Utente 346XXX
Salve a tutti e complimenti per l'ottimo servizio che prestate...i miei problemi sono nati dopo aver fumato erba quasi un anno fà, da lì derealizzazioni, ansia a mille, attacchi di panico, e ritiro sociale per quanto riguarda la compagnia, a lavoro tendendo duro sono riuscito ad andarci sempre finora...Il primo psichiatra mi ha prescritto Zoloft 50mg che mi ha dato la forza di reagire ma ahimè effetti collaterali sessuali e dopo qualche mese una tendenza alla mania, (momenti di agitazione e sensazione di perdere il controllo) preciso che veri episodi maniacali non ci sono mai stati, questo si alternava a momenti di poca lucidità mentale e confusione, così il primo curante ha diagnosticato un disturbo bipolare, diagnosi che mi ha lasciato un pò perplesso...

...ho voluto un secondo parere da un altro psichiatra che mi ha spiegato che con quella "fumata" cè stata un'alterazione dei recettori dopaminergici e lo Zoloft avendo anche un debole effetto sulla dopamina non era assolutamente il farmaco adatto ed era per questo che mi sentivo spesso su di giri...La sua cura, soffrendo anche un pò di ossessioni è: mezza compressa di Anafranil da 75mg e 3o4 gocce di Neuleptil la sera per tenere a bada la dopamina che secondo lui è causa degli attacchi di panico e derealizzazioni...

Ovvio che mi fiderò in toto del mio curante sulla terapia, ma vorrei chiedere se cè un nesso tra dopamina, attacchi di panico e derealizzazioni miste a confusione mentale, lo chiedo solo per avere un pò di chiarezza sulle possibili ipotesi che mi hanno portato a questi problemi soprattutto dopo l'interruzione di Zoloft la confusione mentale e la derealizzazione sono peggiorate...Grazie...

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Sì, come scelta di cura mi torna, però se con poco antidepressivo era andato in sovraeccitazione, forse non è proprio il caso di usarne. Certo, l'alternativa è di combinarli con qualcosa che ostacoli la sovraeccitazione.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 346XXX

Cosa ad esempio? A detta del mio Psichiatra è stato proprio il blando effetto sulla dopamina dello Zoloft ad avermi creato problemi, Anafranil non agisce sulla dopamina o sbaglio? In più il Neurolettico a basso dosaggio per smorzare gli attacchi di panico (anche se non capisco perchè mi ha prescritto neurolettico e antidepressivo di prima generazione, dice che sono più efficaci, vabbè)...Altra cosa che potrebbe avvalorare questa tesi è il fatto che dopo una sigaretta i sintomi come confusione mentale e derealizzazione sembrano peggiorare, in più gli ultimi due attacchi di panico sono venuti mentre fumavo, uno proprio ieri sera appena accesa una sigaretta in terrazzo ho iniziato a percepire un senso di disorientamento con tremore alle gambe, perdita di sensibilità alle mani e mi è venuto un forte senso di angoscia guardando il mondo esterno, mi creava disagio e paura anche una macchina che passava, sono praticamente rimasto inerme e impotente finchè non è passato, fortuna è durato in 2o3 minuti anche se ha portato strascichi tutto di oggi...

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Tipo appunto la combinazione che sta facendo, dicevo.

Lasciamo perdere discorsi sulla dopamina, stiamo facendo discorsi sulle manifestazioni che si vedono, non su misurazioni che non sono state fatte.

