Paura di parlare in pubblico

È possibile superare la paura di parlare ad un pubblico vasto?

La paura di essere osservato da tantissima gente, la paura di sbagliare, la paura di essere deriso, mi spingono a non riuscire a portare avanti un discorso in un pubblico sconosciuto di vaste dimensioni (20 persone o più).

Esistono accorgimenti o esercizi per superare quest'ansia?
[#1]
Attivo dal 2010 al 2016
Psicologo, Psicoterapeuta
Gentile ragazzo, "parlare in pubblico" è un'abilità, che richiede sapere cosa dire, come dirlo, quando fermarsi, se e come interagire col pubblico etc.

Di per sè, a meno di non essere degli oratori navigati (ed a 19 anni mi sembra perlomeno improbabile...), può implicare una certa dose di attivazione, con una variabilità che può andare da un pò di apprensione ad un'ansia paralizzante.

Puoi descriverci meglio se la tua è una preoccupazione relativa ad una paura ipotetica o se in una certa situazione ti è già capitato di bloccarti e non sapere come andare avanti?
[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio anticipatamente per la sua risposta caro dottore. Non mi è capitato di avere un'ansia paralizzante tale da non permettermi di procedere col discorso.

La mia, è più una preoccupazione ipotetica, piuttoste che una paura effettiva.

[#3]
Dr.ssa Claudia Signa Psicologo 75 3
Gentile utente,
la paura di parlare in pubblico è sicuramente un fattore psicologico che scaturisce dal giudizio che ciascuno ha di se stesso e ha delle ripercussioni a livello fisiologico.
Rispetto la mia esperienza le consiglierei di intraprendere un percorso di Training Autogeno con uno psicologo che la aiuti a migliorare la capacità di approcciarsi al pubblico lavorando sulla distensione fisiologica,emotiva e di performance ma che allo stesso tempo chiarisca meglio la determinante della sua paura e delle conseguenti reazioni.

Cordialmente

Dr.ssa Claudia Signa;
Psicologa, perfezionata in valutazione psicologica.

[#4]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio di cuore dottoressa.
[#5]
Attivo dal 2010 al 2016
Psicologo, Psicoterapeuta
Gentile ragazzo, oltre alle indicazioni fornite dalla collega dott.ssa Signa le propongo anche un altro punto di vista.

A volte, quando temiamo qualcosa, possiamo coltivare l'obiettivo di far passare (o diminuire drasticamente) l'ansia o la paura, per poter poi affrontare con serenità la prova, la situazione etc.

Esistono orientamenti, in psicoterapia, che propongono però soluzioni diverse: come, ad es., l'idea che si possano affrontare con coraggio anche le cose che ci spaventano, senza pretendere di non aver paura, ma imparando a "tenercela", senza lasciarcene condizionare. Allo stesso tempo, si può imparare a "lasciar scorrere" i pensieri che ci si presentano alla mente senza "inseguirli" ("sarà terribile!"; "mi bloccherò!"; "tutti rideranno di me!", etc.).

Cordialmente
[#6]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 494 45
" È possibile superare la paura di parlare ad un pubblico vasto?"

Certamente sì, anche perchè nessuno parla in pubblico senza aver pensato e preparato molto bene quello che deve comunicare.

Prova a pensare a Roberto Benigni: sembra tutto improvvisato e pensato sul momento, ma nessuna parola è in realtà improvvistata. E' tutto pensato bene e preparato. Questo fa scendere l'ansia e la paura. Se io so che cosa devo dire e preparo bene una relazione da presentare mi sentirò un po' più sicura. Certamente non basta.

Esistono poi tecniche per parlare in pubblico e che prevedono, tra le altre:

- di tenere alta l'attenzione del pubblico costantemente (perchè tende a diminuire, soprattutto se l'oratore non è abile ad utilizzare il paraverbale: tono della voce, volume, ecc...)

- di esporre in maniera semplice ma interessante l'argomento: fare una piccola introduzione (sempre per attirare l'attenzione e dichiarare l'argomento), il corpo del messaggio e un riepilogo per imprimere nella memoria l'argomento trattato, perchè in genere le persone ricordano di più le prime informazioni e le ultime.

- di prevenire domande e dubbi del pubblico: anche queste devono essere pensate prima (una tecnica potrebbe essere: "Ora qualcuno di voi si chiederà..." e anticipo e rispondo al dubbio per evitare che ci siano domande... oppure gestire le domande solo alla fine della relazione per evitare di essere interrotta e perdere il filo)

Fondamentale è la finalità per cui sto parlando in pubblico: non sol oche cosa voglia comunicare ma perchè comunico? Per informare? Per persuadere? Per educare? Ovviamente la finalità cambia completamente il tipo di intervento.

Ripeto comunque che è assolutamente imparabile e che esistono moltissimi manuali in commercio utili per apprendere tecniche e modalità.

C' è anche un film-documentario che, a prescindere dall'argomento, è davvero utile per capire COME fare a parlare in pubblico e come comunicare in modo efficace: "Una scomoda verità", il documentario di Al Gore sull'inquinamento.

Per quanto riguarda la paura in sè, passa solo se la si affronta concretamente.
Potrebbe essere utile in tal senso anche frequentare un corso di teatro.

Buona giornata,

Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#7]
dopo
Utente
Utente
Ringrazio con sincerità tutti i dottori che hanno prestato la loro professionalità e la loro gentilezza nel rispondere al mio quesito.

Ora semplicemente penso che un buon allenamento migliorerà a tenere a bada l'ansia e la paura.

Buona Giornata e Buon Lavoro.

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test