Utente 356XXX
Salve dottori, non scrivo più da tempo qui perché durante gli anni sono riuscito a gestire la mia ansia ma adesso è peggiorata a causa di questa psicosi da coronavirus.
Ci ho pensato talmente tanto che per giorni mi sono depresso col terrore di poterlo contrarre, ansia a mille, mi vedevo già in ospedale e stavo malissimo, ho iniziato a sentire vampate di calore ma respiravo bene.
La temperatura l'ho stabile a 37 da giorni.
E questo mi preoccupa, solitamente ce l'ho a 36. 5. Adesso invece è da 2 giorni che sento un costante senso di oppressione e bruciore al petto, fiato corto e dispnea, a volte uno strano senso di soffocamento, vivo nel terrore di potere avere una polmonite e per respirare meglio devo fare uno sforzo che mi crea un dolore a un punto dietro la schiena.
Ho cercato su internet cosa potesse essere, non vi dico cosa ho trovato.
E quando espiro ho sempre qualche fastidio al petto, un dolorino al centro dove c'è lo sterno che quando lo tocco mi fa un po' male e questo mi terrorizza.
Però almeno non ho febbre o tosse.
Ma vivo nell'ansia, ho paura di avere qualcosa di grave che riguarda i polmoni o il cuore.
Quando mi distraggo questi sintomi scemano un po' e respiro un po' meglio ma poi dopo torna tutto.
Le brutte notizie poi aumentano queste sensazioni infatti non guardo più tv né facebook, per non alimentare pensieri negativi che già ho.
Sono sintomi di qualcosa di grave?
Cosa potrei fare?
Non posso andare avanti così in questo periodo particolare, ho paura che quest'ansia mi possa creare danni fisici.
Grazie mille, distinti saluti.

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Riprenderei le fila della terapia dell'ansia, o la inizierei, se non c'è mai stata.
Ha uno psichiatra di riferimento ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 356XXX

Salve gentile dottor Pacini, la ringrazio per la risposta. Col tempo sono riuscito a non avere manifestazioni d'ansia così forti, le gestivo, passavano. Anni fa però a causa di un periodo in cui nemmeno dormivo la notte, il medico curante mi prescrisse Depas da prendere solo al bisogno quando la situazione sfugge di mano e accuso sintomi fisici fastidiosi. Conviene che lo rifaccio ora esponendogli i miei sintomi? Volevo farlo domani che è lunedì. La ringrazio ancora, saluti.