Disturbi d'ansia e insonnia

Buongiorno sono un ragazzo di 31 anni.
Sono ormai quattro giorni che per via della mia ansia non riesco a dormire bene. Fra giovedì e venerdì ho dormito 3 ore massimo, sabato 5, domenica 7, stanotte 2 ore soltanto. Ho da tre settimane a questa parte attacchi di panico: sento come un vuoto al petto, un tonfo e penso sia un infarto. Ho fatto tre elettrocardiogrammi grazie a Dio tutti negativi. Le dottoressa dice che sia colpa della gastrite (non so se io l'abbia o meno), fatto sta che quando mi metto sul letto, pur pieno di sonno,puntualmente mi risveglio.
Stanotte sono andato al pronto soccorso per un attacco: sudarella, battiti accelerati, nausea, pressione al petto, formicolii ad ambe due le braccia. Mi hanno detto che è colpa dell'ansia. Mi hanno dato degli ansiolitici , Tranquirit, e stavo per addormentarmi. Sono però andato a casa e mi sono svegliato di nuovo. E' un incubo, cosa debbo fare?
per quanto tempo una persona può stare senza dormire prima che il suo corpo ceda e muoia?
Grazie mille, buona giornata
[#1]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 493 45
Per prima cosa con il medico di base bisogna indagare sulla gastrite e approfondire.
Tuttavia se al pronto soccorso è stata formulata una diagnosi, è chiaro che bisogna capire come intervenire.
Lei è stato rimandato alle cure del medico di base?

Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#2]
dopo
Utente
Utente
Si , ma il mio medico di base è in ferie sino al 24. Io per star sicuro farò domani una visita cardiologica, per tranquillizzare me stesso. Come ha potuto notare dal mio messaggio, non è che io non dorma, è che faccio fatica, enorme ad addormentarmi. Stanotte ho dormito due ore, ieri sette...ma con molta fatica. Il Tranquirit è un ansiolitico blando? perché tornato a casa non avevo più sonno appena messo al letto.
Grazie mille
[#3]
dopo
Utente
Utente
ho sempre paura mi venga un infarto. Ho il fiato corto, si ferma se faccio il respiro lungo, alla bocca dello stomaco. I medici mi hanno detto che sono troppo giovane per un infarto e di non preoccuparmi
[#4]
Dr.ssa Ilaria La Manna Psicologo, Psicoterapeuta 282 8 14
Gentile Utente,

il fatto che abbia sempre paura di avere un infarto può spiegare, almeno in parte, il fatto che non riesca a dormire (o dormire poco). Se temo di avere un infarto (e quindi di morire) cercherò in tutti i modi di rimanere sveglio e vigile per far fronte all'eventualità dell'evento temuto, ma tutto questo non fa altro che alimentare il circolo dell'ansia non mettendola nella disposizione migliore per prendere sonno. Per addormentarmi devo come "abbandonarmi", lei invece è sempre in tensione.

Cordialmente

Dott.ssa Ilaria La Manna
Psicologa Psicoterapeuta - Padova

[#5]
Dr.ssa Franca Esposito Psicologo, Psicoterapeuta 7k 154
Gentile ragazzo,
Concordo anche io con quanto suggerito dalla Dott.ssa La Manna, probabilmente la sua insonnia si innesca proprio per la "paura di morire" che la coglie.
Purtroppo questi disturbi psicosomatici (perche' di questi si tratta) mettono tanta paura, paura che si autoalimenta.
Il sonno ha suo ritmo regolare e quando tale regolarita' si altera puo' impiegare qualche giorno a ripristinarsi.
Stia tranquillo che non morira' per qualche notte che dorme di meno! Quando il suo organismo sentira' il bisogno di dormire non bastera' neanche la sua ansia a tenerla sveglio!
I migliori saluti

Dott.a FRANCA ESPOSITO, Roma
Psicoterap dinamic Albo Lazio 15132

[#6]
dopo
Utente
Utente
è vero , difatti mi sento sempre teso. Quando ho provato ad abbandonarmi sento come un vuoto alla bocca dello stomaco che mi desta nuovamente.
Ho paura di non dormire giacché penso che il cuore ne risenta e poi possa veramente prendermi un colpo...
Grazie ancora
[#7]
Dr.ssa Valentina Nappo Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 90 24
Gentilissimo,

l'ansia arriva per comunicare qualcosa e non andrà via spontaneamente fino a quando non si darà la possibilità di ascoltarla, di capirla, di approfondirla attraverso l'aiuto di uno psicoterapeuta. Come già le hanno detto i colleghi del pronto soccorso, è l'ansia che si esprime attraverso il suo corpo…e allora perché non occuparsene subito?

Utilizzi questo portale per individuare un collega nella sua città e stia tranquillo, l'ansia passa presto se le si offre uno spazio di ascolto e di cura.

Resto a disposizione
Dr.ssa Valentina Nappo
Psicologa e psicoterapeuta
Terapia individuale, terapia di coppia, terapia familiare
Napoli Soccavo - Pompei - San Giuseppe Vesuviano
www.psicodialogando.com

Dr.ssa Valentina Nappo - Terapia individuale, di coppia e familiare a Napoli

[#8]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno. Sono riuscito a dormire dalle 12:35 alle 13:15. Solo che ora che mi sono svegliato sento formicolii ed agitazione con battiti accelerati. Il mio medico curante mi ha detto di pendere EN per dormire. Io ho letto gli effetti collaterali e c'è che potrei avere una crisi respiratoria fatale e tachicardia. A me manca il respiro e ho il cuore che batte forte ma il mio medico curante mi ha detto di prenderle ugualmente giacché io non soffro di patologie respiratorie.
Posso prenderle tranquillamente?
[#9]
Dr.ssa Franca Esposito Psicologo, Psicoterapeuta 7k 154
Caro Signore,
Si rilassi!
Si rende conto del Suo livello esagerato di vigilanza?
Ha persino controllato che fossero le 12.35 l'ora in cui si e' addormentato! Non le 12.30 circa, ma le 12.35!
Se ipercontrolla tutto come potra' mai rilassarsi?
E ora vuole anche controllare tramite noi le prescrizioni di En che le ha fatto il medico?
[#10]
dopo
Utente
Utente
non voglio controllare, voglio star tranquillo che prendendo EN non possa venirmi la tachicardia...od altre cose
[#11]
Dr.ssa Franca Esposito Psicologo, Psicoterapeuta 7k 154
La tachicardia Le verra' se continua a porsi dubbi incessanti.
[#12]
dopo
Utente
Utente
Buondì...per rispondere alla mia insonnia ho preso alla fine Sonirem, 8 gocce. La dottoressa mi ha maggiormente consigliato quest'ultimo. Ho dormito 3 ore, dalle 22:30 a l'1:15. Svegliatomi non ho più preso sonno...
[#13]
Dr. Magda Muscarà Fregonese Psicologo, Psicoterapeuta 3,7k 146 11
Caro ragazzo, Lei si sente in trincea sempre e la' c'e' il cecchino che le spara.. Come può dormire..con un nemico implacabile?? Invece di controllare i minuti e il tempo che dorme.. Provi a riflettere sulle sue paure , preoccupazioni..su quello che nella sua vita e' il suo..nemico.. E veda anche se non ritenga opportuno farsi aiutare da un Collega de visu.. Non ci dice niente della sua storia , e' da li' che parte il problema...da lontano.. Cosa ne pensa?

MAGDA MUSCARA FREGONESE
Psicologo, Psicoterapeuta psicodinamico per problemi familiari, adolescenza, depressione - magda_fregonese@libero.it

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio