Utente 423XXX
Buongiorno,

da circa due anni soffro di forti capogiri, dolori alla testa, accompagnati spesso da tremolii e sensazione di debolezza agli arti inferiori e nausea: sono frequenti, non presenti 24 ore al giorno, ma frequenti. Ho fatto, nei mesi passati tutte, o quasi, le visite più importanti:
TAC, RM Cerebrale e Cervicale, visita otorino, neurologica, ECG normale e sotto sforzo, Ecografia alle vie arteriose superiori, emocromo, e per fortuna non è mai comparso nulla di strano.
Soffro di ansia da tempo. Mi sono già rivolto a psicologi e psichiatri e chi più, chi meno, mi ha diagnosticato sindrome depressiva e o ansiogena. Qualcuno ha preferito darmi farmaci, altri no.
La mia condizione psicologica delicata purtroppo è reale. Quando ho provato a prendere antidepressivi, il primo lato su cui hanno infierito è stata la libido, con conseguenti problemi di coppia, che non hanno fatto altro che aumentare l' ansia e i disagi. Da anni prendo al bisogno, ( sotto suggerimento medico) xanax. Non in quantità eccessive, ma mai in maniera costante. Capita che prenda 15 gocce al giorno per poi non usarne neanche una per qualche periodo.
La mia domanda è:
lo xanax, e i suoi "amici", possono dare effetti collaterali di questo genere tipo una sorta di crisi di astinenza ?
Visto che solo in un caso ( per ora e per fortuna) ho avuto un attacco di panico, che però come immaginerete mi ha stravolto la vita, facendomi sprofondare in una fo-fobia, ipocondria e paura di muovermi, riducendo di fatto la mia vita ad una "gabbia psicologica", potreste dirmi se faccio bene a continuare con questi farmaci che, a mio avviso, mi stanno solamente danneggiando?
So che un consulto a distanza è difficile, ma potreste darmi qualche consiglio?

grazie e scusate il disturbo

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Un prodotto benzodiazepinico non è mai risolutivo di disturbi psichiatrici.

Il passaggio utile è quello di farsi seguire continuativamente da uno psichiatra che poss stabilire un trattamento adeguato.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 423XXX

Grazie Dottore per la solerte risposta.
A suo avviso ritiene quindi che questi disturbi siano di origine psicosomatica? o sono i medicinali che abbiamo citato,
che possono dare questi effetti collaterali davvero fastidiosi ? o entrambi? o altro di ben più grave?


Grazie Ancora