Utente 435XXX
buonasera
sono un uomo di 37 anni, sposato con 2 figli . da dieci anni sono in cura con 1 pasticca di cipralex 1 di serenase e 1 di lorazepam al giorno.
il medico psichiatra che mi ha seguito ha risolto completamente i miei problemi. la mia vita affettiva lavorativa va bene. tutte le ansie le paure che ho vissuto dieci anni fa in concomitanza con la fine del periodo universitario e inizio della mia carriera professionale sono sparite. ho raggiunto notevoli traguardi e pian piano non c'è stato più bisogno dell'appoggio del mio medico, il quale soddisfatto mi ha detto di proseguire la mia vita con serenità.
unica cosa che ad oggi non riesco a fare è staccarmi dai medicinali. abbiamo provato a ridurre con successo a metà ciascuna di esse ma poi all'atto pratico al momento di toglierle del tutto mi è tornata un ansia generalizzata (quindi non legata ad uno specifico evento) che mi condiziona la giornata. oltre all'ansia ritorna quella paura di perdere tutto quello che ho, e posso ammettere che è tanto.
siccome ho perso i contatti con il mio medico, era anziano a suo tempo e non riesco piu a rintracciarlo mi chiedevo se qualcuno di voi può aiutarmi in questo senso. si può smettere di prendere i farmaci?
io sono di roma e sarei propenso a mettermi in gioco anche stavolta se necessario

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Con una giusta riduzione ed una valutazione periodica i farmaci possono essere sospesi cercando di evitare fenomeni da sospensione.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it