Lutto genitoriale e fine di un rapporto

Buonasera,
ho perso mio padre alcuni anni fa per cancro e mia madre si è ammalata di una malattia degenerativa. Io sono tornata a vivere con lei. Poco tempo prima della morte di mio padre ho incontrato un uomo ed ho cominciato un rapporto con lui. La nostra storia è durata pochi anni. Io ero molto nervosa e gli ho riversato addosso tutta la rabbia che avevo dentro. Me ne rendevo conto gli chiedevo scusa, ma non riuscivo a trattenermi perchè non lo sentivo un rapporto stabile. Ovviamente lui mi ha lasciata in malo modo e mi ha trattata come una pazza. L'ho ricercato per tanto tempo perchè la mia testa non riusciva ad accettare di averlo perso. In più mi ripeteva continuamente di amarmi e io gli chiedevo continue conferme, dovute alla mia insicurezza. Non voglio tornare con lui, so di avergli fatto male, ma anche lui ha fatto molto male a me. Quello che voglio è ritrovare la serenità e il coraggio di guardarmi allo specchio, perchè mi sento un mostro. e non so se potrò trovare la fiducia in me stessa, perchè quando litigavo con lui ero veramente patetica, non riuscivo ad ascoltarlo e sentivo solo il mio dolore e la mia voglia di un nido sicuro che era diventato un inferno. Lui mi ha accusato di essere pazza, di non aver ascoltato nè accolto nè sostenuto. Io mi sento ancora in colpa, perchè tante volte mi ha chiesto sostegno, tante volte io non sapevo come fare, tante volte non reggevo e tante volte non mi fidavo perchè pretendevo fosse forte lui. Voglio uscire da questo circolo di sensi di colpa e ansia del futuro che mi stanno rovinando la vita e mi portano a chiudermi in me stessa senza avere completa fiducia nelle persone. Grazie pe rle risposte
[#1]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 317 668
Gentile Utente,
Il suo fidanzato sembra essere stato il bersaglio del suo dolore e della sua non elaborazione del lutto.
Uno psicologo, potrebbe aiutarla sia ad elaborare l' accaduto, che a ritrovare la serenità psichica smarrita, soltanto così potrà incontrare se stessa ed eventualemente essere pronta per nuovi amori.
La fiducia è il primo tassello per un amore adulto, se lei non si riappacifica con il suo passato, questo tenderà a ritornare con modalità sempre ingombranti ed indigeste...

Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Dottoressa la ringrazio per la risposta.
So che quella è la strada giusta e c'ho provato. Ma nel momento in cui comincio a parlare di quella storia e
ripeto gli errori che ho fatto e quanto sono stata incredibilmente folle nelle mie insicurezze e rabbie, provo solo tanto dolore per aver perso una persona e vergogna per quello che ho detto e fatto. Mi sentivo al sicuro e pensavo che mi accettasse nel dolore e nelle insicurezze. Spero di trovare la forza. Grazie ancora.
[#3]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 494 45
Gentile Utente,

per prima cosa credo dovrebbe essere decisamente più gentile con se stessa, anzichè continuare ad accusarsi.

Ha commesso degli errori in passato? Ha ben ricostruito come quegli errori fossero la conseguenza del Suo stato d'animo, delle Sue insicurezze e del Suo dolore. Sarebbe opportuno iniziare a decentrare questa sofferenza e a guardare la situazione con la giusta distanza, in modo tale da poter prendere fiato e imparare davvero a spezzare la sequenza che La spinge a comportarsi nello stesso modo che a Lei non piace.

Ma per fare questo è necessario vedere che cosa succede dentro di Lei nella relazione con l'altro e poi modificarlo.

Con quest'uomo è andata come è andata...
Ora, noi non sappiamo come sarebbe stata la relazione senza quegli errori, ma non ha neppure molto senso rifletterci. Magari non era la persona giusta, quindi è anche inopportuno accanirsi per cercare un senso e per prendersi tutte le responsabilità.

Invece ha senso fare qualcosa per se stessa e liberarsi di ciò che La spinge a commettere il solito copione.

Posso chiederLe che tipo di lavoro ha fatto con lo psicologo?
Quali difficoltà ha incontrato?

Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#4]
dopo
Utente
Utente
Buonasera,
Ho solo cominciato un percorso. In cui ho raccontato molto e mi venivano dati dei testi da leggere a casa. Ma ho interrotto.Non ero pronta ad affrontare molte cose ancora difronte ad un'altra persona.
L'ho fatto da sola, ma penso che dovrò sforzarmi di essere costante nelle sedute, perchè ho bisogno d'aiuto e da sola non ce la faccio veramente. Grazie per la risposta Dottoressa!
[#5]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 494 45
Certamente i Suoi tempi sono quelli da rispettare e Le auguro di riuscire a trovare il benessere che merita.

Voglio però precisare, a tutela dell'Utenza, che un intervento psicologico (di sostegno, di consultazione, di terapia) non prevede la lettura dei libri da leggere a casa.

Qualora decidesse di iniziare, Le suggerisco di verificare sempre che il professionista che La segue sia uno psicologo regolarmente iscritto all'ordine:

www.psy.it

Un cordiale saluto,
[#6]
Dr. Magda Muscarà Fregonese Psicologo, Psicoterapeuta 3,7k 146 11
Gentile ragazza, anch'io la invito ad essere più gentile con sè stessa,, nel lutto, nel dolore, ha reagito come poteva, come sapeva e forse questo lui non è stato abbastanza capace di esserci come fonte di sicurezza , di rassicurazione..
Con un lavoro di rilettura del passato il collega l'aiuterà a guardare alla sè stessa di allora, con più comprensione e nessun giudizio, alla fine si fa quel che si riesce a fare tenuto conto della propria storia e dei propri strumenti.
Si proponga di voler essere più serena, proprio perchè ha già pagato tanto nella vita..

MAGDA MUSCARA FREGONESE
Psicologo, Psicoterapeuta psicodinamico per problemi familiari, adolescenza, depressione - magda_fregonese@libero.it

[#7]
dopo
Utente
Utente
Vi ringrazio veramente tanto per le vostre risposte e suggerimenti. Dentro di me c'è la voglia di uscirne altrimenti non avrei scritto qui. Grazie sinceramente per la vostra professionalità.
[#8]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 494 45
Potrebbe pensare di riprendere il percorso per raggiungere questa finalità.

Se Le fa piacere, ci tenga aggiornate!
Saluti,
[#9]
dopo
Utente
Utente
Grazie ancora.
Ci sono serate in cui è veramente dura la situazione in cui mi trovo. Perchè sento di aver perso tutti i punti di riferimento. Razionalmente capisco tutto, ma emotivamente è veramente molto difficile. E non ho più nè energia nè entusiasmo. Perchè mi sento veramente in balia di tutto e sola.

Grazie ancora

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test