Una precisazione: questo stato di mania o similare, in cosa è consistito sul piano del comportamento ? Cosa faceva di preoccupante, in altre parole ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 346XXX

Preoccupante direi nulla, ero però molto agitato, sensazione di perdere il controllo, molto veloce a svolgere compiti al lavoro, leggero tremore, velocità di pensiero che a volte diventava (troppo accelerato), mai però finora comportamenti strani o troppo impulsivi...Diciamo che la mia paura più grande in quei momenti era di perdere il controllo, avevo derealizzazione (che ho tuttora) e una sensazione di essere al limite dell'attacco di panico che però durante la terapia mai si è concretizzato...nessuno si è accorto mai di nulla, solo i miei dicevano quando prendevo Sertralina che ero più attivo del solito ma nulla di più...preciso che appena sospeso Zoloft per più di un mese sono tornato a star bene, calmo lucido e rilassato, poi sono ritornati prima forte ansia per eventi banali, poi giorni di confusione mentale con attacchi di panico...preciso anche che durante lo Zoloft avevo giorni rari di difficoltà di concentrazione e confusione mentale abbastanza marcata...

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
La paura di perdere il controllo non è esattamente un sintomo "maniacale"....
Non si capisce se sia una valutazione parametrata sulle sue paure, o sull'osservazione diretta di comportamenti e stati, che sono due cose anche opposte.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 346XXX

Beh direi più che l'osservazione diretta dei comportamenti direi degli stati, ovviamente quando i miei stati di agitazione e di confusione mentale si accentuano questo mi crea disagio con gli altri e cerco di (difendermi) magari parlando poco o ad es. al lavoro (idraulico) cerco di non prendere iniziative, limitandomi, anche se con fatica, a fare i compiti che mi vengono imposti senza metterci del mio, al contrario se mi sento bene sono intraprendente, socievole e impeccabile sul lavoro...

Ammetto che una paura di fondo del giudizio altrui in me cè sempre stata, insieme al cercar di tenere sotto controllo un pò tutto, dopo la traumatica esperienza della canna è come se mi fosse crollato tutto il castello che avevo costruito, i miei stati confusionali e la derealizzazione per me hanno una doppia sofferenza perchè ho la sensazione di non avere più il controllo su niente e questo non aver controllo mi crea ancor più disagio...

Anche l'ansia di un evento sento che non è più quella di una volta, prima era diciamo quasi incentrata su un pensiero e basta e ovviamente passato l'evento avevo anche una sorta di sollievo e svaniva, (da quì la diagnosi di ossessioni del secondo Psichiatra) ora sembra invece più subdola, sembra restare in sordina come una sorta di paura indefinita e sfociare poi in determinate circostanze in veri e propri attacchi di panico...

[#7] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Si, ma l'osservazione, non l'autovalutazione, che peraltro appunto sembra un riesame continuo che però non evidenzia nessun elemento particolare da una parte o dall'altra.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 346XXX

Salve dottore, vorrei aggiornare la situazione:
Dopo aver provato il neuleptil e l'anafranil con grossi effetti collaterali che assolutamente non riuscivo a sopportare tanto da non riuscire nemmeno ad andare al lavoro, ho ricontattato il mio psichiatra che mi ha cambiato terapia, ricordandogli che precedentemente ho assunto zoloft con ottimi risultati sull'umore ma con un'agitazione e leggera euforia di fondo che mi creava una sensazione di perdere il controllo, ha deciso di reinserirlo con l'aggiunta a sua detta di uno stabilizzatore d'umore, il Pregabalin, che poi acquistato ho notato che nelle indicazioni terapeutiche è un ansiolitico e antiepilettico ma non stabilizzatore...Potrebbe comunque tenere a bada il mio problema con lo Zoloft? Grazie per eventuali risposte...

[#9] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Beh, così formulata la domanda è semplicemente una domanda generica sul fatto che il suo medico non le prescriva cose inadatte...
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 346XXX

Assolutamente no! Ho molta stima del mio Psichiatra e Suo collega, ovviamente non è che se una terapia è andata male dò la colpa a lui ci mancherebbe, sò che la risposta ad una terapia è molto soggettiva in particolare in questo campo...

...l'ho chiesto perchè mi è venuto questo dubbio, se avessi avuto il bugiardino in mano avanti a lui glie lo avrei chiesto al colloquio...inizierò la terapia con la massima tranquillità possibile perchè vorrei solo stare bene...