Ansia e panico

Buongiorno a tutti inizio subito scrivendo la mia storia cosi arriverò subito al nocciolo della situazione.

Da piccolo sono sempre stato un ragazzo ansioso, sono cresciuto in casa di mia nonna con miei, fin dalle scuole elementari chiamavo casa
per farmi portare dal medico con crisi di pianto, per dolori che pensavo di avere, ascoltavo sempre i discorsi di persone adulte, che raccontavano come moriva quello ecc..., crescendo la paura si è divisa in tre fobie cuore, tumori, morire soffocato, tanto che sono arrivato a perdere 40 kg perchè mangiavo solo pappette per neonati, certe volte queste fobie scomparivano.
Nel 2018 viene a mancare mia nonna, ho vissuto nella sua casa con lei ero il suo pupillo tanto che i miei erano quasi privi di sgridarmi in sua presenza, vivo al sud quindi i funerali sono una roba pesante, la veglia in casa parenti in lacrime, era la prima volta che perdevo qualcuno di cosi vicino.
Fatto sta che aveva una tendenza a bere diciamo almeno una volta a settimana bevevo molte birre, tre mesi dopo mi risveglio con delle urla atroci, mia madre trova mio padre impiccato nel nostro giardino, io presi la macchina e scappai via per paura di morire per il troppo panico, ritornai a casa dopo mezzora tra urla, carabinieri, panico dei parenti, vicini in massa, cercai di chiudermi in una stanza, ma appena mi girai trovai mio padre gia vestito dentro la bara, passai i due giorni di veglia senza dormire con le persone che andavano e venivano, ci fu il funerale è io avevo solo voglia che tutta andasse veloce, non bevevo più in quel periodo è non sentivo la voglia di farlo, passano i mesi e tutto procede tra dolore, mille domande, attachi di panico, si ripresenta la fobia del morire soffocato con il cibo, circa un'anno dopo notano un neo nella mia gamba, il dermatologo entra in panico dobbiamo toglierlo subito, guardo sul web il melanoma era sconosciuto per me, dopo un mese tra operazione esame istologico, tra panico, mia madre che nascondeva la paura che potessi avere un cancro ma la vedevo che era nel panico, tutto va bene non era quello.
Un paio di mesi dopo mi arriva una chiamata un mio amico, era morto per un infarto fulminante, di nuovo le veglie, i genitori disperati, da quei giorni ho sempre mio padre, lui morto, il mio amico morto, il panico di tutti, vedo il mio corpo nella bara il panico generale la tristezza, dormo male, certe volte penso che la morte possa togliermi questo panico, piango, non esco piu di casa, ho lasciato perdere tutto, non ho più interessi, vado in tachicardia, non so come ho trovato il coraggio di scrivere, sto assumendo zoloft 100 mg, ma non vedo tanti cambiamenti, vedo solo nero e morte ovunque.
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 37,2k 898 270
Da quanto tempo sta assumendo questa cura, e per quale diagnosi ricevuta ?

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#2]
dopo
Utente
Utente
depressione dal medico curante, ora aspetto risposta dsm, non posso permettermi una cura in studio privato.

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test