Patner confuso come comportarmi

Buongiorno, cercerò di essere breve, da due anni esco con una ragazza che reputo sia il vero amore della mia vita, io ho 33 anni le 28, premetto che lei ha sofferto di attacchi di panico. Da maschio stupido, ho sempre cercato di farmi vedere il più brillante possibile ai suoi occhi, dandole tutto il mio amore, e riempendola di attenzioni, regali aiutandola in famiglia, insomma ho fatto tutto il posibile per legarla a me. Qualche mese fa ho avuto diversi problemi sul lavoro, e non ho ricevuto stipendi per alcuni mesi, questo ha portato in me un radicale cambiamento, sempre serio, pensieroso, nessun interesse, apatia totale, da diversi mesi non facevamo nemmeno l'amore. Sbagliando mi sono tenuto tutto dentro...fin quando è scoppiata la bomba, lei delusa da questi miei comportamenti ha deciso di lasciarmi...dicendo che non si fida più di me...Sto cercando di fare il possibile spiegandole che non le ho mai detto nulla per non darle preoccupazioni, ma ora è tutto risolto e cio ono accadrà mai più...so che ho sbagliato. Ora lei dice di non volermi perdere. ma al momento non vuol tornare con me...ci cerchiamo e lei mi ripete che sta malissimo, ma è troppo arrabbiata, io sto peggio...le ho cheisto se passavamo il suo imminente comleanno insieme e lei ha accettato...Sono confuso e disperato ho bisogno di aiuto...il nostro era amore vero, forse mai provato con nessun altra ragazza...vorrei riconquistarla, anche sua mamma è triste ed è dalla mia parte. Stiamo ore a telefono e lei mi rinfaccia tutti i periodi in cui l'ho trattata male, in cui ero assente e con la testa altrove...
[#1]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 317 668
Gentile Utente,
Una coppia sana non e' quella in cui uno da e l' altro prende, in cui non ci sono momenti di tensione o conflittualita' , ma una coppia che ben si adatta alle modifiche della coppia stessa, tra alti e bassi anche della passionalita' , senza mai rinunciare al dialogo aperto e sincero.
Un " tagliando " continuo salute emotiva della coppia, serve a non perdervi di vista, le suggerisco un dialogo continuo, con il coraggio di fare semp il punto della situazione .

Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#2]
Dr.ssa Laura Rinella Psicologo, Psicoterapeuta 6,3k 119 7
Gentile utente,
forse il suo rapporto è stato costruito su basi un po' fragili, se lei ha sentito la necessità di mostrarsi oltremodo brillante per "legare a sé" la sua ragazza. Temeva forse di non essere accettato, di non riuscire nell'impresa?

Dati tali presupposti e i suoi reiterati silenzi, la sua ragazza sembra aver interpretato in tutt'altro modo i comportamenti che derivavano da problemi contingenti.

Lei come si sentirebbe al suo posto?

<Sto cercando di fare il possibile spiegandole che non le ho mai detto nulla per non darle preoccupazioni> Ma in cuor suo è davvero questa la ragione per la quale è rimasto in silenzio?

Cosa sarebbe successo se le avesse detto la verità?
Cosa temeva?
E la sua ragazza le ha chiesto cosa stava accadendo?
Come è scoppiata la bomba? Come ha saputo della sua reale situazione?

< non si fida più di me.>
Occorrerebbe aprire un dialogo franco e sincero tra voi per poter ri-costruire il suo rapporto su basi migliori, la fiducia reciproca è un ingrediente basilare.

Cordialmente

Dr.ssa Laura Rinella
Psicologa Psicoterapeuta
www.psicologiabenessereonline.it

[#3]
dopo
Utente
Utente
Grazie per le Vostre parole, lo so ho sbagliato sin dall'inizio, per questa maleddata smania di farmi vedere oltremodo brillante, una cosa che non è mai accaduta prima...in cuor mio il fatto di non volerle dare maggiori preoccupazioni è davvero la ragione reale...credevo di poter risolvere la questione da solo...senza rendermi conto relamente di quel che stava accadendo...ho compiuto un atto di leggerezza, che mai sin d'ora avevo commesso.... Credo che se le avessi detto la verità (ora che ormai è tutto venuto fuori) non sarebbe successo nulla, anzi mi avrebbe dato il suo supporto, io temevo che l'avrei delusa, e mi vergognavo a vedermi in una tale situazione...non volvevo farle mancare nulla...La bomba è scoppiata quando io le ho spiegato il tutto nel dettaglio e poi lei ha indagato tra conoscenze comuni e le hanno spiegato tutto...Mi sento uno stupido infantile...ma purtroppo ci sono dentro...e non ne vengo fuori...è certoperò, che con lei o senza di lei non lascierò più nulla al caso...e la sincerità e franchezza saranno nuovamente le mie basi...tutto questo lo sto pagando troppo, troppo caro...e sto male...ora che ho capito i miei sbagli...so dove posso recuperare...e spero di averne ancora la possibilità...e che le sue parole..."al momento non voglio star con te" siano reale...e spero che questo momento possa concludersi...io non smetterò mai di spiegarle il tutto...sto cercando di riconquistarla su una base diversa sana e sincera
[#4]
Dr.ssa Laura Rinella Psicologo, Psicoterapeuta 6,3k 119 7
<e mi vergognavo a vedermi in una tale situazione..>

Questo a mio parere è un punto importante, ma credo che lei ora sia consapevole di quanto accaduto e sa anche che probabilmente avrebbe avuto il supporto della sua ragazza, dunque che avrebbe potuto confidare in lei. Ma forse non ha confidato dall'inizio abbastanza su se stesso?

Lasci alla sua ragazza il tempo per capire, cercare "di riconquistarla su una base diversa sana e sincera" è la strada da seguire.

Cari auguri
[#5]
dopo
Utente
Utente
Buon giorno, vorrei disturbarvi ancora una volta, sempre in merito alla sitauazione, questa mattina ho mandato un sms alla mia ex fidanzata per accordarci sull'andare via insieme per il suo imminente compleanno, io le scrivo se era ancora sua intenzione andare via, dicendole che è mia volontà andare via con lei, che non voglio passare una giornata triste, ma che non capisco come abbia fatto a gettarsi dietro la nostra storia e come abbia fatto a dimenticarmi...

questa è stata la sua risposta:
non ho gettato alle spalle nessuna relazione , nn ho dimenticato niente, e on sono fatta di pietra, non ho voglia di raccontare bugie a nessuno, anche perchè se andiamo a loreto non dico nulla nemmeno a mia mamma, dopo quello che è successom tu invece non vedrai l'ora di mettermi in difficoltà, andare a loreto è un desiderio molto grosso, ma ho molta paura , paura anche di sat male come un cane...

io le ho scritto che non ho mai voluto metterla in difficoltà e le ho chiesto se stesse bene se non andassimo...

risposta: ASSOLUTAMENTE NO, starei malissimo....

Cosa ne pensate? io davvero non riesco a capire la sua mente cosa le passi per la testa...
grazie per una vs risposta.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio