse differenze, forse un po’ di effetto placebo...
Quale è l’ansiolitico più adatto alla mia condizione premettendo di usarlo in maniera saltuaria (una volta ogni paio di mesi)?
Resto in attesa e vi ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Lo stato di cui soffre non può essere trattato in modo situazionale ma continuativamente con una terapia specifica da valutarli tramite uno specialista in psichiatria con visita diretta.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 485XXX

La ringrazio per la repentina risposta dottore, non appena ne avrò la possibilità, contatterò uno psichiatra.
Per attenuare in quelle precise situazioni i sintomi e “i traumi”, nel frattempo, il tranquirit quindi non è indicato?
Grazie