Utente 210XXX
buongiorno,
da tre mesi sono in pensione, metà dei quali vissuti benissimo... poi improvvisamente, forse scatenato da un giorno passato con mio marito in pronto soccorso, accusava problemi cardiaci poi risolti...Ma di questo motivo non sono certa...Sta di fatto che improvvisamente mi si è scatenata ansia e depressione (ne avevo sofferto in passato ma stavo molto bene da più di 6 anni stavo MOLTO BENE credevo di aver risolto definitivamente...tutto è iniziato a fine gennaio.

Non riesco ad accettare i sintomi, anche se molto più lievi che in passato.

Contemporaneamente ho iniziato a bere pesantemente... non riesco a smettere
Seguo terapia farmacologica:
wellbutrin 150 mg
1! / paroxetina
Xanax 2 x al giurno
stilnox
seguo anche psicoterapia, il dottore definisce l'alcool il rimedio (dannoso) ma che si deve lavorare di più su ciò che ha scatenato la cosa...
Preciso che: ho ottimi rapporti famigliari (marito lavora, figli abitano via)
bilancio vita lavorativa buono (nel sociale e mi piaceva, ma non vedevo l'ora di andare in pensione)
poi il VUOTO...
inoltre questa situazione coronavirus che impedisce di uscire e avere contatti...
sono disperata, consapevole che l'alcool peggiora e prolunga la situazione ma non riesco , mi sento ambivalente: continuo a pensare di non bere e poi cerco la bottiglia...

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Se ha iniziato a bere innanzitutto la cura andrebbe modificata in relazione a questa situazione.
Quale indicazione in tal senso le è stata data ?. Intendo farmaci per frenare l'abuso d'alcol, farmaci per curare l'ansia o l'umore tenendo conto che c'è un abuso di alcol da controbilanciare...
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 210XXX

grazie x la risposta
la terapia l'ho descritta ,
Seguo terapia farmacologica:
wellbutrin 150 mg al mattino
1/2 paroxetina a mezzogiorno
Xanax 2 o 3 x al giorno
stilnox prima di coricarmi
secondo lo psichiatra il wellbutrin dovrebbe funzionare da anticraving, però non sento cambiamenti..inoltre sono oppressa dai sensi di colpa...
mi pare di essere un altra persona... la sluto..

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Il wellbutrin come anticraving per l'alcol ? No. Magari per altro.
Questa è sostanzialmente una terapia antidepressiva, però ci sono degli ansiolitici, cosa che in genere indica un non completo controllo dell'ansia. In una persona che beve questo tipo di prodotti peraltro sono da evitare, e quindi la cura andrebbe modificata.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 210XXX

Lei cosa mi consiglia di fare?
la ringrazio!
P.S lo psichiatra,, consultato telefonicamente oggi mi ha detto di eliminare paroxetina e prendere un altro wellbutrin a mezzogiorno

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non vedo grossa specificità di questa cura con il quadro in cui c'è abuso alcolico. Il punto è questo. L'abuso alcolico indica di solito oltretutto che la diagnosi forse va anche rivista, perché non è un aspetto depressivo preso di per sé.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 210XXX

Buongiorno,
Sevondo lei il problema deve essere visto più dalla parte del bere..?
Però io fino a che non mi sono sentita male (ansia e vuotol..) non bevevo...

[#7] dopo  
Utente 210XXX

La cosa che mi sembra di desiderare di più è liberarmi dall'alcool.... Ma mi poi mi ritrovo di essere come dottor jekyll e mister hyde... Rimugino per ore sU come staccarmi dalla bottiglia e subito dopo la cerco... Il mio umore non è particolarmente basso, non desidero nulla.. Non provo interessi... Ho paura del domani
È vero in qquesti tempi può sembrare una sciocchezza, un egoismo.... E tale io mi sento... Ma sono anche consapevole del mio malessere e della mia inadeguatezza ad affrontarlo, ho sempre paura di nuocere ai miei cari.. Ma mi sento anche tanto ipotente.... Non so più cosa fare... Il miopsichiatra non e facilmente raggiungibile, il mio psicoterapeuta, che sento solo telefonicamente, sebbene io abbia fiducia mi sembra non riesca a dedicarmi il tempo necessario oppure... Non so sono piena di dubbi e di paure..

[#8]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Il problema deve essere visto anche e in sequenza tecnica sulla componente del bere, primo perché se continua il bere, inficia l'effetto di altri medicinali; e secondo perché questo problema ha dei farmaci specifici, quindi non ci si arriva per vie traverse. In altre parole: prendendo un farmaco antidepressivo non è che migliora l'umore e si smette di bere. Se mai questo accade a volte con farmaci anti-bipolari. Serve un farmaco che abbia qualche proprietà o sul bere direttamente.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#9] dopo  
Utente 210XXX

buongiorno e grazie dell' attenzione dedicatami finora,
oggi è il sesto giorno di totale astinenza, ho seguito la terapia indicatami.
- Welllbutrin mattino e mezzogiorno,
- 20 gocce di xanax 3 volte al giorno ( se al pomeriggio mi
sento calma non lo prendo
- stilnox x dormire ( stanotte ho dormito bene con 1/2
compressa
quello che volevo chiederle riguarda la difficoltà che trovo nel gesto dello scrivere.. calligrafia peggiorata..
secondo lei può dipendere dalla terapia o dalla sospensione dell'alcool.
il tempo che ho bevuto è stato di due mesi, prima non bevevo.
Mi riesce difficile "perdonarmi" e da questo il desiderio di informazioni...
Purtroppo in questo periodo i contatti (telefonici) con il mio psichiatra sono più difficili, al di là degli appuntamenti programmati..
ringraziand ancora saluto

[#10]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non si deve perdonare, nessuno credo glielo chieda. Nel senso che non è richiesto alcun perdono per niente.
Questa cura è per la sospensione, magari qualche sintomo c'è, ma questione di bilanciamento della dose magari.
Ma non c'è una cura specifica per l'abuso d'alcol, questo rimane come discorso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it