Utente 455XXX
Salve,
la mia psichiatra mi ha diagnosticato ansia, depressione, DOC e leggera ciclotimia, accompagnate da sintomi quali insonnia e derealizzazione.
tutto questo a inizio gennaio.
mi ha dato zoloft 100 mg una pastiglia al mattino e lamictal 50 mg sempre al mattino.
inoltre assumevo già 30 gocce di xanax al giorno (10 mattino, 10 pomeriggio e 10 la sera) prescritte dal mio medico di famiglia circa 6 mesi prima di recarmi dalla psichiatra.
dopo 4 mesi a regime sto alla grande allora da un paio di settimane ho iniziato a scalare xanax, su consiglio della psichiatra, 1 gocce per fascia per settimana (totale 3 gocce settimanali) e lo scalaggio sta andando bene (leggere vertigini il giorno in cui scalo ma già ilgiorno successivo sto bene).
gli effetti collaterali sono stati sulla sfera sessuale (crollo della libido e disfunzione erettile) e sul peso (5 kg messi su negli ultimi 2 mesi dopo averne persi un paio nei primi 2 mesi).
su consiglio della psichiatra ho provato viagra e cialis e a spostare la pastiglia di zoloft dopo il rapporto (senza mai saltare la dose giornaliera) ma tutto questo non ha sortito effetto.
adesso la mia psichiatra sta valutando se ridurre a 75 mg lo zoloft (che secondo lei dovrò comunque prendere per diversi mesi se non almeno 1 anno) per vedere se ci sono risultati sugli effetti collaterali, fermo restando il lamictal, e continuando lo scalaggio di xanax.
i suoi dubbi sono sul fatto che 75 mg di zoloft potrebbero non essere una dose curativa (50 mg di certo non lo sono) e il fatto che sono in pieno scalaggio di xanax.
so bene che qui non potete fare diagnosi o terapie ma, in attesa di un riscontro dello psichiatra che avrò tra qualche giorno, volevo sapere se secondo voi portare a regime zoloft a 75 mg (dai 100 presi per 4 mesi) durante lo scalaggio di xanax può risolvere, almeno in parte, gli effetti collaterali e se la cosa ha senso (75 mg di zoloft per alcuni individui (la metto sul generale) può essere una dose curativa?)
grazie in anticipo
p.s. gradirei tanto, se possibile, una risposta dei Dottori Pacini e Ruggiero di cui ho grandissima stima.

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
La linea del suo psichiatra mi pare logica. Per il resto le considerazioni che fa mostrano che praticamente ha già chiari i termini del problema, per cui eviterei di riproporli in fondo come domanda, si parla di ciò che già sa senza aggiungere nulla di sostanziale.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 455XXX

Salve Dottor Pacini,
grazie mille per la Sua risposta.
Volevo solo una Sua opinione, in generale, se ha senso passare da 75mg a 100mg durante lo scalaggio di Xanax. Se questo può risolvere in parte gli effetti collaterali e può essere comunque una terapia curativa senza portarmi disturbi particolari.
Grazie.

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Le ripeto, sta girando intorno ad una questione aperta. Una prova non ha senso che sia valutata a priori, è una prova. Il razionale della prova lo conosce così come il perché potrebbe non reggere.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it