Possibile tradimento

Salve,
sono sposata da 6 anni ed in occasione del compleanno di mio marito, ho trovato nel suo cellulare un sms di auguri da parte della collega di lavoro. Preciso che:
1) nel giorno del suo compleanno mio marito si era preso un giorno di ferie;
2) anni fa ho chiamato al cellulare mio marito ed al telefonino privato ha risposto questa collega;
3) sono stati visti in azienda camminare a braccetto;
4) la signora in questione è divorziata.
Ammetto che i rapporti con mio marito non sono eccellenti.
Tali atteggiamenti, purtroppo di altri non ne ho, possono dare alito ad almeno un feeling tra mio marito e la collega?
Grazie e cordiali saluti.
[#1]
Dr.ssa Flavia Massaro Psicologo 12,5k 233 130
Gentile Signora,

quanto ci descrive può avere più di un significato: suo marito potrebbe avere una simpatia o addirittura una relazione con questa collega, o magari potrebbero essere semplicemente buoni amici.

Per stabilire quale sia la verità è importante che ne parli con lui: lo ha fatto?

Quali sono i motivi dei "rapporti non eccellenti" con lui?

Dr.ssa Flavia Massaro, psicologa a Milano e Mariano C.se
www.serviziodipsicologia.it

[#2]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 493 45
Gentile signora,

ben ritrovata!

Qualche mese fa ci aveva scritto per parlarci della Sua crisi di coppia legata ad un problema di infertilità e Le era stato suggerito proprio un confronto di coppia con l'aiuto di uno psicologo psicoterapeuta.

Lo avete poi fatto? Se sì, come è andata?

Per quanto riguarda i rapporti che Suo marito intrattiene con la collega, si potrebbe ipotizzare che, considerate le tensioni che ci sono state in casa, egli abbia voglia di qualcosa di più "leggero", magari una persona con cui scherzare, ecc...

Ne ha parlato con Suo marito?

Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#3]
Dr.ssa Sara Ronchi Psicologo 559 8 3
Gentilissima,

ha mai parlato apertamente di questa cosa a suo marito?
non tragga delle conclusioni affrettate; potrebbe essere solo un'amicizia e niente di più.
Solo suo marito, guardandolo negli occhi e chiedendo le dovute spiegazioni saprà dirle la verità.

Cordialmente

Dr. Sara  Ronchi
sara71ronchi@gmail.com -3925207768
www.psicologa-mi.it









[#4]
Dr.ssa Angela Sarracino Psicologo, Psicoterapeuta 174 5
Gentile signora,
che siano amici o amanti a questo punto passa in secondo piano rispetto ai nodi centrali della vostra coppia: la sua mancanza di fiducia, che la porta a sospettare (reali o no) tradimenti e l'assenza di comunicazione.
lei scrive: Ammetto che i rapporti con mio marito non sono eccellenti.
che cosa significa? Ne avete parlato? anche suo marito non è soddisfatto?
I suoi dubbi, se restano in silenzio non fanno altro che allontanarvi ancora di più. Racconti allora a suo marito ciò che pensa e prova e veda come reagisce. Può darsi che anche lui sta vivendo un periodo di crisi che si riflette sulla coppia.
Buon lavoro

Dott.ssa Angela Sarracino
Psicologa - Psicoterapeuta - Sessuologa clinica
www.sipsec.it

[#5]
dopo
Utente
Utente
Ho ricevuto una e-mail e tra le cose è stata formulata questa domanda nei miei confronti: "crescono bene le corna che porti in testa?!".
Ho chiesto a mio marito se avesse qualcosa da dirmi e poi gli ho fatto vedere il tutto. Lui si è arrabbiato ed afferma che non ho fiducia in lui e che non ha fatto nulla.
Secondo voi è bello che la stessa collega risponda ad una vostra chiamata indirizzata al cellulare PRIVATO del marito? Secondo voi è bello sentire che li vedono passeggiare sotto braccio in azienda? Secondo voi è bello trovare un sms inviato dalla collega al marito? E secondo voi per quale motivo la signora non risponde alle chiamate (n. 3 anche fuori orario di lavoro) provenienti dal cellulare di mia madre mentre risponde a quelle di un numero esterno alla famiglia?
Non ho potuto dire che ho curiosato senza autorizzazione i messaggi del cellulare, ammetto che sono in fallo. Ma secondo me qualcosa c'è.
Dalla famiglia del marito ricevo altro che delusioni, l'ultima volta in casa dei suoi genitori la sorella mi ha impedito di entrare in salotto con il fratello e la moglie. Comunque anche altre persone del paese reputa tale famiglia per lo meno strana.
Grazie e cordiali saluti.
[#6]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 493 45
Gentile signora,

alla luce di quanto dice e indipendentemente dalla nostra opinione in merito, Lei che cosa intende fare?
[#7]
dopo
Utente
Utente
Io vorrei sapere solo ed esclusivamente la verità.
Ho portato pazienza per tante cose (atteggiamenti del marito, con la collega e dei familiari), ora voglio solo sapere la verità.
In merito all'ostilità dei suoi familiari risolvo il problema evitandoli, per l'amichetta se dovesse essere vero il tutto mi farò da parte.
Prima ho bisogno di prove certe per giustificare il mio distacco.
[#8]
Dr.ssa Flavia Massaro Psicologo 12,5k 233 130
Cara Signora,

purtroppo noi non possiamo sapere se suo marito la sta tradendo o no e non le possiamo dare alcuna certezza.
Gli indizi che riporta sono significativi, ma da qui non ci è possibile stabilire nulla.

Pensa che lui abbia dei motivi per tradirla?
[#9]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 493 45
Se tali sono le problematiche nella coppia (anche di sfiducia reciproca), come mai non ha chiesto una consulenza della coppia come Le avevamo già suggerito?
Suo marito sarebbe favorevole?
Pensa abbia inciso la problematica legata all'infertilità?
[#10]
dopo
Utente
Utente
Perchè non si è ricorso all'aiuto di un esperto? Lui non vuole ed afferma di essere in grado da solo a risolvere i problemi.
Da cosa è nata la problematica? Dall'infertilità e dall'atteggiamento della sua famiglia.
Motivi per tradirmi? Dopo tutte le disgrazie che ho subito (aborti, problemi di salute mie e di un mio caro) mi sono spenta, lui è un tipo giovanile, oserei dire immaturo perchè ragiona come un ventenne mentre ha molti più anni e desidera avere una vita sociale allegra. Vestire bene, alla moda e fare lo struscio in piazza.
E questa signora, ora single, sembra anche lei amare tale tipo di vita che in questi anni va tanto di moda.
Sarà un mio difetto, ma io sono restata una persona semplice, con i piedi a terra ed a cui non interessa la borsa griffata, l'abito all'ultima moda o frequentare locali inn.
[#11]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 493 45
Gentile signora,

dal momento che da qui non possiamo fornirLe indicazioni dirette, né abbiamo il quadro completo della situazione, e soprattutto perché Lei sta soffrendo per le difficoltà relazionali all'interno del Suo matrimonio, potrebbe iniziare Lei a prenotare una consulenza psicologica individuale.

Questo potrebbe permetterLe di comprendere che cosa accade a livello di dinamiche relazionali nel Suo matrimonio e modificare ciò che può modificare; eventualmente potrebbe solo in seconda battuta coinvolgere Suo marito, in accordo con lo psicologo che La seguirà.

Cordiali saluti,
[#12]
Dr.ssa Flavia Massaro Psicologo 12,5k 233 130
"Dopo tutte le disgrazie che ho subito (aborti, problemi di salute mie e di un mio caro) mi sono spenta, lui è un tipo giovanile, oserei dire immaturo perchè ragiona come un ventenne mentre ha molti più anni e desidera avere una vita sociale allegra. Vestire bene, alla moda e fare lo struscio in piazza."

Cara Signora,

se sente suo marito così lontano e decisamente poco coinvolto nella vostra relazione di coppia, oltre che per nulla interessato a darle il sostegno che meriterebbe, può decidere di interrompere il matrimonio anche senza avere la prova provata del possibile tradimento - che comunque non so se potrebbe ottenere - perchè dalle sue parole mi sembra che siano venuti meno i fondamenti del rapporto di coppia, dall'amore al sostegno reciproco, dalla condivisione alla progettualità condivisa alla fiducia.

Se lei sta male per tutta questa situazione, come traspare chiaramente da quello che ci scrive, può considerare seriamente di chiedere la separazione anche a prescindere dal fatto che sia avvenuto un tradimento sul piano sessuale, soprattutto se suo marito non ha la minima intenzione di intraprendere con lei una terapia di coppia che vi consenta di risolvere i vostri problemi.

Ne parli di persona con un nostro collega e si lasci aiutare a chiarirsi le idee e a capire cosa vuole per il suo futuro.
[#13]
Dr. Nunzia Spiezio Psicologo 531 20 3
Cara signora,
comprendo che in questo momento col il turbinìo di sentimenti che le si affollano dentro non è in grado di decidere lucidamente sul da farsi.
Io sarei d'accordo con la dott.ssa Massaro: vada da un collega dal vivo e si lasci aiutare a chiarirsi le idee su cio che, alla luce dei fatti che sono accaduti e che ancora accadono, se ancora desidera questo legame.
Da lì in poi sarà tutto più chiaro. Se capirà che lo desidera ancora combatterà per riconquistare quelle caratteristiche del vostro rapporto che un giorno vi unirono, se deciderà di affrancarsi da questo legame distruttivo perchè pensa di aver mutuato tutto dallo stesso allora guarderà altrove.
Ma ora ritengo che sia troppo sotto pressione per fare bene qualsiasi cosa.
Le faccio tanti tanti auguri.

Dr.ssa Nunzia Spiezio
Psicologa
Avellino

[#14]
dopo
Utente
Utente
Vi ringrazio tutti per i Vs. consiglio.
Comunico, inoltre, d'aver deciso di rivolgermi ad uno specialista e farmi aiutare a vivere in modo migliore la mia vita.
Ho toccato il fondo e vivere in questo modo mi distrugge.
La mia decisione è maturata anche dopo una conversazione con il marito, il quale minimizza i miei problemi (lo ha sempre fatto) e non riesce a visualizzare l'esistenza di problematiche anche all'interno della coppia.
Io ho riferito che non sono soddisfatta della vita di coppia e nemmeno del modo in cui mi trattano i suoi familiari. Lui afferma che non è colpa sua, io ho risposto che davanti a certi modi di fare e/o battute di pessimo gusto lui avrebbe potuto intervenire semplicemente sottolineando l'atteggiamento del parente poco gentile.
Ho fatto presente che non ama il modo di superiorità in cui vengo trattata dalla sua famiglia e che nemmeno i suoi genitori, presenti alle battute, hanno preso la mia posizione. La mia posizione? Che cosa sto scrivendo, anche i suoi genitori fanno parte dello stesso gruppo.
Cordiali saluti.
[#15]
Dr.ssa Flavia Massaro Psicologo 12,5k 233 130
Considerando nel complesso quanto ci ha riferito sul conto di suo marito - oltre che della sua famiglia - penso che si possa anche trattare di un narcisista.
Non so se sia così, ma le segnalo un articolo che la può aiutare a fare chiarezza su questa ipotesi:
http://www.serviziodipsicologia.it/il-narcisista-se-lo-conosci-lo-eviti/
[#16]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 493 45
Gentile signora,

Lei è arrabbiata perchè i parenti di Suo marito Le mancano di rispetto.
Ed è arrabbiata con Suo marito perchè lui non ha preso le Sue difese.
Tuttavia, è importante che Lei si faccia proteggere da Suo marito ma senza accusarlo... infatti Suo marito risponde sulla difensiva: "Lui afferma che non è colpa sua, io ho risposto che davanti a certi modi di fare e/o battute di pessimo gusto lui avrebbe potuto intervenire semplicemente sottolineando l'atteggiamento del parente poco gentile."
Forse questo modo di porsi con Suo marito non funziona; forse con lui funziona un modo più morbido, perchè sebbene la Sua richiesta di protezione sia legittima, è probabile che a Suo marito giunga come una critica o un'accusa.
Per questa ragione è fondamentale all'interno di una coppia imparare a comunicare e chiarire tutti gli aspetti critici.
Uno psicologo psicoterapeuta può aiutarvi.

Cordiali saluti,
[#17]
dopo
Utente
Utente
Egr.a Dr. Angela Pileci,
La ringrazio per la risposta e concordo con Lei.
Tuttavia vorrei risponderLe con questo detto: "non c'è peggior sordo di non vuol sentire".
Io dovrei rivolgere a lui le mie richieste in modo soft. Sono d'accordo anche perchè è sinonimo di civiltà, ma vorrei porre questa domanda: in che modo si pone lui e la sua famiglia nei miei confronti? In modo soft? Non mi sembra. Ho tentato per parecchio tempo a pazientare e comportarmi da persona civile, ma davanti all'arroganza ed all'ignoranza (preciso che questa è una mia convinzione che può essere sbagliata) ad un certo punto bisogna tirare fuori le armi pesanti.
Ora non uso più la pazienza e l'educazione, perchè verrà riservata a chi mi ama e mi porta rispetto. Anche perchè stancandomi di rincorre certa gente arrogante senza risultati rischio di arrabbiarmi ed avere atteggiamenti negativi con chi vuole aiutarmi.
Cosa ne pensa?
Grazie e cordiali saluti.
[#18]
dopo
Utente
Utente
Con riferimento ai messaggi precedenti vorrei cortesemente aggiornarVi sulla mia situazione di coppia. D'accordo con il marito e con i medici ho intrapreso il primo ciclo di PMA con l'assunzione di medicinali che mi stanno causando degli effetti collaterali. Causa questi medicinali mi sento debole e nel week-end, sebbene soleggiato, ho preferito nel pomeriggio distendermi sul letto a riposare: tra pastiglie ed punture...
Morale della favola mio marito si è un pò seccato affermando che lui con un bel sole non resta in casa e che è meglio non iniziare un nuovo ciclo di PMA se ci sono questi effetti collaterali e se non si può uscire di casa a svagarsi.
Io gli ho risposto che sarei stata molto contenta di passargli il mio fardello e pure che per me una gravidanza naturale è la cosa migliore.
Davanti a queste affermazioni ora sto valutando anche l'idea di non avere figli con lui, perchè non mi sembra che valga la pena di farsi del male con i trattamenti di PMA e poi sentire uscire dalla bocca certe affermazioni. Abbiamo anche intrapreso la via dell'adozione, ma lui non è tanto propenso per via del fattore economico da sborsare all'ente per l'adozione e per il fatto che non vuole, come del resto la sua famiglia, un bambino "negro". Scusate, ho scritto l'aggettivo usato dalle persone arroganti della famiglia di mio marito. Io non voglio offendere nessuno, perchè il colore della pelle a me non crea problemi. Cosa ne pensate Voi del tutto? Grazie e cordiali saluti.
[#19]
Dr.ssa Flavia Massaro Psicologo 12,5k 233 130
Cara Signora,

anche alla luce di quanto sta aggiungendo ora:

"mio marito si è un pò seccato affermando che lui con un bel sole non resta in casa e che è meglio non iniziare un nuovo ciclo di PMA se ci sono questi effetti collaterali e se non si può uscire di casa a svagarsi"

penso che sia probabile che suo marito sia un narcisista, attento principalmente a sè stesso e a ricercare ciò che risponde ai propri interessi.

Chiaramente senza un contatto diretto non è possibile stabilirlo con certezza, ma le suggerisco di leggere l'articolo che le avevo già linkato e anche questi altri 2 articoli per farsi un'idea più precisa di cosa significhi:
http://www.serviziodipsicologia.it/lharem-del-narcisista/
http://www.serviziodipsicologia.it/la-donna-del-narcisista/

Se le cose stessero effettivamente così penso che sarebbe utile una riflessione da parte sua su quale direzione potete prendere assieme.
Non so se un bambino adottato, con tutte le problematiche che l'adozione (soprattutto internazionale) implica, potrebbe inserirsi serenamente nel contesto che descrive ed essere seguito adeguatamente da un padre adottivo attento principalmente a sè stesso, come sembra essere suo marito.

Rinnovo anche il suggerimento di parlare con uno psicologo di persona di quanto sta succedendo fra voi perchè possa aiutarla a chiarirsi meglio le idee.

Un caro saluto,

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio